un-gigante-giallo-dai-piedi-di-argilla
Matteo Muschietti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
2 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
NAUFRAGHI.CH
4 gior

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
1 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
1 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
1 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
2 sett

Chiacchiere e distintivo

Una politica di controllo scriteriata e anacronistica non colpisce solo giovani e cittadini, ma anche le forze di polizia, poste di fronte a una situazione difficilmente gestibile
I dibattiti
06.04.2021 - 18:500
Aggiornamento : 19:07

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso

Attualmente la Posta sta contattando diversi Comuni, tra cui Coldrerio, per chiudere gli uffici postali. Tutto quello che ha fatto finora è stato estremamente criticato dalla popolazione, nonché dalle diverse prese di posizione da parte delle autorità comunali, con petizioni e altro, che non sono servite a nulla. Anche la pandemia che imperversa sul nostro territorio, e che ci accompagnerà ancora per molto tempo, non ha insegnato nulla alla direzione della Posta. Che tipo di società vogliamo? Che valori presentiamo alla nostra popolazione, se si continuano a smantellare gli uffici postali?

La disoccupazione, complice il coronavirus, è aumentata e il futuro non è certo roseo. Anzi, si prevede che aumenterà e colpirà in modo ancora più drastico la classe lavoratrice. Le politiche di liberalizzazione dei servizi essenziali come la Posta (come anche le Ferrovie e il sistema sanitario) stanno mietendo vittime tra chi ha costruito il suo futuro nel lavoro e, ancora peggio, trasformano entità nate come servizi in disservizi. Ma chi può dire basta a questa miope politica che sta creando danni irreparabili alla nostra società?

Noi tutti dobbiamo dire basta alle privatizzazioni selvagge e ribadire in modo chiaro che il ruolo fondamentale dello Stato è quello di garantire la qualità della vita dei cittadini, al di là di ogni logica di profitto. La chiusura di un ufficio postale locale, oltre alla perdita dei posti di lavoro, è un trauma per tutta la popolazione e saccheggia la qualità della sua vita.

I meno giovani si recano alla Posta per il disbrigo dei pagamenti, per spedire lettere, ma anche per trovare un momento di aggregazione con le persone. Ci si saluta con un “ciao come stai”, e poi ci si scambia i propri pensieri con un sorriso, specchio e fonte di una comunità viva e che esercita la condivisione giorno dopo giorno sia nel bene che nel male. Se si continua con questa politica di chiudere i centri di interesse collettivo, presto ci sarà un forte cambiamento nel modo di vivere; e così facendo valori quali la solidarietà e l’importanza di essere una comunità verranno meno, promuovendo una disumanizzazione allarmante. La sera tutti chiuderanno il portone e il dialogo tra la gente sarà sempre più difficile e distaccato dalla realtà.

Anche in un banale film come 'The Postman' (con Kevin Costner) la riumanizzazione di una società dilaniata da una catastrofe nucleare passava dall’installazione di un ufficio postale in ogni comunità, al fine di garantire quella convivialità e comunicazione utili a saldare il tessuto sociale. Era solo un film, ma qualcosa di vero c’era. Battiamoci, quindi, per mantenere i nostri uffici postali nei Comuni - fermando questo brutale smantellamento -, perché fanno parte integrale della nostra esistenza, sono un testimone e un luogo di umanità, una buona alternativa al virtuale, che resta utile e interessante, ma che non può essere l’unica scelta possibile. Il Municipio di Coldrerio si oppone a questa miope politica, guidato dalla determinazione dimostrata dal suo giovane sindaco, contrario a questa situazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved