sul-5g-c-e-solo-tanta-confusione
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
20 ore

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
1 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
2 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
4 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
4 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
5 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
6 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
1 sett

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
02.07.2019 - 06:30
Aggiornamento : 07:04

Sul 5G c'è solo tanta confusione

Non serve a nulla aver paura delle antenne se si dà il tablet ai bambini. Ma è uno dei tanti effetti del clima di allarmismo e confusione che si è creato

di Luca Berti

Alla fine c’è da farsi venire il mal di testa, ma non è colpa delle onde 5G. Non direttamente, almeno. È per via della confusione che regna su tutta questa faccenda della telefonia mobile di nuova generazione: preoccupazioni reali si sono sommate a informazioni approssimative, mezze verità e qualche “realtà alternativa” (perché così si chiama la disinformazione nell’era politica di Trump). Dubbi, allarmi (a volte cavalcati) e poca chiarezza sono un terreno fertile per scatenare le psicosi collettive di chi, giustamente, non sa più se preoccuparsi oppure no. Per questo è fondamentale fermarsi un attimo, riflettere e cercare di capire davvero di cosa si sta parlando. Bisogna però farlo lontani il più possibile da ogni pregiudizio di sorta, secondo il principio che solo chi è correttamente informato può poi prendere decisioni sensate.

Con la collega Simonetta Caratti abbiamo voluto prenderci questo impegno e costruire una serie di approfondimenti, di cui pubblichiamo oggi il primo, volti a dare ai lettori tutti gli strumenti per andare a fondo della questione senza preconcetti. Il che vuol dire che non daremo voce a chiunque abbia un’opinione (che potrebbe essere motivata anche da calcoli economici o politici), ma a chi ha dei fatti. E l’autorevolezza per esporli. Cercando sempre di applicare il massimo rigore alla verifica della realtà.

Fatti, appunto. Allo stato attuale è un fatto che il 5G in corso di installazione in Svizzera non ha nulla a che fare con le onde millimetriche di cui si sa ancora poco. Chi da noi le tira in ballo lo fa un po’ a sproposito. Quantomeno va un po’ lungo, dal momento che il loro impiego su suolo elvetico non è approvato. Le vecchie e nuove installazioni 5G impiegheranno invece frequenze ‘centimetriche’, analoghe a quelle del 4G e del 3G (i telefonini che abbiamo tutti in mano). Dell’eventuale impiego delle onde millimetriche si discuterà a novembre nella World Radiocommunication Conference in programma a Sharm el-Sheikh. Siamo ancora alla fase embrionale, quindi.

C’è poi la lotta alle antenne. Brutte da vedere, sì. Ma che a conti fatti sono responsabili di solo il 10% delle emissioni elettromagnetiche di telefonia mobile. Il 90% ce le infliggiamo noi stessi perché arrivano dai telefonini che ci portiamo gelosamente in tasca. O, dal tablet che diamo in mano ai nostri figli per guardare i cartoni animati, con il videostreaming di Peppa Pig che spara radiofrequenze nei dintorni come se non ci fosse un domani. E magari siamo tranquilli perché nel frattempo, presi da tanto allarmismo, abbiamo comprato loro il cappellino (dalla dubbia efficacia) anti antenne 5G. Ci sarebbe da sorridere se non si fosse a un passo dalla stagnola in testa. Invece è importante essere seri.

C’è infine l’argomento più discusso, difficile e complicato: la pericolosità delle onde. Dal punto di vista del rischio di cancro, per ora l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) le classifica come “potenzialmente cancerogene”. Il che significa che ci sono indizi che potrebbero esserlo, ma non delle prove. Nella stessa categoria troviamo il ginkgo biloba, l’estratto di foglie di aloe vera, la cocamide Dea (usata come agente schiumogeno per shampoo e bagnischiuma). Più cancerogene delle radiofrequenze sarebbero quindi la carne rossa (probabilmente cancerogena), l’alcol (provato cancerogeno) e il fumo. In base ad alcuni studi recenti sul 3G, l’Oms potrebbe rivalutare la questione. Potrebbe: se innalzerà il grado o meno, è ancora da vedere, ma qualora dovesse accadere, lo stesso sacrosanto principio di precauzione invocato sul 5G, andrebbe applicato anche a tutta la telefonia mobile e i WiFi. Perché non c’è differenza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved