ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
6 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
7 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
7 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
10 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
11 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
13 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
13 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
16 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
1 gior

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
1 gior

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
svolta in ucraina
24.01.2023 - 21:00
Aggiornamento: 21:20

Germania e Usa pronti a mandare i tank a Kiev

Intesa tra Biden e Scholz: ‘Via libera ai Leopard e agli Abrams’

Ansa, a cura di Red.Estero
germania-e-usa-pronti-a-mandare-i-tank-a-kiev
Un Leopard in azione (Keystone)

Dopo settimane di trattative e polemiche arriva la svolta sui tank per l’Ucraina: gli Stati Uniti sarebbero pronti a inviare gli Abrams M1, punta di diamante dell’equipaggiamento militare a stelle e strisce, e la Germania, dal canto suo, a fornire i Leopard finora negati. Sono i carri armati a lungo invocati da Kiev per cambiare le sorti di un conflitto giunto ormai all’undicesimo mese e oggetto di uno scontro senza precedenti che ha rischiato di minare la coesione dell’Alleanza.

Le indiscrezioni sono arrivate dalla stampa: le notizie si sono letteralmente inseguite e alle rivelazioni del Wall Street Journal sulla fumata bianca americana hanno fatto seguito quelle dello Spiegel sulla virata tedesca. Olaf Scholz e Joe Biden avrebbero trovato l’accordo e il cancelliere, sotto pressione da giorni per aver rifiutato di far andare la Germania avanti da sola, nonostante il pressing degli americani, ottiene un importante risultato diplomatico. Mosca per ora tace, al di là di un commento preventivo del Cremlino, secondo cui "con i tank non è in arrivo nulla di buono".

Inversione a U

Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri Sergei Lavrov aveva però usato toni molto più forti, minacciando la "catastrofe". I russi continuano a terrorizzare il globo mettendo in guardia da passi che potrebbero scatenare una Terza guerra mondiale. E Berlino, che ascolta, finora aveva indugiato anche per questo, prendendo tempo per "ponderare bene" la mossa. La vera svolta, a stretto giro, si vedrà però sul terreno, dove gli ucraini potranno contare sulle "armi più forti" invocate stamani anche dal segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, alla sua prima bilaterale ufficiale con il neo ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius.


Leopard durante un’esercitazione (Keystone)

In ballo ci sono per ora "un numero consistente" di Abrams americani e 14 Leopard 2A6 provenienti dalla Bundeswehr. Ma la Germania, alle prese con un inventario, sta valutando le possibilità dell’industria, e Rheinmetall ha già fatto sapere di poter inviare 139 Leopard. Abc News ha poi reso noto che con l’ok di Berlino altri 12 Paesi europei (Polonia in testa) sarebbero pronti a inviare almeno altri 100 superpanzer tedeschi (ne servirebbero 5-600 all’esercito di Kiev per lanciare una vera controffensiva e recuperare i territori persi, secondo le stime di Pietro Batacchi, direttore della Rivista italiana difesa). La progressiva apertura della Germania dopo la divisione registrata a Ramstein - dove il segretario della Difesa americano Lloyd Austin ha dovuto chiudere il vertice del gruppo di contatto sull’Ucraina con un nulla di fatto, il 20 gennaio scorso - si era già avvertita nelle parole di Pistorius: i partner potranno iniziare ad addestrare gli ucraini all’uso dei Leopard, aveva detto di prima mattina a Berlino.

La Polonia accelera

Inoltre Varsavia ha già inviato alla Repubblica federale la richiesta di autorizzare l’invio dei Leopard a sua disposizione, e dalla cancelleria è trapelata la volontà di dare l’ok già domani. È l’intesa con Washington, però, che ha accelerato la comunicazione della decisione berlinese. Scholz aveva infatti chiarito a Joe Biden nei giorni scorsi al telefono - lo ha raccontato la Bild - che la Germania sui superpanzer sarebbe andata avanti soltanto "insieme". Il cancelliere ne ha fatto un principio inderogabile, affiancato alla condizione - pure ripetuta quotidianamente - che "la Nato non diventi parte del conflitto".

Dopo aver già concesso i blindati Marder agli ucraini, a fronte della decisione di Washington di inviare i carri leggeri del tipo Bradley, il leader socialdemocratico ha rifiutato di andare avanti da solo sui Leopard, negando quell’autorizzazione chiesta a gran voce (perfino dai suoi alleati di governo e dall’opposizione) alla consegna dei superpanzer tedeschi. Il Kanzler aveva messo un paletto: per il suo sì, Washington avrebbe dovuto garantire gli Abrams, ma l’amministrazione Biden aveva respinto la richiesta. Troppo costosi, troppo complicati da usare e troppo difficile la logistica, aveva argomentato. Poi il ripensamento, malgrado le perplessità del Pentagono. Per il Wall Street Journal il via libera ufficiale di Washington potrebbe avvenire già in settimana, proprio "nell’ambito dell’accordo con i tedeschi".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved