ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
2 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
2 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
3 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
4 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
5 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
6 gior

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett

L’isola delle rose

Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett

Federer, il più amato

Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
22.05.2019 - 06:30

Violenze sessuali sulle donne, si cambi marcia!

Dati impressionanti resi noti da Amnesty International: in Svizzera una donna su cinque subisce atti sessuali non consenzienti. Occorre reagire!

di Matteo Caratti
violenze-sessuali-sulle-donne-si-cambi-marcia

Violenze sessuali: c’è ancora molta strada da percorrere e su più fronti. Lo dicono i risultati di un’indagine della sezione svizzera di Amnesty International sulle violenze sessuali commesse contro le donne nel nostro Paese. E lo dicono anche i processi celebrati in Ticino. Andiamo con ordine. Amnesty svizzera, nel suo sondaggio rivela un dato impressionante: da noi la violenza sessuale riguarda una donna su cinque di età superiore ai 16 anni. Parliamo quindi di donne che hanno subito atti sessuali non consensuali. Una donna su dieci, sempre qui in Svizzera, ha invece avuto un rapporto sessuale contro la sua volontà.

Siccome di fatto questi dati statistici non trovano un così grande riscontro nei processi penali, ciò significa che cosa? Che, da un lato, c’è ancora molta reticenza nel denunciare gli abusi da parte delle vittime e, dall’altro, che la legge non viene sempre in loro aiuto. Che fare dunque? Primo, un passo a livello sociale: va aumentata la consapevolezza che quel determinato comportamento e quell’atto sono lesivi della propria sfera personale e sessuale. Va quindi aumentata la presa di coscienza nelle donne medesime che possono, anzi devono denunciare determinati comportamenti. Ma, siccome a volte i paragrafi del codice penale risultano inapplicabili, (secondo passo) va anche cambiata la legge. Senza entrare troppo nei tecnicismi è un dato di fatto che da noi certi atti sono puniti solo e soltanto se c’è stata violenza (coercizione, minacce) da parte dell’autore e resistenza da parte della vittima. È tempo e ora di riconoscere che – come propone il professore di diritto penale Mona – ‘la vera posta in gioco e l’ingiustizia centrale non è la coercizione o la violenza, ma il non rispetto dell’autodeterminazione sessuale’. Insomma, ‘è imperativo mostrare alle persone toccate che il diritto penale in materia di reati sessuali riconosce l’atto senza il mancato consenso quale grave ingiustizia’. E per questo Amnesty propone di rivedere il diritto penale svizzero in materia, per introdurre un nuovo criterio che prevede che qualsiasi atto sessuale senza consenso reciproco sia punito (come previsto dalla Convenzione di Istanbul).

A questi passi Amnesty ne aggiunge altri, quali la formazione obbligatoria e continua dei magistrati, della polizia e degli avvocati nella presa a carico delle vittime di violenza sessuale, come pure la raccolta sistematica di dati e la realizzazione di studi in materia.

Conveniamo che, già realizzare quanto sopra, non sia poca cosa. Ma cosa ci dicono i processi che sono stati celebrati ancora di recente? Che ci sono dipendenti dello Stato o dei Comuni con posizioni molto delicate (perché sono a stretto contatto con la formazione, coi giovani e con tante potenziali vittime di abusi) che meriterebbero pure loro una formazione ad hoc. Quante volte abbiamo sentito dire ‘che sì, era stato riferito che tizio aveva un certo comportamento, ma che mai e poi mai avrei pensato che…’; ‘che insomma, ha agito in buona fede…’. Poi, però, alla prova dei fatti ecco che quel comportamento (perlomeno inappropriato) era chiaramente da ricondurre a un caso di violazione della sfera sessuale di una persona, indipendentemente – come evidenzia Amnesty – dal fatto che vi fosse o meno violenza. Considerata la difficoltà nel fare emergere simili casi, va fatto di più quindi anche sul fronte della responsabilità di tutti i potenziali attori lungo le trafile (non solo della donna abusata), affinché il marcio nascosto affiori con più facilità e chi deve pagare paghi il più presto possibile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved