diossina-anche-da-noi
laR
 
14.10.2021 - 10:00

Diossina anche da noi?

di Enrico Geiler, Camorino
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È recentissima la scoperta di diossina nei terreni losannesi. La velenosa sostanza proveniva dall’inceneritore cittadino spento nel 2006 ed è ancora presente al punto che le Autorità cittadine (con 15 anni di ritardo) sconsigliano il consumo di uova e ortaggi della zona. Ma se ben ricordo anche a Bioggio e a Riazzino c’erano degli inceneritori famosi per le ricadute polverose. Sono stati spenti circa 30 anni fa. Allora mi chiedo: ma questi impianti avevano prodotto diossina? È probabile, visto come è andata a Losanna. Allora cosa si aspetta negli uffici Aria, Acqua e energie alternative per fare qualche sondaggio e qualche prelievo specifico da inviare in laboratorio? Non vorrei che i pomodori e gli ortaggi del piano di Magadino e del Vedeggio vengano dichiarati impropri al consumo. In questo senso abbiamo già rischiato grosso dopo Chernobyl. Ma chissà: forse i nostri pomodori sono più gustosi perché vengono fertilizzati con uno speciale composto di furani, diossina e cesio radioattivo…

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
30 anni fa bioggio diossina terreno inceneritori losanna riazzino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved