wikipedia
Commento
05.12.2018 - 06:300

Quadri, l’Olocausto e la dissonanza cognitiva

Avete presente quando fate due cose contraddittorie nello stesso tempo? Ecco, una roba così

Mi presento: mi chiamo Dissonanza Cognitiva. Un nome strano, dite? E ci credo: me lo ha dato il mio psicologo, Leon Festinger. Anche se dai triclini imperiali ai lettini freudiani, è già da un pezzo che giro. Non sono una malattia, mi avete incontrato tutti: compaio senza che ve ne accorgiate, ogni volta che sposate idee o comportamenti contraddittori fra loro. Sono il disagio di quando fumate pur sapendo che fa male. O quando giurate che andrete a letto presto e vi attaccate a Netflix.

L’altra sera, per dire, ero da Lorenzo Quadri. Lo stesso il cui ‘Mattino’ parla sempre di ‘finti rifugiati’. Stavamo leggendo un articolo su Liliana Segre, senatrice a vita in Italia, che porta sul braccio i numeri che le tatuarono ad Auschwitz. Vi sembrerà folle, ma per lei quella sovranista è tornata “l’Europa dell’indifferenza”, denominatore comune fra ieri e oggi.

E insomma, Segre è venuta a Lugano a incontrare gli studenti ticinesi. In quella Svizzera che le chiuse la ramina in faccia quando cercava di scappare dall’Olocausto: a tredici anni, una guardia che credeva alla storiella dei ‘finti rifugiati’ rispedì la sua famiglia verso la morte. A salutarla, com’era doveroso, c’era il direttore del Decs. Le ha chiesto scusa e ha detto di sperare che “quell’errore non si ripeta più”, come ha poi fatto anche il sindaco di Lugano. Un po’ retorico, magari, ma normale.

A quel punto Quadri – uno che chiuderebbe le frontiere a doppia mandata – mi ha fissato con gli occhi di un cerbiatto sorpreso dagli abbaglianti di un camion. “E adesso cosa faccio, Diccì?” (Siamo intimi, lo avrete capito). Non è bello, quando ti arriva la dimostrazione vivente di cosa succede ad alzare muri, del fatto che fomentare odio contro i “migranti economici con lo smartphone” rischia di finire male.

Ma dal disagio nasce il genio, alle volte: “fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità d’esecuzione”, per dirla con ‘Amici miei’. Sicché ci è venuta un’ideona. Apriamo Facebook e scriviamo quanto segue: “Intanto che il compagno direttore del Decs ne approfitta per farsi campagna elettorale (e naturalmente per fare propaganda pro frontiere spalancate), la sua area politica continua a diffondere odio contro Israele, alimentando l’antisemitismo. E sempre la sua area politica insiste per far entrare tutti i finti rifugiati, parecchi dei quali sono islamisti antisemiti. Grazie all’immigrazione illimitata, voluta in prima linea proprio dai sinistrati multikulti, l’antisemitismo prende piede in Europa”.

Dai, ammettetelo: son stata buona. Mettete che si rendesse conto del filo rosso fra antisemitismo e campagne anti-migranti. Fra la demonizzazione degli ebrei e quella degli stranieri tout court. Roba che mi finisce a Mendrisio (che poi magari le medicine gliele porta un infermiere italiano: brividi). E invece io cosa ti combino? Taaac! Gli lascio afferrare il salvagente dell’equazione fra critiche a Israele, accoglienza dei migranti e odio antiebraico. Così mi si distrae un po’. Non per vantarci, ma qui stiamo suggerendo che l’antisemitismo è una roba progressista e d’importazione, dopo duemila anni di prove contrarie. Questa è classe, ragazzi.

Adesso però vi saluto, vado a fare un giro da Norman Gobbi e Claudio Zali. Sono anni che si fanno tirare la volata da certi propagandisti, salvo poi far finta di essere pacati uomini delle istituzioni. Più dissonanti di così.

Potrebbe interessarti anche
Tags
antisemitismo
roba
olocausto
dissonanza cognitiva
finti rifugiati
dissonanza
odio
© Regiopress, All rights reserved