festa-della-donna-ma-quale-festa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'ANALISI
23 ore

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
23 ore

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
1 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
3 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
3 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior

Schiave invisibili dei trafficanti

Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
08.03.2018 - 17:010

Festa della donna? Ma quale festa!

C'è ben poco da celebrare: quella dell'8 marzo è una giornata per ricordare che il genere femminile è ancora discriminato. Anche in Ticino

Oggi un gruppo di donne si è dato appuntamento a Bellinzona. Sfileranno lungo Viale Stazione e si fermeranno in alcuni punti della capitale. Non lo faranno per approfittare dell’aperitivo offerto nel bar dell’angolo, dell’entrata gratuita nel locale alla moda, dello sconto sul trucco da giorno nel salone di bellezza, in occasione della festa della donna. No, lo faranno per rivendicare la fine delle discriminazioni di ogni genere e delle violenze contro le donne; per dire basta agli stereotipi, alla commercializzazione del corpo femminile, alla discriminazione nel lavoro e nella società. Tutto questo in occasione della giornata internazionale della donna.

Che ha ben poco a che vedere con una festa. È una giornata di rivendicazione e di sensibilizzazione dedicata alle donne. Perché ancora oggi, in Ticino come in moltissime altre parti del mondo, c’è chi sostiene che la discriminazione non esiste. Eppure abbiamo tutti un’amica, una sorella o una compagna che, rientrata dal congedo maternità, non ha più trovato le stesse condizioni di lavoro. Sappiamo, o dovremmo sapere, che la polizia deve troppo spesso intervenire per casi di violenza domestica anche nel nostro cantone. E i cartelloni che pubblicizzano qualsiasi tipo di prodotto attraverso il corpo nudo e ammiccante di una donna, sono sotto gli occhi di tutti.

Chissà perché allora c’è chi fa così fatica a vederla, questa disparità che ci coinvolge tutti. A volte sono le stesse persone che sostengono che ci sono anche uomini discriminati, sottopagati e maltrattati. Come se la lotta contro le ingiustizie non portasse benessere a tutta la società. Le donne e gli uomini che s’incontreranno oggi a Bellinzona e in ogni parte del mondo non lo faranno per scambiarsi gli auguri, ma per rinsaldare un patto: per ricordare che i diritti delle donne sono innanzitutto diritti umani, riconosciuti a livello internazionale, oltre che dalla nostra costituzione. Rivendicarli non dovrebbe quindi essere una scelta, ma un dovere di ogni cittadino e di ogni politico che lo rappresenta. Perché migliorare la vita delle donne significa contribuire a cambiare il mondo.

© Regiopress, All rights reserved