germania-spd-e-il-primo-partito-con-il-25-7
Sarà il socialdemocratico Olaf Scholz il nuovo cancelliere?
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
40 min

Caso ‘Carlos’, tre psichiatri oggi in tribunale

Processo d’appello ai tre medici, assolti in prima istanza dall’accusa di sequestro di persona per aver legato il giovane al letto per 13 giorni
Confine
1 ora

Tilo sostituiti da bus fra sabato 30 e domenica 31 ottobre

Il provvedimento causa nuovi sistemi di sicurezza toccherà il tragitto tra le stazioni di Como San Giovanni, Monza e Milano Centrale
Italia
3 ore

Un’altra notte di tregua a Catania, aspettando il ciclone

Oggi è spuntato il sole sulla città etnea, ma nelle prossime ore sulle coste della Sicilia orientale potrebbe abbattersi un uragano mediterraneo
Estero
14 ore

L’Iran annuncia il ritorno ai negoziati sul nucleare

Erano bloccati da giugno, dopo l’elezione del falco Raisi. Ancora nessuna conferma ufficiale da parte dell’Ue.
Estero
15 ore

Al via il processo in appello di Julian Assange

Battaglia cruciale dinanzi alla giustizia britannica. Il cofondatore rischia l’estradizione negli Stati Uniti. Ci vorranno mesi per la sentenza.
Estero
16 ore

Israele sfida gli Usa con 3’100 nuove case in Cisgiordania

Anche la sinistra nel Paese è contraria. Dal presidnete dell’Anp Abu Mazen ‘condanna e rifiuto totale’.
Estero
16 ore

‘Bolsonaro sia giudicato per crimini contro l’umanità’

La richiesta proviene da una commissione del Senato brasiliano. ‘Sulla pandemia ha agito da serial killer’.
Video-gallery
Estero
17 ore

Il ciclone-uragano MediCane ora fa davvero paura

Muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo portando morte e devastazione
Estero
18 ore

Affossata al Senato italiano la legge contro l’omotransfobia

La votazione è avvenuta a scrutinio segreto. Per il segretario Pd Letta: ‘Hanno voluto fermare il futuro’
Confine
19 ore

Como, riapre il 1° novembre il dormitorio per senzatetto

Torna il servizio di accoglienza notturna ‘Emergenza freddo’. In via Borgovico saranno ospitati oltre 30 indigenti, ma il fabbisogno sarebbe per 150
Estero
19 ore

Emesso il primo passaporto con la X per il terzo genere

Un passo storico negli Stati Uniti per le persone che non si riconoscono nella categoria binaria maschio o femmina
Estero
21 ore

Brasile, cittadino svizzero ucciso con tre colpi alla testa

L’omicidio avvenuto a Goianésia, sarebbe avvenuto per un diverbio su questioni di soldi. Arrestato l’assassino, avrebbe rapito l’uomo prima di ucciderlo
Estero
21 ore

Corte Ue, multa di 1 milione di euro al giorno alla Polonia

Varsavia sanzionata per non aver sospeso l’applicazione delle disposizioni nazionali sulle competenze della camera disciplinare della Corte Suprema
Estero
27.09.2021 - 20:450
Aggiornamento : 21:10

Germania: Spd è il primo partito con il 25,7%

In attesa dei risultati definitivi delle elezioni, Olaf Scholz parla già da cancelliere ma dovrà accordarsi con i leader di Verdi e Liberali

I tedeschi si sono svegliati con un vincitore, il socialdemocratico Olaf Scholz, ma non hanno ancora un cancelliere. E vivono da oggi una nuova repubblica, che vedrà il potere fondato sull‘accordo fra i partiti: non quelli grandi, stavolta il gioco è in mano ai giovani leader di Verdi e liberali, che inizieranno ad accordarsi innanzitutto fra loro. L’Spd ha dunque strappato il primo posto, conquistando anche la città di Berlino, e Scholz ha rivendicato il mandato a costruire un governo cosiddetto ’semaforo’. Ma Armin Laschet, che rischia di vedere finita la sua carriera politica, ha replicato con un invito “all’umiltà”. «Con il 25% non si può rivendicare la cancelleria», secondo lui. Il leader dell’Unione ha rilanciato la prospettiva di aprire un tavolo per la coalizione ‘Giamaica’ fra conservatori, ecologisti e Fdp, soprattutto se Scholz dovesse fallire.

Cdu, chieste le dimissioni di Laschet

Ma il malcontento nei suoi confronti s’ingrossa e rischia di diventare incontenibile. Markus Soeder, presidente degli alleati bavaresi della Csu, ha preso le distanze: «Per l’Unione è una sconfitta, chi perde così tanti voti non può dire altro che questo. E da secondi non si può pretendere, ma solo fare un’offerta» per il governo. E c’è chi ha già chiesto le dimissioni di Laschet, anche all’interno della Cdu. «Gli elettori hanno dato forza a tre partiti: Spd, Verdi e Fdp. Questi hanno un mandato chiaro a costruire il prossimo governo», ha invece sottolineato Scholz in uno statement di prima mattina, affiancato dalle due donne che insieme a lui da ieri incarnano la rinascita della socialdemocrazia tedesca. La prima sindaca donna di Berlino, Franziska Giffey, e la ministra presidente del Meclemburgo-Pomerania anteriore, che ha trionfato nel Land dell’est. Alla Willy Brandt Haus, il leader ha cercato di nascondere l’emozione in un ampio sorriso mentre scrosciava un lunghissimo applauso dei compagni. «Si vede qui un’Spd molto felice. Due vincitrici e un vincitore», sono state le sue parole per accompagnare il momento. Qualche ora dopo ha risposto alle domande dei giornalisti: «Stanotte ho dormito bene. Quando mi sono svegliato ho riguardato i dati e me ne sono rallegrato di nuovo».

Spd: 5 punti in più del 2017

Non è stato solo lui a parlare già da cancelliere, le domande che gli sono state rivolte - spesso in inglese - dimostrano chi venga considerato il successore di Angela Merkel dopo il voto di domenica. A lui è stato chiesto dei rapporti con Mosca e Washington. Mentre il collega Laschet è stato costretto a rispondere delle enormi grane interne al partito, che per il segretario Paul Ziemiack dovrà ora confrontarsi con “un’analisi brutale” della sconfitta. Anche questo dà il senso di quel che è successo ieri. È vero che la distanza dalla Cdu-Csu è sottile: i socialdemocratici hanno preso il 25,7% contro il 24,1% dei conservatori. Ma hanno conquistato oltre 5 punti rispetto al 2017, mentre Cdu e Csu ne hanno persi quasi nove. E le analisi su Laschet restano impietose: il candidato debole non ha convinto il suo stesso elettorato perdendo tanti consensi addirittura fra gli anziani, che si sono invece fidati delle competenze del ministro delle Finanze. Stando ai risultati ancora non definitivi, i Verdi hanno ottenuto il 14,8%, i liberali l’11,5%, Afd il 10,3% mentre la Linke ha solo sfiorato la soglia di sbarramento con un disastroso 4,9%. Resterà comunque nel Bundestag grazie ai tre collegi vinti, che le assicurano anche il recupero della quota proporzionale di seggi.

Grandi partiti ridimensionati

Il ridimensionamento dei grandi partiti tradizionali è comunque la vera novità di queste urne: l’era post Merkel vedrà la fine della democrazia dei cancellieri, ripete da settimane il politologo Herfried Muenkler, ed è stato Christian Lindner ad annunciare la decisione di aprire dei colloqui esplorativi preliminari con i Verdi, nella persona del co-leader Robert Habeck. Una scelta che gli ecologisti hanno accolto: le premesse sono difficili, ma potrà nascere “qualcosa di nuovo”. Affiancato da Annalena Baerbock, la stella inciampata nei tanti errori che hanno punteggiato la sua campagna elettorale, come ha ammesso lei stessa, Habeck ha riacquistato centralità nel partito. E ha assicurato di aver “già chiarito” internamente la questione di chi sarà vicecancelliere: la casella decisiva spetta stavolta a lui, ha rivelato la Faz.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved