Estero

La Corte Suprema spagnola indaga su Puigdemont per terrorismo

Il caso riguarda le proteste violente della piattaforma Tsunami Democratic nel 2019 in seguito alle condanne dei leader indipendentisti catalani

Carles Puigdemont
(Keystone)
29 febbraio 2024
|

La Corte Suprema spagnola ha deciso all'unanimità l'apertura di un'inchiesta contro l'ex presidente catalano ed eurodeputato Carles Puigdemont e l'ex deputato catalano ed eurodeputato Ruben Wagensberg ipotizzando il reato di terrorismo per il caso Tsunami. Lo si apprende da fonti giudiziarie citate dalla tv nazionale Rtv.

Il caso Tsunami riguarda le proteste violente della piattaforma indipendentista Tsunami Democratic nel 2019 all'indomani delle condanne dei leader indipendentisti catalani.

La decisione della Corte Suprema di dichiararsi competente e di indagare Puigdemont e Wagensberg ha visto il parere contrario della Procura dell'alto tribunale dell'Audiencia Nacional.

Secondo i magistrati della Corte Suprema, "è necessario e pertinente che siano chiamati al procedimento, al fine di essere sentiti come indagati, con tutti i diritti e le garanzie previste nel nostro ordinamento giuridico. Azioni di indagine che non può realizzare il giudice istruttore, ma solo questa Sala penale, trattandosi di deputati coperti da immunità", è detto nell'ordinanza notificata oggi agli interessati, ripresa da "La Vanguardia".

L'alta corte declina la competenza per indagare gli altri 10 accusati dello Tsunami Democratic che non sono coperti da immunità. Ma non esprime dubbi sul fatto che le accuse che si imputano al movimento indipendentista configurino il reato di terrorismo e indica almeno una decina di sentenze relative a disordini pubblici inquadrati come terrorismo urbano, che consolidano la dottrina in materia. La corte ha nominato come giudice istruttore del caso la magistrata Susana Polo.

I reati di terrorismo sono attualmente esclusi dal progetto di legge di amnistia, negoziato dal Psoe e da Junts per Cat, il partito di Puigdemont, in cambio del voto di fiducia a novembre al premier Pedro Sánchez. E attualmente tornato all'esame della commissione Giustizia del Congresso per modifiche, dopo la bocciatura in prima lettura il 30 dicembre scorso, con i voti contrari del Partito popolare e di Vox, all'opposizione, e dei 7 deputati di Junts.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE