vaticano

Il Papa cambia il rito funebre: il suo corpo non sarà esposto

Le esequie di Francesco saranno le prime con nuove regole. In primis niente catafalco aperto: ‘Rituale sovraccarico’. Attacco a monsignor Gaenswein

Un abbraccio tra Bergoglio e Ratzinger
(Keystone)

Il Papa cambia il rito funebre dei Pontefici e le prime esequie con le nuove regole saranno proprio le sue. Niente catafalco sul quale esporre il corpo che sarà invece nella bara. Il Papa verrà vegliato e sepolto "con dignità ma come tutti i cristiani", dice Francesco nel libro-intervista, ‘El Sucesor’, con il giornalista spagnolo di Abc Javier Martinez-Brocal. Non ci sarà la doppia veglia ma una sola e nessuna cerimonia pubblica di chiusura della bara. "Il rituale era troppo sovraccarico", commenta Francesco.

‘Quel libro mi ha fatto male’

E pensando a un altro funerale, quello di Benedetto XVI, il Pontefice attacca l'ex segretario di Ratzinger, mons. Georg Gaenswein. "Mi ha provocato un grande dolore che il giorno del funerale sia stato pubblicato un libro che mi ha messo sottosopra, raccontando cose che non sono vere, è molto triste. Naturalmente non mi colpisce, nel senso che non mi condiziona. Ma mi ha fatto male che Benedetto sia stato usato. Il libro è stato pubblicato il giorno del funerale, e l'ho vissuto come una mancanza di nobiltà e di umanità", dice riferendosi al volume che porta proprio la firma di Gaenswein "Nient'altro che la verità". "El Sucesor", il successore, uscirà domani 3 aprile in spagnolo per l'Editorial Planeta. Subito dopo l'estate sarà anche pubblicato in italiano con Marsilio.


Keystone
Il corpo di Ratzinger esposto dopo la sua morte

Impressiona che il Papa 87enne, che anche nel recente Triduo pasquale ha alternato momenti di fragilità ai bagni di folla in papamobile, abbia già dato disposizioni per il suo funerale e per la sua sepoltura. Ma è un dato di fatto che il rito funebre di un Pontefice segue norme ben precise e per snellirlo, come è l'intenzione di Papa Francesco, servono nuove regole. Parlando dei funerali di Benedetto XVI, Bergoglio nel libro-intervista sottolinea: "Sarà l'ultima veglia funebre celebrata così, con il corpo del Papa esposto fuori dalla bara, su un catafalco. Ho parlato con il cerimoniere e abbiamo eliminato questo e tante altre cose".

‘Già pronto il luogo della mia sepoltura’

Poi conferma che ha dato disposizioni per essere sepolto a Santa Maria Maggiore e il luogo che sarà a lui riservato, un'area dove venivano riposti i candelabri, "è pronto". Poi parla del suo rapporto con Benedetto: "per me è stato un padre". Lo definisce "un grande", "un progressista", "uno che non era attaccato al potere" e la sua rinuncia è stata segno di "onestà". Ricorda l'ultima volta che lo ha visto, poco prima che morisse: "mi guardava e mi stringeva la mano", "ricordo perfettamente i suoi occhi chiari".

Il rapporto con Ratzinger

Bergoglio racconta poi di quando alcuni cardinali andarono dal Papa emerito per protestare sulle sue parole sulle unioni civili tra omosessuali. "Mi volevano processare", "lui mi ha difeso". Ratzinger non era sempre d'accordo con le sue decisioni ma "con il suo silenzio le ha sempre rispettate". All'inizio del pontificato, in quel saluto a Castel Gandolfo, Papa Francesco e Benedetto parlarono della questione degli abusi. "Cambiai alcune delle persone come lui mi aveva suggerito" di fare. Infine rivela particolari più intimi, come quando gli portava i souvenir al ritorno dei suoi viaggi apostolici. Parla anche del conclave del 2013, e del fatto che il cardinale Angelo Scola, tra i più papabili, dava indicazioni di votare per lui.


Keystone
Un incontro tra i due papi, con Ratzinger c’è monsignor Gaenswein

Sul prossimo futuro il Papa afferma che non scriverà una enciclica sulla pace e neanche una riforma del conclave, smentendo le indiscrezioni uscite su questi due possibili documenti. Intanto oggi la Chiesa ricorda i 19 anni dalla morte di Papa Giovanni Paolo II: proprio il 2 aprile del 2005 terminò uno dei pontificati più lunghi della storia. Wojtyla sarà ricordato in Vaticano, con una messa nella basilica di San Pietro, il 27 aprile, a dieci anni dalla sua canonizzazione.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE