ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
4 ore

Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino

Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 gior

Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro

La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 gior

Materiale infiammabile

I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
2 gior

Imposta di circolazione, dalla confusione al circo

Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
2 gior

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
4 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
5 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
25.09.2018 - 06:30

Il mistero della palazzina di Pregassona

Come mai così tanti inquilini al beneficio dell’assistenza in così tanti palazzi sempre dello stesso proprietario?

di Matteo Caratti
il-mistero-della-palazzina-di-pregassona

Come ricevere un pugno in pancia e restare senza fiato. È questo l’effetto che ci hanno fatto le immagini inviate ieri alle redazioni dalla Spab (la Società protezione animali di Bellinzona), che, in cordata con altre autorità, è intervenuta venerdì in un immobile di Pregassona soprannominato – non a caso – Bronx. Un immobile già salito alla ribalta della cronaca. Per quelli della Spab – che si avvale di validi volontari formati sì, ma non a simili scioccanti scenari – l’operazione doveva essere il recupero di alcuni cani di piccola taglia. Ma, aprendo quella porta, si sono trovati davanti un degrado inimmaginabile, da bolgia dantesca, fra rifiuti e cani in pietose condizioni. Nell’appartamento abitato (?) da una famiglia con figli minorenni, simile ad una discarica, c’era una ventina di cagnolini impauriti e maltrattati rifugiati sotto il pattume. L’allucinante situazione ci riporta ad un caso analogo, venuto alla luce sempre per caso (un incendio) ad inizio 2014 a Bellinzona, a due passi dal governo, proprio accanto al municipio. Un anziano alcolista perì asfissiato nel rogo del suo appartamento stracolmo di rifiuti, perlopiù lattine di birra, bottiglie, sacchetti traboccanti di ogni genere di pattume. In quel frangente la parabola discendente fu accelerata dall’abuso di alcol. Lo stupore fu grande perché il pover’uomo, che viveva solo, pubblicamente conduceva un’esistenza che mai avrebbe fatto pensare a quanto poi scoperto dai pompieri e persino dai suoi familiari. Quando li incontrava, fuori dalle mura domestiche – ci dissero –, lo trovavano sempre ‘pulito e ben vestito’. Questo per dire quanto è difficile notare da fuori come una persona viva in casa sua, tanto più se conduce una vita solitaria in centro città in un normalissimo quartiere.
Un po’ diverso è invece quanto venuto a galla a Lugano. Diverso perché quella famiglia non viveva isolata. Era nota ai servizi sociali ed era costretta a intrattenere relazioni avendo tre figli minorenni, due dei quali frequentavano istituti. I vicini da un annetto a questa parte, invano, avevano denunciato alla portinaia puzze nauseabonde e fetori. Ma, per intervenire, si è dovuto attendere un ordine della magistratura! E pensare che quella palazzina di Pregassona – come altre sempre riconducibili (andando indietro negli anni) allo stesso proprietario – era già nota alle forze di polizia. I cani, ritrovati sotto la montagna di immondizia, infatti sono solo la punta dell’iceberg di un degrado esplosivo maggiore, tanto che, proprio quella ed altre palazzine ‘problematiche’ in altre parti del cantone, sono già state oggetto di interpellanze in parlamento per comprenderne il ‘mistero’. Ovvero: come mai in quegli edifici si investe poco, si tengono le pigioni basse e si concentrano così facilmente inquilini al beneficio dell’assistenza (il che – si noti bene – significa per il proprietario la certezza di vedersi pagato l’affitto dallo Stato!). Inquilini che possono in alcuni casi portare con sé tutta una serie di problematiche molto serie come quella trovata dalla Spab, ma anche spaccio, maltrattamenti dei figli, sfruttamento della prostituzione, risse e via discorrendo. La cronaca degli scorsi anni, ad esempio, è piena di fattacci che hanno avuto luogo a Chiasso in uno stabile di via Odescalchi (ultimamente oggetto di un risanamento-recupero) o anche nel palazzone ‘Bronx’ di Pregassona, o in quello di via Martignoni a Massagno ove morì una persona asfissiata in cantina. Magicamente, dopo che si cominciò a porre pubblicamente la domanda – ‘come mai così tanti inquilini al beneficio dell’assistenza in così tanti palazzi sempre dello stesso proprietario? (pare un contadino) – alcuni palazzoni passarono di mano. Come mai? Intanto i problemi restano, anzi si moltiplicano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved