Estero

Strage di Bologna, confermato ergastolo a ex terrorista ‘nero’

Sentenza d'Appello per Gilberto Cavallini, membro dei Nuclei Armati Rivoluzionari, gruppo eversivo di estrema destra. Cade la ‘pista palestinese’

La stazione di Bologna dopo l’attentato del 2 agosto 1980
(Keystone)
27 settembre 2023
|

La Corte d'Assise d'Appello di Bologna, presieduta dal giudice Orazio Pescatore, ha confermato l'ergastolo per l'ex terrorista di estrema destra dei Nuclei Armati Rivoluzionari, Gilberto Cavallini, nel processo sulla Strage della stazione di Bologna del 2 agosto 1980. La sentenza è stata letta dalla Corte dopo sette ore di camera di consiglio. L'imputato non era presente in aula.

Alla lettura della sentenza in aula di Bachelet erano presenti il presidente dell'associazione dei familiari delle vittime Paolo Bolognesi e la vicepresidente Anna Pizzirani. Diversi anche i familiari delle vittime seduti tra il pubblico. In rappresentanza del Comune c'era anche la vicesindaca di Bologna, Emily Clancy. Al fianco del sostituto procuratore Nicola Proto, durante la lettura del dispositivo, anche il nuovo procuratore generale, Paolo Fortuna e il nuovo Avvocato generale dello Stato, Ciro Cascone.

"Questa è una sentenza molto importante perché elimina completamente la pista palestinese, grazie alle ultime desecretazioni volute dal governo Draghi, e anche la pista dell'attentato compiuto dagli spontaneisti armati. I Nar non agirono da soli, ma erano collegati a tutti gli altri gruppi eversivi d'allora, e collegati in maniera molto stretta ai servizi segreti italiani, e questa sentenza lo svela. Ora ci concentreremo sul processo d'Appello a Paolo Bellini". Lo ha detto Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei familiari delle vittime della strage del 2 agosto 1980, dopo la conferma dell'ergastolo.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE