laRegione
una-croce-di-cartapesta-per-matteo-salvini-martire
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
8 ore

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
1 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
1 gior

Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato

Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
3 gior

La piccola Greta e il pulmino solo per residenti

Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
3 gior

Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)

(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior

Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi

Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
4 gior

Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare

Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
5 gior

Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile

Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
5 gior

La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre

Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
6 gior

Presidenza Plr, lei o lui. E una supersquadra!

Timoniere/a con di fronte a sé una sfida da ramponi sulla parete Nord dell’Eiger!
Commento
6 gior

Tanti errori, tanta energia. Ma questi giovani ci salveranno

Risse, mancato rispetto delle misure anti Covid: abbiamo puntato il dito contro i giovani. Ma il nostro riscatto è nelle loro grandi e preziose risorse
Commento
1 sett

Donald Trump non è pazzo, ma è pericoloso

Il rifiuto di ammettere la sconfitta è parte di una strategia del caos per alimentare il mito della 'vittoria rubata'. Con conseguenze poco rassicuranti
Commento
21.01.2020 - 06:000

Una croce di cartapesta per Matteo Salvini martire

Cartapesta, come l’uomo che si vuole spacciare per martire di un sistema che non potendolo battere nella contesa elettorale, lo ha condannato al supplizio giudiziario

Nel vangelo secondo questo Matteo, in croce finì Salvini. Una croce di cartapesta, come l’uomo che si vuole spacciare per martire di un sistema che non potendolo battere nella contesa elettorale, lo ha condannato al supplizio giudiziario.

Andrò in prigione, se la patria lo richiede, ha detto il prode ex europarlamentare a scrocco, offrendo il petto alle canne dei fucili “comunisti”. E scriverò le mie prigioni, ha aggiunto evocando un Silvio Pellico di cui si era scordato l’esistenza fino a che i suoi spin doctor non gli hanno suggerito l’opportunità di citarlo.

Il perché Salvini andrà (forse) a processo è noto: da ministro dell’Interno sequestrò i migranti a bordo della nave Gregoretti (non un naviglio pirata, ma della Guardia Costiera), impedendo loro di mettere piede sull’italica terraferma. Tecnicamente il reato che gli viene imputato è questo. Politicamente dovrebbe essere un altro, anzi due: l’occupazione del potere come solo a un caudillo brianzolo potrebbe venire in mente; e la propalazione di balle spaziali: mentre lui sequestrava i poveretti a bordo della Gregoretti, altri sbarcavano alla chetichella eludendo i controlli che lui vantava di avere messo a regime, insieme al blocco della “invasione” di cui si era fatto manifesto.

Due cose, dunque: Salvini non è uno che andrà in prigione. Non solo perché il garantismo del sistema giudiziario italiano, associato alla farraginosità delle procedure che tanto ha giovato ai suoi padrini politici, gli assicura piede libero proprio come ai “mafiosi e spacciatori” di cui lamenta l’impunità.

Non andrà in galera, in secondo luogo, perché tutta la sua “carriera” politica testimonia di un opportunismo senza pari. Salvini se l’è sempre cavata fingendo: di lavorare, di avere una visione politica, di pagare di persona. Dai tempi di Radio Padania, ai debiti della Lega, al batticassa con l’ultradestra bigotta, meglio se russa.

La sua finta martirizzazione – che ribalta la tattica iniziale di diniego delle accuse, prima, e di chiamata di correità del primo governo Conte, poi – durerà il tempo del polverone sollevato ad arte dalla Bestia (la sua macchina propagandista, pagata da tutti gli italiani), poi si passerà ad altro.

Lo avvantaggiano, è vero, la condizione di campagna elettorale permanente in cui si trova l’Italia (regionali, legislative, europee, comunali) nella quale il Tipo dà il suo peggio; un incanaglimento del discorso politico dominante, rafforzato dallo zelo servile dei media; e lo stato confusionale in cui versa l’altro versante del panorama politico. A partire dal fatto che la golden rule dell’attuale maggioranza è ancora detenuta dagli uomini di un movimento che a Salvini ha concesso tutto, quando erano soci in affari, compreso il sequestro della Gregoretti.

La conferma di quanto sopra viene da come si è giunti al voto nella giunta del Senato per le autorizzazioni a procedere: messa in calendario con il voto decisivo della presidente Casellati (suo unico titolo: essere una Berlusconi woman) che ha derogato ai suoi doveri di terzietà, la riunione è stata disertata dai componenti della maggioranza Cinque Stelle-Pd-Renzi, mentre decisivo per il sì all’autorizzazione a procedere è stato il voto dei membri leghisti, fedeli esecutori degli ordini di scuderia. Perché poi la maggioranza abbia abbandonato la giunta, dopo avere tentato vanamente di rinviarla a dopo il voto regionale in Emilia Romagna, è presto detto: per non fornire un nuovo argomento alla propaganda di Salvini. Ma riconoscendo in questo modo una propria subalternità, o quantomeno la propria debolezza dinanzi alla forza comunicativa del finto aspirante martire. Una “sinistra” (con un’infinità di virgolette), permanentemente incerta sul da farsi, incapace a sua volta di articolare un proprio discorso e ansiosa di trovarne uno nella mobilitazione delle “sardine”.

Intanto Salvini, passato da selfie con la bocca piena di bomboloni-salsicce-crauti-zuccherofilato, al digiuno gandhiano imposto, via hashtag, ai seguaci, si gode il quarto d’ora di martirio virtuale. Poi taglierà la corda. Una Hammamet televisiva vuoi che non gliela trovino?

© Regiopress, All rights reserved