il-lockdown-e-la-sfida-climatica
La natura si riprende i suoi spazi (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

L'Sos di Zingaretti, l'uomo invisibile

Il segretario del Pd annuncia le dimissioni attaccando il partito, che ‘pensa solo alle poltrone’. La strategia dello struzzo non ha funzionato
Commento
1 gior

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni
Commento
2 gior

L'obiettivo resta l'autoimmunità (sanitaria e sociale)

Nei mesi a venire si conteranno le vittime economiche del coronavirus. Toccherà alla società civile insegnare alla politica a proteggersi da sé stessa
Commento
3 gior

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa
Commento
4 gior

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni
L'analisi
4 gior

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania
Sogno o son Festival
4 gior

Sanremo e il Ministero del Divertimento

Lo chiede De Gregori, per la musica e i musicisti. Intanto il Festival parte, perché 'il servizio pubblico non è solo informare, ma anche quote di leggerezza'.
Commento
5 gior

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
1 sett

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
12.09.2020 - 06:000

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo

Sono immagini che abbiamo visto tutti, nei giorni del Lockdown: il miglioramento della qualità dell’aria, con le mappe colorate sui livelli di inquinanti nelle varie regioni del mondo che passano dal preoccupante rosso ai rassicuranti blu e verde, fotografie di cieli e acque incredibilmente limpidi, animali che improvvisamente liberi dalla ingombrante presenza umana vagano in luoghi più o meno naturali. Immagini così popolari da diventare perfino oggetto di parodie e fotomontaggi, con coccodrilli che nuotano nei canali veneziani e l’aria così tersa che finalmente in cielo si vede il logo della Universal Pictures.

“La natura che si riprende i suoi spazi” o addirittura “che guarisce”: è una bella immagine che ci invita, anche in questi momenti dove l’attenzione è comprensibilmente per l’emergenza sanitaria, a riflettere sull’impatto delle nostre attività sull’ambiente. Poco male che con questa immagine si rinforzi una visione ingenua e idealizzata del rapporto tra uomo e natura, con l’idea di un equilibrio della natura che l’ecologia, intesa come scienza e non come attivismo, ha superato da tempo. Il vero problema è un altro: al di là delle impressioni di “rinascita” che abbiamo avuto, gli effetti del Lockdown sul riscaldamento globale sono stati molto contenuti. Certo nelle settimane di chiusura – parziale, non solo perché molte attività sono rimaste aperte, ma perché anche chiusi in casa si continua a consumare risorse – c’è stato un miglioramento di alcuni indicatori, ma è stato un effetto temporaneo, come si è spiegato in un convegno organizzato dall’Istituto scienze della Terra della Supsi (vedi articolo a pagina 12). Possiamo stimare l’effetto a medio termine del Lockdown in un abbassamento della temperatura globale di circa 0,01 gradi. Un centesimo di grado appena. Perché determinante, più che la produzione di gas serra, è il loro accumulo nell’atmosfera, in corso da oltre un secolo: abbiamo momentaneamente stretto il rubinetto di una vasca da bagno quasi piena, ingenuo aspettarsi effetti sul livello dell’acqua.

Se pensiamo agli obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi sul clima, ci vorrebbe un centinaio di pandemie e relative chiusure per rispettarli. Quando a stento stiamo facendo fronte alle conseguenze sociali ed economiche di una. Un calcolo sconfortante, ma per fortuna ingenuo tanto quanto aspettarsi di salvare il pianeta chiudendoci in casa per qualche mese. Non è così che possiamo, e dobbiamo, affrontare il riscaldamento globale.

Eppure, come ha spiegato al convegno il responsabile regionale di MeteoSvizzera Marco Gaia, questo Lockdown può insegnarci alcune cose sul clima. Innanzitutto quanto il nostro impatto sull’ambiente sia importante e duraturo; quanto gli obiettivi di Parigi siano ambiziosi. E, soprattutto, che come umanità siamo in grado di affrontare, più o meno unita, sfide a prima vista impossibili. Come gestire una pandemia e, si spera, contenere gli effetti del cambiamento climatico. Rispetto al Covid-19, il riscaldamento globale ha il problema di essere più sfuggente, apparentemente meno urgente. E forse il ricordo di un cielo terso durante il Lockdown può aiutarci.  

 

© Regiopress, All rights reserved