covid-19-il-poter-di-far-fallire
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
3 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
4 gior

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
5 gior

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
1 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
1 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
1 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
17.02.2021 - 16:210

Covid-19 il poter di far fallire

Non so quanto ancora potremo resistere a questo parziale lockdown, che sta diventando molto logorante per tutti per una serie di ragioni. Innanzitutto nessuno ci ha convinto delle motivazioni, che appaiono del tutto arbitrarie, secondo cui determinati negozi o ristoranti sarebbero più pericolosi per il contagio rispetto ad altre attività. E` evidente per tutti che una libreria non è più pericolosa di un fiorista, lasciando poi perdere il concetto, molto soggettivo, di “beni essenziali”. Pur volendo tutti rispettare le misure prese dai nostri governanti, non si possono non constatare le continue e costanti contraddittorietà, secondo criteri più che discutibili, anche per quanto riguarda i cosiddetti assembramenti, vietati, che mal si conciliano con vere e proprie ammucchiate sui mezzi pubblici di trasporto. Gli esempi di queste contraddizioni sono davvero troppi e gli storici avranno, un domani, molto lavoro per comprendere a fondo questo folle periodo.

Nel primo lockdown, non dimentichiamolo, era praticamente tutto chiuso, a parte la vendita di alimentari. Era quindi più facile intravedere una linea coerente nell’azione politica. Ora questo “mini lockdown”, che il Consiglio federale vorrebbe prolungare ancora, non si sa per quanto, crea indubbiamente confusione, oltre che grande preoccupazione. Del resto unitamente ad attività economiche che subiscono danni ingentissimi, in parte compensati dagli aiuti statali, vi è un marcato rallentamento di tutte le attività economiche che non verrà mai indennizzato, ma che sta già impoverendo la nostra popolazione. In altre parole c’è il rischio che con queste diminuzioni di fatturato delle aziende generalizzati, se si continua su questa linea, un giorno non si potranno nemmeno coprire tutti i costi correnti, salari inclusi. Siamo quindi confrontati con misure prese dagli esecutivi, per la prima volta in tempo di pace, molto, troppo incisive, che costituiscono una drastica limitazione dei diritti fondamentali del nostro sistema democratico. Addirittura con questo semi lockdown prolungato le nostre autorità hanno ora, nei fatti, il potere, seppur involontario, di far fallire aziende o attività costruite con enormi sforzi, non solo economici. A me tutto ciò sembra eccessivo e pericoloso.

C`è poi la questione del “morale della truppa”, da non sottovalutare vista la durata delle restrizioni: sarebbe stato in effetti meglio lasciare tutti i commerci aperti con limiti di accesso severi, oppure ancora fare aperture a rotazione, per lasciar lavorare tutti. Del resto solo i negozi più grossi possiedono siti adeguati per il commercio on line.

A ciò si aggiunge una tristezza collettiva che ci affligge nel pensare al ristoratore o all’artista, o ancora all’agente di viaggio, nostri amici, che sappiamo trovarsi in condizioni economiche estremamente difficili, se non disperate.

Quale concreta speranza, a breve, non ci resta che la somministrazione del vaccino, per la quale però il nostro paese, malgrado la propaganda, ha accumulato inspiegabili ritardi nel confronto internazionale.

Insomma si ha la diffusa percezione secondo cui il nostro governo non sta facendo tutto quanto necessario, parafrasando una famosa frase di Mario Draghi quando prese misure per salvare l’Euro, né sul fronte dei vaccini né sul fronte degli aiuti economici, impostando politiche eccessivamente difensive, quindi principalmente a tutela del proprio operato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved