ULTIME NOTIZIE Estero
intimidazioni in tutta Europa
35 min

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
43 min

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
49 min

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
1 ora

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
2 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
6 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
12 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
12 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
22 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
23 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
23 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
23 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
19.07.2022 - 20:59
Aggiornamento: 21:36

Un po’ più vicina l’intesa sul grano ucraino

Putin a Teheran vede Erdogan e annuncia ‘progressi’. L’Iran potrebbe fornire a Mosca droni da combattimento.

Ansa, a cura di Red.Estero
un-po-piu-vicina-l-intesa-sul-grano-ucraino
Keystone
Passi avanti grazie alla mediazione turca

Istanbul – "Alcune questioni restano da risolvere ma ci sono progressi sull’esportazione di grano ucraino ed è un buon segno".

Le parole sono di Vladimir Putin che oggi, per la prima volta dall’invasione di Mosca, ha incontrato a Teheran il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ringraziandolo per la mediazione offerta da Ankara sui corridoi nel mar Nero per esportare grano dai porti dell’Ucraina.

Pare che l’accordo sia a portata di mano. Il piano del resto è stato elaborato la scorsa settimana a Istanbul da delegazioni di Russia, Ucraina, Turchia e rappresentanti dell’Onu e nei prossimi giorni potrebbe essere firmato.

I nodi da sciogliere

Secondo fonti citate dal Financial Times, resterebbero nodi da sciogliere sulla sicurezza dei porti e delle navi durante la rotta. Mosca avrebbe dato assicurazioni sul fatto che non lancerà attacchi contro i cargo carichi di grano e altri cereali. Ma Kiev non sarebbe completamente convinta e avrebbe chiesto ulteriori assicurazioni sul fatto che i russi stiano alla larga dai porti.

L’incontro in Iran tra i due presidenti non ha riguardato soltanto l’Ucraina e la questione del grano. Erdogan e Putin si trovano nella Repubblica islamica per partecipare con il presidente iraniano Ebrahim Raisi alla conferenza sulla Siria nel formato di Astana, dal vecchio nome della capitale del Kazakhstan dove Iran, Russia e Turchia hanno inaugurato nel 2017 colloqui per tentare di risolvere il conflitto siriano.

Rafforzamento dell’asse Mosca-Teheran

La visita di Erdogan arriva all’ombra del rafforzamento dell’asse Mosca-Teheran, che da mesi sta consolidando una cooperazione a livello commerciale e sull’energia. Durante un incontro con Raisi, Putin ha detto che le relazioni a livello commerciale tra Russia e Iran "si stanno sviluppando rapidamente". Mentre già ieri il Cremlino aveva auspicato che venisse firmato "presto" un’intesa di cooperazione strategica globale tra i due Paesi.

Oggi, poco dopo l’arrivo di Erdogan in Iran, è stato siglato un accordo tra Mosca e Teheran per cui aziende russe, tra cui Gazprom, investiranno 40 miliardi di dollari nel settore petrolifero iraniano, il più importante investimento straniero nella storia della Repubblica islamica.

Disaccordo Isulla Siria

Russia e Iran condividono la stessa linea anche nel conflitto siriano dando sostegno, anche militare, al regime di Damasco a cui la Turchia si oppone invece strenuamentea quando la guerra è iniziata oltre 10 anni fa.

Anche Ankara è presente con le sue truppe in Siria, ma a sostegno dei miliziani che ancora si oppongono al presidente siriano Bashar al Assad nell’area settentrionale del Paese. In questa stessa zona, Erdogan vorrebbe portare avanti un’operazione militare contro le forze curde, ritenute terroriste dalla Turchia.

Il presidente turco lo ha annunciato due mesi fa manifestando l’intenzione di costituire una zona di sicurezza profonda 30 km a partire dal confine turco-siriano, ma l’esercito di Ankara non si è ancora mosso e oggi Erdogan non è riuscito ad ottenere il via libera dall’Iran per la campagna militare.

"Qualsiasi attacco alla Siria sarebbe dannoso per la Turchia e per la regione, a beneficio dei terroristi", è stato il monito della Guida suprema dell’Iran durante i colloqui in mattinata con il presidente turco, mentre il ministero degli Esteri di Teheran ha fatto sapere di essere contrario alla creazione della fascia di sicurezza che Erdogan vorrebbe avere sul confine in seguito all’operazione.

Droni iraniani per Mosca

Nel frattempo prende sempre più corpo la possibilità che l’Iran possa rifornire la Russia di "centinaia" di droni da combattimento pronti per essere utilizzati in Ucraina. Il piano è stato rivelato nei dettagli dagli Usa nei giorni scorsi e subito smentito da Teheran, ma oggi il comandante delle forze di terra dell’Esercito iraniano Kiumars Heidari ha fatto sapere che l’Iran è pronto ad esportare armi ed equipaggiamento militare a "Paesi amici" e ha menzionato modelli avanzati di droni pronti per essere utilizzati in ricognizioni su lunga distanza e combattimento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved