salute-fra-tir-e-5g-chi-fa-i-nostri-interessi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
50 min

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
26.07.2019 - 06:30

Salute fra Tir e 5g: chi fa i nostri interessi?

Vogliamo la botte piena e moglie ubriaca. A Pollegio fa discutere un'antenna di telefonia piazzata in giardino. Costruiamo Alptransit, ma i Tir continuano a viaggiare sulle autostrade...

di Matteo Caratti

È saggezza antica: difficile, se non persino impossibile, riuscire ad avere la botte piena e la moglie (o il marito) ubriaca. Così, presto o tardi, il proprietario della casa di Pasquerio – che ha affittato la sua casa a inquilini con due figli piccoli, i quali si sono poi visti spuntare in giardino una modina preannunciante l’arrivo di un’antenna (5G?) – dovrà decidere. O puntare sulla modina o affittare la casa. A meno che non trovi inquilini disposti, magari pagando un affitto irrisorio, a vivere sotto un’antenna di telefonia.

Non sarebbero di certo i primi, basta guardare all’insù, sui tetti di tanti palazzoni, non solo destinati a ufficio, ma anche ad abitazione: le antenne, non necessariamente già 5G, abbondano. Un fatto è comunque certo: visto l’importante importo – ecco la novità – che la compagnia telefonica è disposta a sborsare – si parla di cifre che vanno dai 100 ai 200mila franchi – è normale che al privato proprietario di un terreno la cifra faccia gola. Non saranno pochi quelli disposti a ricevere l’obolo, a maggior ragione se non vivono nei paraggi. Una bella boccata d’ossigeno, che però è destinata a fare del bene solo al portafogli di chi la riceve. Gli altri… gli altri che si arrangino e, se lo desiderano, che traslochino pure! Già, ma questo ragionamento lo può fare chi – come nel caso di Pollegio – è l’inquilino del proprietario che accetta antenna e soldi. Tanti soldi. Ma come la mettiamo con chi abita nelle immediate vicinanze e traslocare non può? Ci saranno anche dei vicini che hanno acquistato un’abitazione nei paraggi, o no? E a costoro solo potenziali danni e nemmeno un soldo bucato? Ovviamente, sempre che si ragioni in termini meramente monetari, come se coi soldi alla fin fine si potesse comperare tutto, anche una possibile rinuncia ad una parte della salute, o perlomeno al rischio di rinunciarvi!

È vero, di situazioni simili ce ne sono anche altre. Sono talmente entrate nella normalità che non ci pensiamo nemmeno più. Prendiamo ad esempio i Tir che attraversano, per una somma irrisoria, da nord a sud e da est a ovest, il nostro territorio, anziché caricare le loro merci su rotaia. AlpTransit l’abbiamo costruita a colpi di miliardi per chi? Ma per trasportare le merci su rotaia e ridurre il più possibile il numero di Tir che inquinano (e non poco) l’ambiente in cui viviamo tutti. Di questi giorni poi, con l’ozono alle stelle, dei bestioni della strada ne faremmo ancor più volentieri a meno. Berna, a suo tempo, aveva deciso che potevano passare pagando, come detto, pochissimo. Così chi si trova sulle vie di transito – Iniziativa delle Alpi o meno – è semplicemente costretto a subire, ossia a respirare aria inquinata e a sorbirsi pure l’inquinamento fonico. Anche qui ad andarci di mezzo è la nostra salute. Non è forse il bene più prezioso che abbiamo come essere viventi? E anche qui abbiamo finito per voler, in un certo senso, la botte piena (AlpTransit) e la moglie ubriaca (Tir ancora su gomma) con di mezzo sempre il discorso delle palanche.

Alla base di tutto c’è il fatto che siamo sempre più numerosi a vivere su un territorio limitato. Perciò talune istanze di salvaguardia della qualità di vita in un ambiente intensamente sfruttato cominciano ad affermarsi.

La domanda di fondo che ritorna è quindi questa: ma chi fa gli interessi della popolazione? Interessi anche di carattere ideale, nei quali rientra per l’appunto la garanzia di poter vivere in un territorio sano e rispettoso dell’ambiente e della propria vita?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved