EDM Oilers
6
ANA Ducks
5
fine
(3-2 : 0-2 : 3-1)
germania-spd-e-il-primo-partito-con-il-25-7
Sarà il socialdemocratico Olaf Scholz il nuovo cancelliere?
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Famiglie afghane vendono figli per 500 dollari

Senza denaro, li usano come moneta di scambio per pagare i creditori. Il Wsj: bambine di 3 anni valutatepoche centinaia di dollari
italia
9 ore

Caso Open: Renzi indagato con altri 14

Il leader di Italia Viva: ‘Pericoloso sconfinamento dei giudici in politica’
scontro ue-polonia
9 ore

Il premier polacco: ‘Basta ricatti dall’Europa’

Resa dei conti al Parlamento europeo. Bruxelles: ‘Fondi a rischio se continuano a ignorare le direttive’
germania
9 ore

Scandalo Bild: sesso e abusi in redazione

Emergono i retroscena sulla cacciata del direttore Julian Reichelt. Alcune dipendenti: ‘Chi va a letto con il capo ha il lavoro migliore’
italia
10 ore

Idranti contro manifestanti a Trieste: lite Salvini-governo

La ministra degli Interni Lamorgese: ‘Niente ombre sulla polizia’. La legge contestata dal leader della LEga l’aveva voluta lui
Confine
10 ore

Sorpreso a Brogeda con cinque chili di hashish nello zaino

L’uomo, un 68enne, viaggiava sull’autobus che collega l’Olanda a Milano. Arrestato domenica, non ha aperto bocca
Estero
10 ore

La Russia cerca una soluzione sull’Afghanistan senza gli Usa

Dieci Paesi al vertice organizzato dal Cremlino. Tra gli invitati Cina, Iran e Pakistan: ci sono anche i talebani
italia
10 ore

Senatrice non mostra il pass, entra ma è subito sospesa

Dieci giorni a casa e diaria decurtata l’ex M5S Laura Granato
Estero
10 ore

Libia, 10 anni fa l’uccisione di Gheddafi

Il despota libico, dopo 42 anni di dittatura, venne linciato dai ribelli nei pressi di Sirte, al culmine della rivoluzione iniziata a febbraio
Estero
11 ore

Un mese di eruzioni alle Canarie

Domenica 19 settembre iniziava l’eruzione del vulcano di Cumbre Vieja a La Palma: 811 ettari di terreno distrutti, 7mila persone sfollate
Estero
12 ore

Australia, bimba sparita in un camping, forse rapita

Ore di apprensione per i genitori della piccola Cleo, scomparsa nel cuore della notte. Numerosi uomini e mezzi di soccorso impiegati nelle ricerche
Estero
13 ore

Israele, dai fondali marini riemerge una spada di 900 anni

La scoperta di un sub a 150 metri dalla riva. Lunga un metro, l’arma è appartenuta a un soldato crociato
Confine
15 ore

La Lombardia ratifica l’accordo con il Ticino sulla mobilità

L’intesa relativa allo sviluppo della mobilità transfrontaliera riguarda, tra l’altro, il cofinanziamento della ferrovia per Malpensa
Estero
27.09.2021 - 20:450
Aggiornamento : 21:10

Germania: Spd è il primo partito con il 25,7%

In attesa dei risultati definitivi delle elezioni, Olaf Scholz parla già da cancelliere ma dovrà accordarsi con i leader di Verdi e Liberali

I tedeschi si sono svegliati con un vincitore, il socialdemocratico Olaf Scholz, ma non hanno ancora un cancelliere. E vivono da oggi una nuova repubblica, che vedrà il potere fondato sull‘accordo fra i partiti: non quelli grandi, stavolta il gioco è in mano ai giovani leader di Verdi e liberali, che inizieranno ad accordarsi innanzitutto fra loro. L’Spd ha dunque strappato il primo posto, conquistando anche la città di Berlino, e Scholz ha rivendicato il mandato a costruire un governo cosiddetto ’semaforo’. Ma Armin Laschet, che rischia di vedere finita la sua carriera politica, ha replicato con un invito “all’umiltà”. «Con il 25% non si può rivendicare la cancelleria», secondo lui. Il leader dell’Unione ha rilanciato la prospettiva di aprire un tavolo per la coalizione ‘Giamaica’ fra conservatori, ecologisti e Fdp, soprattutto se Scholz dovesse fallire.

Cdu, chieste le dimissioni di Laschet

Ma il malcontento nei suoi confronti s’ingrossa e rischia di diventare incontenibile. Markus Soeder, presidente degli alleati bavaresi della Csu, ha preso le distanze: «Per l’Unione è una sconfitta, chi perde così tanti voti non può dire altro che questo. E da secondi non si può pretendere, ma solo fare un’offerta» per il governo. E c’è chi ha già chiesto le dimissioni di Laschet, anche all’interno della Cdu. «Gli elettori hanno dato forza a tre partiti: Spd, Verdi e Fdp. Questi hanno un mandato chiaro a costruire il prossimo governo», ha invece sottolineato Scholz in uno statement di prima mattina, affiancato dalle due donne che insieme a lui da ieri incarnano la rinascita della socialdemocrazia tedesca. La prima sindaca donna di Berlino, Franziska Giffey, e la ministra presidente del Meclemburgo-Pomerania anteriore, che ha trionfato nel Land dell’est. Alla Willy Brandt Haus, il leader ha cercato di nascondere l’emozione in un ampio sorriso mentre scrosciava un lunghissimo applauso dei compagni. «Si vede qui un’Spd molto felice. Due vincitrici e un vincitore», sono state le sue parole per accompagnare il momento. Qualche ora dopo ha risposto alle domande dei giornalisti: «Stanotte ho dormito bene. Quando mi sono svegliato ho riguardato i dati e me ne sono rallegrato di nuovo».

Spd: 5 punti in più del 2017

Non è stato solo lui a parlare già da cancelliere, le domande che gli sono state rivolte - spesso in inglese - dimostrano chi venga considerato il successore di Angela Merkel dopo il voto di domenica. A lui è stato chiesto dei rapporti con Mosca e Washington. Mentre il collega Laschet è stato costretto a rispondere delle enormi grane interne al partito, che per il segretario Paul Ziemiack dovrà ora confrontarsi con “un’analisi brutale” della sconfitta. Anche questo dà il senso di quel che è successo ieri. È vero che la distanza dalla Cdu-Csu è sottile: i socialdemocratici hanno preso il 25,7% contro il 24,1% dei conservatori. Ma hanno conquistato oltre 5 punti rispetto al 2017, mentre Cdu e Csu ne hanno persi quasi nove. E le analisi su Laschet restano impietose: il candidato debole non ha convinto il suo stesso elettorato perdendo tanti consensi addirittura fra gli anziani, che si sono invece fidati delle competenze del ministro delle Finanze. Stando ai risultati ancora non definitivi, i Verdi hanno ottenuto il 14,8%, i liberali l’11,5%, Afd il 10,3% mentre la Linke ha solo sfiorato la soglia di sbarramento con un disastroso 4,9%. Resterà comunque nel Bundestag grazie ai tre collegi vinti, che le assicurano anche il recupero della quota proporzionale di seggi.

Grandi partiti ridimensionati

Il ridimensionamento dei grandi partiti tradizionali è comunque la vera novità di queste urne: l’era post Merkel vedrà la fine della democrazia dei cancellieri, ripete da settimane il politologo Herfried Muenkler, ed è stato Christian Lindner ad annunciare la decisione di aprire dei colloqui esplorativi preliminari con i Verdi, nella persona del co-leader Robert Habeck. Una scelta che gli ecologisti hanno accolto: le premesse sono difficili, ma potrà nascere “qualcosa di nuovo”. Affiancato da Annalena Baerbock, la stella inciampata nei tanti errori che hanno punteggiato la sua campagna elettorale, come ha ammesso lei stessa, Habeck ha riacquistato centralità nel partito. E ha assicurato di aver “già chiarito” internamente la questione di chi sarà vicecancelliere: la casella decisiva spetta stavolta a lui, ha rivelato la Faz.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved