mamma-perche-hai-messo-tutte-quelle-mie-foto-online
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
2 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
16.01.2019 - 06:30
di Matteo Caratti

Mamma, perché hai messo tutte quelle mie foto online?

Quando i figli crescendo considerano imbarazzanti le immagini e i filmati postati a loro insaputa dai genitori!

Ancor prima che i nostri figli inizino a interessarsi del nostro telefonino – che è ormai un computer a tutti gli effetti – in un’età che continua ad abbassarsi, hanno già un’identità digitale. Esistono già in rete, perché noi genitori per anni e anni e in tante occasioni già a partire dal concepimento e forse ancora prima, abbiamo postato tutta una serie di foto e di filmati per documentare il loro arrivo.

Quali? L’annuncio in famiglia ai futuri nonni: ‘Indovinate cosa ci sarà di nuovo quest’anno?’ e giù il filmato coi sussulti e lacrime dei (presto) nonni; ‘clic’ e via con le immagini del pancione e magari anche delle ecografie prontamente postate su Instagram; e poi, dal primo vagito, foto con situazioni di ogni genere: belle, brutte, simpatiche, scatti di ira, attacchi di panico, fratelli che si menano e via dicendo. Come se i genitori dovessero documentare ogni attimo della vita di chi verrà o è appena venuto a questo mondo. Materiale che per riuscire a vederlo tutto, anche per uno che è ai primi passi, ci vorrebbe una vita e mezza!

Cosa denotano questi nostri nuovi comportamenti? Se lo sono chiesti in settimana i colleghi del quotidiano romando ‘La Liberté’.

Intanto, se fino all’altro ieri erano i genitori a dire ai figli state attenti a non mettere di tutto e di più in rete, oggi quei figli sono diventati genitori. E, indipendentemente dall’educazione ricevuta, postano spesso e volentieri immagini private della loro famiglia. Quasi come se nulla fosse. Comprese le foto dei figli (come detto) appena nati e minorenni, senza che sia chiesto loro preventivamente alcun permesso.

Mettono dunque in piazza – ma ne sono coscienti? – aspetti della personalità e dell’identità dei loro rampolli, che non solo potrebbero esser di particolare interesse per malintenzionati, ma che un domani potrebbero far dire al figlio: ‘Mamma, papà ma perché avete messo in rete tutte queste immagini di me rendendole accessibili a tutti?’. Tanto più se poi fra giovani, ad un certo punto, parte di quelle immagini rispunta fuori e trasforma l’iper fotografato/filmato nello zimbello del momento: perché si comportava così (dita nel naso e sbrodolata di minestrone), si vestiva così alla Pippo-Pippo-non-lo-sa, usava quelle espressioni tanto carine (ma che poi i compagni canzonano), ha preso uno spavento per nulla, è caduto dall’altalena ecc.

‘La Liberté’ ci informa che il 19 per cento dei genitori ha pubblicato in rete immagini che i loro figli una volta cresciuti hanno trovato imbarazzanti.

E perché lo hanno fatto? Per ricevere subito una gratificazione dalla rete: per vedere cioè quante faccine finiscono sotto la foto del piccolo o della piccola. Gratificazione evidentemente per l’adulto che posta, non per chi è postato a sua insaputa!

Quindi, cari adulti, pensiamoci bene prima di liberare in rete immagini di altri individui, a maggior ragione dei nostri figli. Rimangono online, vanno a finire anche in siti specialistici di raccolta immagini gestiti da altri e destinati – nella migliore delle ipotesi – a divertire e far ridere, per via di quel visino e/o di quel video tanto simpatici. Ma non è detto che un domani chi è finito lì ne sia contento, anzi! A volte tale pubblicità si trasforma in un problema, se non in un danno bello e buono, che è stato causato da mamma e papà! E, come ormai si sa, far scomparire dalle pieghe di internet quello che ormai circola da un po’ per rimettere le cose a posto è molto difficile. Quindi… attenti al lupo (digitale).

È carino, pratico, fantasioso, lo usano tutti. Ma ha i denti aguzzi e può mordere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved