India
28.08.2022 - 08:00
Aggiornamento: 13:52

Fine delle scorribande per il Robin Hood indiano

Come il celebre abitante dei boschi di Sherwood, rubava ai ricchi per dare (un po’) ai poveri in India. Ma dopo 160 crimini è stato acciuffato

Ats, a cura di Red.Web
fine-delle-scorribande-per-il-robin-hood-indiano
Keystone
Non proprio come lui...

La polizia della capitale indiana Delhi ha annunciato di aver proceduto all’arresto, negli scorsi giorni, di un "Robin Hood" locale. Che, assieme alla sua banda di 25 persone, rapinava i ricchi per poi distribuire ai poveri parte del bottino.

Proprio grazie a questa sua particolare generosità verso le persone più bisognose, il 27enne, che si faceva chiamare ‘Lambu’ (‘il grande’), "aveva acquisito molti seguaci nella regione". E queste fonti gli avevano a loro volta fornito informazioni immediate sugli spostamenti della polizia, in modo da consentirgli la fuga", indica la polizia di Delhi.

Il ‘famigerato bandito’ cambiava continuamente i suoi nascondigli, che aveva in diversi Stati indiani.

Con circa 160 presunti crimini alle spalle, tra cui rapine, stupri e tentati omicidi, prima di poterlo finalmente acciuffare, una speciale cellula della polizia ha seguito le sue tracce per quattro mesi. "Una squadra [...] è stata formata per tendergli una trappola nei pressi della stazione ferroviaria di Anand Vihar, dove l’uomo è stato catturato", fa sapere la polizia. "Al momento dell’arresto sono stati recuperati una pistola a colpo singolo e tre proiettili, che erano in suo possesso".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved