Italia

Cutro, un anno dopo la strage di migranti

Il naufragio, avvenuto la notte tra il 25 e il 26 febbraio 2023, si portò via la vita di 94 persone, tra cui 34 bambini

Una croce a ricordo di chi è morto soffocato dalle onde gelide
(Keystone)
25 febbraio 2024
|

La notte tra il 25 e il 26 febbraio 2023 un caicco partito dalla Turchia, con a bordo circa 180 persone, si spezza in due, arenandosi tra la violenza delle onde contro una secca a pochi metri dal litorale di Steccato di Cutro, in provincia di Crotone. È una strage: 94 vittime, tra cui 34 bambini. Un'inchiesta della Magistratura è ancora in corso per omissione di soccorso e disastro colposo.

I familiari delle vittime: ‘Dal governo solo parole’

"Non è facile tornare. È una cicatrice che si riapre. Siamo qui a chiedere verità e giustizia che non abbiamo visto per una strage che era evitabile". Sono le parole di Alidad Shiri, giornalista di origine afghana che vive e lavora a Bolzano, intervenuto in rappresentanza dei familiari delle vittime del naufragio di Cutro nel quale ha perso un cugino di soli 17 anni. Alidad Shiri è intervenuto all'incontro "Noi non dimentichiamo" promosso a un anno dalla strage di migranti dalla Cgil insieme ad Arci Crotone e altre associazioni che si occupano del sociale.

"Mio cugino – ha detto – aveva il sogno di vivere libero. Aveva 17 anni e dopo un anno non ho il coraggio di dire a mia zia che non abbiamo trovato il corpo. Se ci fosse una legge europea di ricongiungimento familiare, le stragi come quella di Cutro si fermerebbero. Abbiamo chiesto il ricongiungimento, ma dal governo ci sono state solo parole".

Filippo Miraglia, dell'Arci nazionale, nel corso della manifestazione, ha presentato un dossier sul naufragio di Cutro nel quale vengono ricostruite tutte le fasi dell'evento avvenuto il 26 febbraio del 2023. Miraglia ha evidenziato "la dignità dei familiari delle vittime e dei superstiti che si contrappone al comportamento vergognoso e disumano del governo italiano. Non siamo disponibili ad avallare queste politiche del governo sui migranti, politiche fatte da gente che è stata eletta inculcando disumanità. Non staremo zitti".

"Siamo qui – ha sostenuto Maria Grazia Gabrielli segreteria nazionale Cgil – non solo per non dimenticare, ma per dire che un altro sistema è possibile. Bisogna cambiare approccio alle politiche migratorie perché non siamo davanti a una emergenza e non servono misure di emergenza per tutelare la sicurezza nazionale". "Tra narrazione e fatti – ha aggiunto – c'è un abisso. Si possono creare dei corridoi legali, fare entrare persone per studio, ricerca, lavoro. Qui invece si danno tanti soldi per l'accordo con l'Albania e si depotenzia il sistema d'accoglienza che permette di includere e integrare persone".

Leggi anche:
Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE