NY Rangers
2
PHI Flyers
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
viva-la-vita-reale-telefonini-spenti-a-scuola
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
20 ore

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
2 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
2 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
2 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
4 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
4 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
5 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
5 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
19.02.2020 - 06:300

Viva la vita reale, telefonini spenti a scuola

E non si tratta di voler tenere gli allievi sotto una campana di vetro!

Telefonini a scuola: il giro di vite è stato dunque benedetto da una larga maggioranza del parlamento. Ora la palla passa al consigliere di Stato Manuele Bertoli. Il ministro avrebbe preferito lasciare maggior autonomia agli istituti, che hanno utilizzato in modo differenziato le direttive già adottate dal Decs. Così alcune scuole medie avevano già deciso di bandire i telefonini, mentre altre sedi avevano adottato soluzioni più soft nelle pause, senza trasformare i docenti in poliziotti.

Ora è però passata la richiesta che vuole che nelle scuole dell’obbligo si spengano gli smartphone. Apparecchi che non dovranno neppure essere visibili fisicamente e che non potranno essere utilizzati – e questa è la sfida più impegnativa – durante le pause. Un passo per gestire in modo più omogeneo la materia in tutte le scuole dell’obbligo. Di fatto si inaspriscono e uniformano le precedenti direttive del Decs di Bertoli.

Cyberbullismo e dipendenza

Come noto, sul banco degli imputati vi sono due comportamenti problematici nei rapporti giovani-cellulare: il cyberbullismo, i cui effetti possono essere devastanti sulle vittime, e l’uso senza limiti dello smartphone, che crea dipendenza (anche) nei giovani.

In aula si sono confrontate due visioni. Quella di chi in sostanza ha detto che non si proteggono i giovani mettendoli sotto una campana di vetro e quella di chi ha sostenuto la creazione di momenti di astinenza dal telefonino – non tanto per permettere ai ragazzi di concentrarsi maggiormente su quello che si impara a scuola (perché durante le lezioni i telefonini sono sempre ritirati o spenti) – ma per permettere loro di fare esperienze di vita reale coi compagni perlomeno durante le pause. Per accorgersi dei mutamenti generati da tale tecnologia basta del resto passare durante la ricreazione fuori da taluni istituti scolastici che non hanno bandito i cellulari dal perimetro scolastico. Si possono vedere tanti giovani, uno accanto all’altro, che non dialogano, ma consultano il proprio schermo.

Si tratta quindi di far capire a chi non ha mai vissuto senza il telefonino che ci sono anche persone in carne ed ossa che ci stanno accanto e con le quali è bello interagire. Che la vita reale – che poi li attende fuori – è anche fatta di rapporti umani con persone vere. Che deve esserci un giusto equilibrio fra uso degli schermi privati e vita sociale. Ed è un bene che la scuola opti per un cambio di passo favorendo quel genere di esperienze a scapito del dio-cellulare.

Tocca anche alle famiglie!

Certo, può però essere problematico delegare ulteriori compiti alla scuola se… accanto ai docenti non vi sono le famiglie. È indispensabile che queste ultime siano alleate con gli insegnanti, i quali dovranno già vegliare affinché la scelta di campo (e di valori) sia effettiva. Starà a loro far rispettare l’inasprimento. E se si troverà l’alleanza coi genitori – che spesso si lamentano perché non sanno più come fare – scuola e famiglia avranno tutto da guadagnarci. Famiglie che spesso (e purtroppo) hanno già perso la prima battaglia dell’uso consapevole del telefonino a casa loro…

Non si tratta quindi di voler tenere nessuno sotto una campana di vetro. Anzi, la scuola deve continuare a preparare allievi capaci di entrare nel miglior modo possibile nel mondo del lavoro e in società. Anche per questo il parlamento ha già licenziato un messaggio di 47 milioni di franchi per creare aule di informatica e dotare gli allievi di tablet e lavagne interattive. La formazione su questo fronte deve continuare. Come deve continuare la formazione al rispetto di chi ti siede accanto (evitando atti di bullismo), nel quale ci inseriamo la considerazione delle persone (evitando di sostituirle con gli schermi).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved