laRegione
da-noi-i-cigni-sono-bianchi
Bixio Caprara, presidente Plrt (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
14 ore

Il Quartiere Officine non considera la Bellinzona esistente

‘Le scelta fatta non tiene conto di quanto ci sta attorno e di quanto si è già deciso di costruire attorno’
Il dibattito
1 gior

Se Lockdown sia, aiuti uguali per tutti

Lettera a aperta al Consiglio federale
I dibattiti
1 sett

Cornaredo e Pse, coerenza e costi sono sostenibili?

Guido Tognola, presidente della sezione Plr di Lugano, chiede al Municipio 'ragionevolezza' e di rivalutare un investimento così importante
I dibattiti
1 sett

Città dell'energia: perché sono (più che) opportune

Necessario puntare verso una società a 2000 watt. L'ente pubblico deve dare l'esempio. Sperando che Gordola rimanga un caso isolato
il dibattito
1 sett

A Natalia con rispetto

Renzo Galfetti: 'Prorogare di un anno le nomine degli attuali procuratori e riformare il ministero pubblico'
I dibattiti
1 sett

Giustizia ticinese, un'immagine poco edificante

Vi è un bisogno urgente di rinnovamento sia delle strutture sia delle modalità di funzionamento soprattutto, ma non solo, del Ministero pubblico
I dibattiti
1 sett

Ex Città dell’Energia Gordola: il non fatto e i fatti!

La replica a Manfredi e Caccia
I dibattiti
2 sett

Gioventù comunista e il significato di 'fanatico'

L'organizzazione rifiuta il paragone coi giovani Udc pr aver chiesto di segnalare 'insegnanti che ripetono luoghi comuni anti-comunisti'
I dibattiti
2 sett

Numero di procuratori e criticità

C'è un'evidente e oggettiva sottodotazione di magistrati al Ministero pubblico. Servono condizioni quadro adeguate anche per rendere attrattiva la funzione
I dibattiti
2 sett

Bellinzona e il Fiume dentro di noi

Il masterplan, il progetto di rinaturazione del corso d'acqua e la Città che finalmente riabbraccerà il suo ‘Tesin’
Il dibattito
2 sett

Festival, Piazza Grande non si può perdere!

L’edizione del 2021 sarà la cinquantesima del Festival del Film in Piazza Grande. Mi auguro che si possa svolgere in questo contesto ormai storico, celebre in tutto il mondo!
Il dibattito
20.09.2020 - 22:210
Aggiornamento : 21.09.2020 - 18:12

Da noi i cigni sono bianchi

Bixio Caprara, presidente Plrt, in risposta a "Vitta, il 'cigno nero' e una certa idea di rilancio" di Daniel Ritzer, su laRegione di sabato 19 settembre.

Il futuro (dal prossimo gennaio) direttore di questo giornale Daniel Ritzer propone con la metafora del cigno nero un ragionamento apparentemente attraente. In poche parole consiglia al consigliere di Stato Vitta di non farla troppo lunga e, tenendo conto della crisi Covid, di sostenere senza tante scuse l’indebitamento dello Stato in attesa di tempi migliori. Mi permetto di suggerire che il ragionamento proposto mi sembra eccessivamente semplicistico e merita un breve commento.

Oggi siamo in una situazione post pandemia, in realtà non ancora iniziata, ma che tutti gli esperti indicano come potenzialmente drammatica. Il Canton Ticino e la Svizzera dispongono di un sistema di ammortizzatori sociali, in termini semplici un sistema di aiuti dello Stato a cittadini in difficoltà, molto performante; assicurazione disoccupazione, assistenza, assegno familiare integrativo (Afi), assegno di prima infanzia (Api), sussidi di cassa malati eccetera. Sono prestazioni che nell’annunciato periodo di crisi economica saranno molto sollecitate e il cui costo complessivo aumenterà in modo significativo.

Sul fronte delle entrate invece vi sarà, come in parte si è già riscontrato, una forte contrazione degli utili aziendali così come molti dipendenti sono stati costretti al lavoro ridotto. Insomma se tutti guadagnano meno anche lo Stato avrà risorse fiscali inferiori. Il saldo negativo di questa situazione potrebbe essere per i prossimi anni, speriamo siano pochi ma c’è chi parla di almeno 3 o 4 anni, di circa 250 milioni. Se la matematica non è un’opinione in 4 anni potremmo facilmente avere un miliardo in più di debito cumulato. Quindi lo scenario che menziona Ritzer è praticamente già realtà, altro che cigno nero.  

Ma chi segue con attenzione la politica ticinese sa bene che vi è anche molto altro. Infatti nel periodo precedente alla pandemia diversi partiti hanno inoltrato iniziative e proposte di varia natura per aumentare la spesa dello Stato; ad esempio nuove assicurazioni per le spese dentarie, aumento delle vacanze per i dipendenti, aumento di diversi contributi nella socialità eccetera. Per non farsi mancare niente vi sono state anche proposte di riduzione di diverse tasse e imposte. Insomma con pendenti molte proposte che porterebbero in modo strutturale, quindi in modo continuativo e consolidato, a un ulteriore peggioramento delle finanze dello Stato.

Le future generazioni si vedrebbero così caricate, oltre che del noto squilibrio dell’attuale sistema previdenziale, con un ulteriore pericoloso debito. E i debiti caro vicedirettore prima o poi si pagano. È questo il cigno nero che va neutralizzato a favore di quelli bianchi ed è per questo motivo che il nostro partito ribadisce l’importanza di definire le priorità secondo il principio “investire e non tassare”. Per favorire il rilancio del nostro cantone dobbiamo adoperarci maggiormente nel migliorare la formazione, sostenere l’innovazione e la digitalizzazione affinché le aziende possano offrire posti di lavoro quale premessa indispensabile per proteggere la libertà e l’autonomia dei cittadini.

---

Egregio signor Caprara,

la metafora del ‘cigno nero’ si riferisce all’irruzione della pandemia nel contesto globale, non di certo alle difficoltà finanziarie del nostro cantone. Poi, sono d’accordo con lei: questo è il momento opportuno per definire gli ambiti in cui le risorse andranno investite (digitalizzazione, formazione, green economy), per garantire alle generazioni future un percorso di crescita sostenibile. Per questo, mi permetto di ribadire: non è ora il tempo di rincorrere l’equilibrio fiscale. 

Daniel Ritzer

© Regiopress, All rights reserved