burio-a-gordola-prima-i-bambini-poi-l-architettura
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
3 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
4 gior

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
5 gior

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
1 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
1 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
17.02.2021 - 15:440
Aggiornamento : 17:55

Burio a Gordola: prima i bambini, poi l'architettura

Il centro scolastico comunale era all'avanguardia 50 anni fa, ora non più. Il 7 marzo si vota per il futuro, non per il passato

Nel suo articolo a sostegno del risanamento delle scuole comunali al Burio, l’ex sindaco Züllig fa leva in particolare sul valore architettonico delle scuole. Appartengono al “fausto periodo dell’architettura che ha realizzato pregevoli scuole d’avanguardia” sostiene, e noi, lungi dal contraddirlo su questo punto, facciamo però notare che erano all’avanguardia 50 anni fa, ora non più. E che la loro particolare struttura non permette di adattarle alle esigenze didattiche ed energetiche attuali. Impossibile inoltre aumentare gli spazi esterni destinati alla ricreazione, attualmente molto scarsi e cementati (a meno di considerare area ricreativa quella sorta di Machu Picchu che sorge a lato, come pensa qualcuno).

Impossibile eliminare le barriere architettoniche che continuerebbero, anche dopo il risanamento, ad impedire ai bambini con disabilità motoria di partecipare in modo completo alle attività scolastiche.

Siamo naturalmente d’accordo con l’ex sindaco laddove proclama che “ci vuole grande rispetto per le opere che hanno segnato il territorio” ma ci chiediamo, visto lo stato di degrado in cui si trovano le scuole, se questo principio lo abbia guidato anche nel corso dei numerosi anni passati da capo tecnico e nelle due legislature da sindaco.

Fra gli argomenti a sostegno del risanamento l’ex sindaco sottolinea l’importanza dell’affetto che lega le scuole del Burio a quella parte della popolazione che l’ha frequentata. Ma il 7 marzo si vota per decidere cosa è meglio per le future generazioni di allievi, non per quelle del passato; è in ballo il futuro dei bambini che al Burio non hanno ancora messo piede perché ancora in età prescolare o perché non ancora nati; bambini che a loro volta si legheranno affettivamente alle scuole che avranno la ventura di frequentare e che non dovrà essere obbligatoriamente quella frequentata dai loro genitori, nonni o bisnonni.

A proposito degli scenari apocalittici prefigurati dall’ex sindaco circa l’abbattimento delle vecchie scuole, facciamo semplicemente osservare che tale evento rappresenta un’opzione tra le altre. Noi votiamo per avere una scuola nuova e consona agli standard attuali; quando i ragazzi saranno al sicuro in una nuova sede, per il Burio si aprirà un ventaglio di possibili nuove destinazioni, visto che come scuola non è più idoneo. All’ex sindaco riconosciamo comunque il merito di avere rivelato finalmente che nella struttura che si vorrebbe risanare c’è dell’amianto. Una presenza inquietante e finora sottaciuta che fornisce un motivo in più per votare due no al referendum: se l’amianto rappresenta un grave pericolo nel caso della demolizione del vecchio edificio, lo sarà anche in quello del suo risanamento, con l’aggravante, nel nostro caso, della presenza degli allievi nel cantiere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved