ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti

Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
7 ore

In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc

Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
8 ore

C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia

Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
21 ore

Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni

Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
22 ore

Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’

Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
23 ore

‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’

Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Canada
1 gior

Paramedica cerca di rianimare vittima di incidente, è la figlia

‘Si è realizzato il mio peggior incubo’, ha scritto su Twitter la donna accorsa per prima dopo lo scontro fra un’auto e un camion
Confine
1 gior

Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio

Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Video
Messico
1 gior

Sale ballando una scala sacra, turista linciata dalla folla

Una donna cammina lungo la piramide di Kukulkán ‘El Castillo’ nella penisola messicana dello Yucatán. Sarà multata
08.04.2022 - 22:19

L’Ue non è pronta a dire no al petrolio russo

I 27 non sono unanimi in una stretta sul greggio. Si attende di far sedimentare gli effetti del quinto pacchetto di sanzioni

di Mattia Bernardo Bagnoli, Ansa
l-ue-non-e-pronta-a-dire-no-al-petrolio-russo
Keystone

Bruxelles - I tempi non sono maturi. Dunque l’embargo al petrolio russo dovrà aspettare. La questione non sarà trattata dai ministri degli Esteri dell’Unione europea, chiamati a riunirsi al Consiglio di lunedì in Lussemburgo. "Non c’è l’unanimità", taglia corto un alto funzionario. Le capitali, insomma, frenano. La Commissione - viste le dichiarazioni sia della presidente del Commissione Ue Ursula von der Leyen che dell’Alto rappresentante Josep Borrell - evidentemente si aspettava un ritmo più serrato da parte degli Stati. Che invece preferiscono andare per gradi e lasciare prima sedimentare gli affetti del quinto pacchetto sanzioni.

L’ultimo giro di misure contro Mosca è stato in effetti licenziato proprio oggi. Il contenuto si sa: stop al carbone (tra quattro mesi), agli import via terra, blocco per le navi battenti bandiera russa nei porti dell’Ue, blocco delle transazioni con quattro grandi banche, sanzioni individuali a oligarchi e funzionari e altre restrizioni. Ma sul petrolio - e men che meno sul gas - è scattato il freno a mano. "Ci sono Paesi che sono dipendenti dalla Russia al 100%, si tratta di una questione complicata dal punto di vista tecnico e politico", spiega una fonte Ue. "I diplomatici e funzionari lavorano 24 ore su 24 perché le sanzioni siano sul tavolo ma le decisioni le prendono i politici".

Ecco, la politica. Come sempre in questi casi, scatta il ‘giallo‘. Chi tra i 27 ha staccato la spina alla Commissione? D’altra parte Borrell, alla Nato, aveva detto apertamente che del petrolio se ne sarebbe "parlato" in Lussemburgo e von der Leyen ha assicurato al Parlamento che già si stava "guardando" all’oro nero russo. Una fonte qualificata spiega che nessuno dei Paesi ha posto formalmente il veto ma che è stato chiesto "più tempo" per valutare bene gli effetti dell’embargo sulle economie europee (girano i ’nomi’ di Germania e Ungheria). D’altra parte l’idea che sta alla base delle sanzioni è quella di colpire il Paese che le riceve, non quello che le impone, e c’è il rischio di effetti distorsivi. Mosca potrebbe infatti dirottare le forniture sui "mercati asiatici" vendendo persino a prezzi maggiori totalizzando paradossalmente "più introiti". E questo sta nel capitolo ’complicazioni tecniche’. C’è poi chi avrebbe chiesto l’imprimatur dei leader, attraverso un Consiglio straordinario. Ma richiede tempo. Non a caso Charles Michel lo ha convocato per il 30-31 maggio - forse per allora si sarà trovata la quadra.

La Francia, dal canto suo, si dice "già pronta" e confida chele prossime discussioni "si concentreranno su questa questione". Nel mentre meglio concentrarsi su ciò che si può fare. Borrell, in visita a Kiev, ha per esempio annunciato un pacchetto di aiuti per sostenere le autorità ucraine nella raccolta e nella classificazione delle prove dei massacri di Bucha e altre città. Ovvero un fondo da 7,5 milioni di euro, attrezzature e consulenza, attraverso la EU Advisory Mission. "È necessario dare giustizia alle vittime e garantire che i responsabili siano chiamati a rispondere delle loro azioni: non ci può essere impunità", ha assicurato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved