laRegione
Nuovo abbonamento
Athos Gallino con la moglie nel 2007 al momento del conferimento della cittadinanza onoraria
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
1 sett
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
22.06.2019 - 06:300
Aggiornamento : 08:19

Se le strade di Bellinzona raccontano la nostra storia

Bel segnale della Città: segnalare quattro persone particolarmente meritevoli e dedicare loro delle vie. Ma nell'era del digitale andiamo oltre!

Bello! La Città di Bellinzona ha annunciato di voler intitolare due vie a due donne e a due uomini meritevoli. Così ‘Via Parco’ diventerà ‘Via Lucia Buonvicini’ (partigiana, attiva durante la Seconda guerra mondiale lungo la frontiera con la Svizzera), un tratto di ‘Via Linoleum’ a Giubiasco prenderà il nome di Ada Martinoli (già municipale del Borgo per due quadrienni), ‘Via Ospedale’ sarà dedicata ad Athos Gallino (medico e sindaco della Città), mentre ‘Via Belsoggiorno’, sempre a Bellinzona, sarà dedicata al poeta e scrittore Giorgio Orelli. Il Municipio ha così inteso – si legge nel comunicato – ‘rendere omaggio a figure che hanno contribuito a dare lustro alla città di Bellinzona con la loro attività, i loro ideali e il loro esempio’. L’iniziativa è di alto valore civico, oltre che di recupero della memoria e di omaggio a chi, in varie forme, si è speso per la collettività, anche al massimo prezzo, quello della propria vita (com’è stato il caso per la partigiana Lucia Buonvicini).

Il passo compiuto dall’esecutivo ci rammenta quanto scritto dal docente e storico Silvano Gilardoni, nella premessa al volumetto edito dal nostro giornale nel 2004. L’agile pubblicazione, intitolata ‘Impronte di memoria’, raccoglie alcune tracce del nostro passato disseminate sul territorio da monumenti sparsi per città, strade e contrade della Svizzera italiana e spiega ai lettori quale fatto storico o quale persona abbia portato alla costruzione di un determinato monumento. A chi non è capitato di passare accanto ad una lapide, a un busto o a una scritta, dedicati ad un personaggio che significò qualcosa per la nostra terra, senza aver più la benché minima idea di chi fosse quell’illustre volto, o a quale preciso accadimento si riferissero i segni rimasti? Nella sua prefazione Silvano Gilardoni scrisse appunto questo: ‘L’autore sarà contento se questo libretto aiuterà qualcuno ad affinare lo sguardo, ad accorgersi di presenze rese invisibili dall’abitudine e cancellate dalla fretta’.

È proprio questo l’auspicio che deve aver fatto proprio anche la Città di Bellinzona nel decidere di segnalare quattro persone particolarmente meri­tevoli e dedicare loro vie cittadine. Ottimo! Ma, giunti a questo punto, si può andare anche oltre. Riflettiamo: siamo nel 2019, la tecnologia digitale impazza. L’opera di memoria può/deve quindi essere fatta in modo anche diverso. Perché dunque non pensare di abbinare spiegazioni digitali su chi e che cosa sono stati costoro in vita e non limitarsi al fisico cartello? Si potrebbe sfruttare, come detto, anche la tecnologia che con un clic sul telefonino permette di aprire una, due, dieci, cento finestre dedicate ad un determinato personaggio di primo piano o anche a uno più regionale. Un progetto civico-educativo questo che, ai nostri tempi, deve poter essere esteso a coloro – e non sono pochi – che hanno fatto grande (e soprattutto migliore) la comunità e ai quali sono state dedicate tante vie e piazze.

Insomma, non limitiamoci ad aggiungere qualche nome alle centinaia e centinaia già esistenti, ma cogliamo l’occasione per accorgerci anche – come scrisse Silvano Gilardoni – ‘di persone rese invisibili dall’abitudine o cancellate dalla fretta’. O, aggiungiamo noi, cancellate dall’ignoranza, dalla non conoscenza della storia e della civica in chi oggi spesso viene da fuori, o semplicemente è sempre stato qui ma non si è mai curato di loro.

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved