Danimarca
0
Finlandia
0
1. tempo
(0-0)
la-mafia-fra-bucalettere-bar-e-terreni
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
13 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
5 gior

Una ‘normale’ legge sul CO2, imperfetta ma necessaria

La Svizzera subisce in pieno le conseguenze del cambiamento climatico. Un ‘no’ il 13 giugno farebbe perdere tempo prezioso, e i rischi aumenterebbero...
DISTRUZIONI PER L’USO
1 sett

Il Molino, le ruspe, la cancel culture a rovescio

Fino a ieri i tromboni nostrani lamentavano le demolizioni fasulle attribuite al ‘politically correct’. Come cambia in fretta il mondo, signora mia
Commento
 
27.07.2020 - 06:100

La mafia fra bucalettere, bar e terreni…

In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!

Nelle sue diverse declinazioni, a seconda della regione di provenienza, la mafia continua a far scorrere fiumi d’inchiostro. Anche la domenica. Come noto, a ridestare l’interesse di giornalisti e opinione pubblica nazionale è stata la maxi-inchiesta che ha visto impegnati al fronte delle indagini inquirenti italo-svizzeri. Un’inchiesta che ha portato all’arresto di parecchie persone oltre confine e anche da noi. La ‘Nzz am Sonntag’ ha battuto il ferro ancora caldo rivelando ieri che sul territorio elvetico sarebbero presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine, fra cui Ticino, Vallese e Grigioni, e in città e agglomerati di altri cantoni (evidenza confermata proprio dall’operazione di Catanzaro, con perquisizioni e un arresto fra Argovia, Soletta e Zugo).

Bar vuoti che fanno utili!

Come già avvenuto in altre occasioni, quando dalla palude criminogena qualcosa emerge, c’è chi ripete che, ahinoi!, abbiamo inquirenti non sempre all’altezza, non sempre sufficientemente attenti e capaci di coordinarsi… a causa del federalismo. In questo momento – tra l’altro – anche il Ministero pubblico della Confederazione vive un periodo molto difficile con l’agonia dello scandalo Lauber e la sua annunciata partenza. C’è perciò urgente bisogno che qualcuno prenda seriamente in mano l’emergenza, partendo da tanti dati che si possono osservare nei rapporti d’indagine, ma non solo. Pure l’autorità politica deve darsi una mossa e svegliarsi dal torpore, perché dispone già di informazioni molto significative che dovrebbero indurre all’azione. Il giornale fornisce alcuni esempi lampanti: cosa significa quando leggiamo che “in Ticino diversi bar sono vuoti tutto il giorno, ma realizzano un giro d’affari importante”?. Cosa significa se – anche se non è sempre una prova – all’ufficio tassazioni risulta che un’attività (un bar, un ristorante, un negozio...) ha delle entrate importanti, mentre ve ne sono altre in zona che fanno fatica? Ovvia risposta: che potrebbe esserci qualcosa che non va. Dubbio quindi legittimo: si sta forse riciclando alla vecchia maniera della Pizza Connection? Dai, dobbiamo forse sempre attendere che a dirci quali attività puzzano siano gli italiani? O i nostri 007 attraverso i dati fiscali possono magari anche loro avvertire pure puzza di bruciato?

Quante bucalettere nel Moesano!

Altro tema, già menzionato negli anni, è poi quello delle società bucalettere. Cosa ribadisce il domenicale zurighese? Che le organizzazioni criminali sono solite utilizzarle – citiamo – “per lavare il denaro frutto di attività criminali”. “Solo nella valle grigionese di lingua italiana – ricorda il foglio – sono registrate circa 2mila società di questo tipo, per una popolazione di 8’300 abitanti”. Spuntate come funghi! Già! Come mai?

E certa edilizia?

Un brivido lo avvertiamo quando leggiamo che la sindaca di San Vittore Nicoletta Noi Togni (che in passato si è già attivata anche contro le bucalettere) dichiara al domenicale che, sì, è consapevole del problema, ma che ha “le mani legate nei confronti di questo modus operandi che contempla anche, oltre alla fondazione di società fittizie, pure l’acquisto di terreni”. E poi – udite udite – “gli abitanti sono contenti quando ciò accade, perché almeno qualcuno vuole costruire”. Sì, ma piazzando che genere di capitali? Puliti o sporchi?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved