trattative-stato-mafia-crollano-accuse-ribaltato-verdetto
Keystone
Falcone e Borsellino non ringraziano
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
41 sec

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della Polizia italiana, Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
1 ora

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
1 ora

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
1 ora

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
1 ora

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
2 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
3 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
4 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
5 ore

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
Estero
5 ore

Hacker filorussi attaccano il sito della polizia italiana

Il collettivo ‘Killnet’ ha dichiarato ‘guerra’ a 10 Paesi. Nei giorni scorsi avrebbero colpito alcuni siti istituzionali e provato a bloccare l’Eurovision
Estero
10 ore

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il Nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura
speciale ucraina
LIVE

Mosca: passi di risposta alla minaccia della Svezia nella Nato

La risposta, aggiunge il ministero degli Esteri russo, dipenderà dai “termini concreti della sua integrazione nell’Alleanza”. Segui il live de laRegione
23.09.2021 - 20:53

Trattative Stato-mafia: crollano accuse, ribaltato verdetto

Assolti in appello i carabinieri e Dell’Utri, condannati i boss. Demolito l’impianto accusatorio costruito in anni di indagini.

Palermo – Una verità processuale completamente diversa da quella finora ricostruita nelle aule giudiziarie. La storia della presunta trattativa che pezzi dello Stato avrebbero avviato coi boss per far cessare le stragi mafiose è stata totalmente riscritta dalla Corte d’Assise d’appello di Palermo che, dopo 72 ore di camera di consiglio, ha ribaltato il verdetto di primo grado, demolendo un impianto accusatorio messo su in anni di indagini e processi.

Assolti dall’accusa di minaccia a Corpo politico dello Stato Mario Mori, ex generale dei carabinieri del Ros, Antonio Subranni, ex capo del Raggruppamento Speciale dell’Arma, e l’ufficiale Giuseppe De Donno. Assolto anche Marcello Dell’Utri, ex senatore azzurro accusato dello stesso reato. Condanne pesanti, invece, per i capimafia Leoluca Bagarella e Nino Cinà, che con la violenza delle bombe mafiose fecero guerra allo Stato. Ma per comprendere il dispositivo della Corte occorre porre attenzione sulle formule assolutorie scelte. Se i carabinieri escono dal processo “perché il fatto non costituisce reato", l’ex manager di Publitalia viene scagionato "per non aver commesso il fatto”. Una distinzione sostanziale.

I carabinieri

I carabinieri - ovviamente le motivazioni della sentenza renderanno più chiaro il ragionamento seguito - dunque avrebbero sì intavolato un dialogo con le cosche tramite don Vito Ciancimino, ex sindaco mafioso di Palermo, allo scopo di far cessare le stragi. Fatto peraltro ammesso dagli stessi ufficiali. Ma la loro intenzione, e qui sta la differenza con la ricostruzione dei giudici di primo grado che agli ufficiali hanno inflitto pene durissime, non era farsi portavoce presso le istituzioni della minaccia di Cosa nostra. Agirono sì, dunque, ma a fin di bene. Una visione completamente opposta a quella della Corte d’Assise, secondo la quale i carabinieri con il loro comportamento finirono per rafforzare Cosa nostra e indurla a pensare che lo Stato, pronto ad ascoltare le sue istanze, stava per capitolare. “Possiamo dire che la storia della trattativa era una bufala”, commenta lapidario Basilio Milio, legale di Mori.

Dell’Utri

Quella di Dell’Utri, invece, è una storia diversa. L’ex senatore, accusato di esser stato, dopo il 1993, la cinghia di trasmissione tra la mafia e le istituzioni e di aver fatto arrivare la minaccia dei clan al governo guidato da Silvio Berlusconi, chiude la sua vicenda processuale “per non aver commesso il fatto”. “La sentenza dice che non fu trait d’union tra mafia e politica", riassume il suo legale. "Tutto inventato, un film”, commenta l’ex senatore.

I capimafia

E i capimafia condannati? Per la corte, i boss imputati - Leoluca Bagarella e Nino Cinà, quest’ultimo “postino” del cosiddetto papello che Riina avrebbe messo sul tavolo della trattativa per far cessare le stragi - minacciarono lo Stato facendogli la guerra. Ma se per Cinà, protagonista della prima fase della cosiddetta trattativa, la pena di 12 anni è stata confermata, per Bagarella i giudici hanno fatto un distinguo, sostenendo che da un certo periodo in poi, e cioè durante il governo Berlusconi, l’intimidazione non sarebbe riuscita, ma sarebbe rimasta un mero tentativo. Questo ha comportato, per il boss stragista, una lieve riduzione della pena: 27 anni invece di 28. La corte ha confermato invece la prescrizione dei reati contestati al pentito Giovanni Brusca.

Mannino

Si chiude per ora - certamente la Procura generale, che oggi ha scelto un laconico “leggeremo le motivazioni”, impugnerà in Cassazione - una storia lunga 13 anni, fatta di polemiche anche aspre e di processi interminabili. Almeno tre oltre a questo: due agli ufficiali del Ros, accusati e sempre assolti, di aver fatto favori alla mafia per portare avanti la trattativa, uno all’ex ministro Dc Calogero Mannino, per i pm primo motore del dialogo Stato-mafia. Prosciolto in tre gradi di giudizio con un verdetto, ormai definitivo, che nega l’esistenza della trattativa. Sentenze pesanti che hanno minato gravemente l’impianto accusatorio. E che, probabilmente, hanno influito in modo determinante sulla decisione della corte d’assise d’appello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
appello boss mafia marcello dell’utri stato trattativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved