laRegione
Nuovo abbonamento
il-terremoto-telecom
(Foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
21 ore

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
2 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
3 gior

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
4 gior

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
5 gior

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
6 gior

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 sett

Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano

I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
1 sett

Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza

Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
1 sett

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
01.03.2019 - 06:040

Il terremoto telecom

L'annunciata fusione tra Sunrise e Upc crea le premesse per dinamizzare il mercato della telefonia mobile

Il mercato svizzero delle telecomunicazioni si appresta a vivere un piccolo terremoto e questo alla vigilia dell’avvento della tecnologia 5G. La fusione tra Sunrise e Upc, se confermata dalle competenti autorità di vigilanza del mercato, romperà gli equilibri che si erano creati negli ultimi anni e darà vita a un vero e proprio duopolio in uno dei settori strategici dell’economia del futuro ovvero la connettività ultraveloce tra le persone e tra le macchine (l’Internet delle cose, per intenderci). La prima conseguenza visibile sarà la sparizione di un marchio che ha fatto la storia della tv via cavo negli anni 80, mentre la seconda sarà un auspicabile e probabile calo delle tariffe per gli utenti. Per la prima volta dalla liberalizzazione del mercato telecom, l’ex monopolista Swisscom se la vedrà con un forte concorrente nei settori della telefonia mobile, di quella fissa e nella televisione.

Non era però un mistero che il fondo d’investimento proprietario di Upc, Liberty Global, dopo aver disinvestito in vari Paesi europei, avesse intenzione di vendere anche la sua controllata svizzera. Da parte sua Sunrise, quotata in Borsa solo dal 2015 e partecipata per il 25% dalla società tedesca Freenet, ha sempre affermato che avrebbe potuto continuare da sola sul piccolo, ma redditizio mercato elvetico. L’opportunità di acquisire le attività svizzere di Upc ha fatto cambiare strategia a Sunrise che ha anche annunciato di voler ricorrere al mercato per raccogliere almeno 4,1 miliardi di franchi dei 6,3 occorrenti all’operazione. Sarà necessario anche un aumento di capitale da cui, comunque, si è chiamato fuori il socio di maggioranza relativa Freenet. In sostanza sarà la sola entità elvetica a farsi carico dell’acquisizione. Una questione che ha fatto storcere il naso a più di un azionista, visto che il titolo Sunrise ieri è calato di oltre l’8,4% alla Borsa di Zurigo dopo essere passato in poche ore da 80,80 franchi a 72,20. Al termine delle contrattazioni ha chiuso in lieve recupero a 74,05 franchi.

La fusione, comunque vada, unirà due aziende con profili molto diversi. Sunrise è un operatore con il vento in poppa. La sua rete di telefonia mobile è considerata buona e affidabile al pari di quella di Swisscom, tanto che nell’ultimo trimestre del 2018 ha acquisito ulteriori 42mila abbonati. Anche il fatturato è in aumento a oltre 1,8 miliardi di franchi mentre l’utile netto, depurato da effetti straordinari, è salito a 107 milioni (+25%). In totale gli abbonati alla telefonia mobile del secondo operatore svizzero sono 1,7 milioni; 457mila sono i collegamenti a internet; 244 utenti di Sunrise Tv e 468mila gli abbonati alla telefonia fissa.

Upc ha invece una dinamica diversa con cifre in calo in termini di fatturato e utile. Anche gli abbonati sono in diminuzione (-32mila quelli alla tv, il business principale; -12mila gli allacciamenti a internet). D’altra parte, l’operatore via cavo ha conquistato 9mila utenti della telefonia mobile (146mila in totale) e si appoggia alla rete mobile Swisscom per servirli. L’operazione di fusione combinerà i punti di forza delle due compagnie. Sunrise porterà in dote la sua rete mobile che si allargherà al 5G, mentre Upc la sua rete via cavo e 17’500 chilometri di fibre. In questo modo entrambe faranno a meno di Swisscom: Sunrise per l’infrastruttura fissa e Upc per quella mobile. Se ciò andrà a beneficio degli utenti in termini di minori costi, lo dirà soltanto il tempo. È sicuro che un certo dinamismo sul mercato nei prossimi anni ci sarà. Con Salt, il terzo operatore, che sarà il vaso di coccio tra due vasi di ferro.

© Regiopress, All rights reserved