i-talebani-conquistano-il-primo-capoluogo-in-afghanistan
Keystone
Un Paese in preda al caos
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

L’ Asia centrale colpita da un massiccio blackout

L’interruzione di corrente in seguito a un incidente sulla rete in Kazakistan sta interessando anche Uzbekistan e Kirghizistan
Estero
4 ore

Cameroon-Comore di Coppa d’Africa, 8 morti e feriti per la ressa

La tragedia, riferisce la Bbc online, è avvenuta fuori dallo stadio Paul Biya della capitale Yaounde, sede di un ottavo di finale
italia
14 ore

Schede bianche, fumata nera

Non emerge nessun nome dalla prima votazione per il Quirinale. Draghi incontra Salvini e parla con Letta, la sua candidatura prende forma
ucraina
15 ore

La Nato schiera navi e jet, la guerra è più vicina

Biden fa evacuare una parte dell’ambasciata a Kiev, valuta l’invio di truppe e chiama gli alleati europei
wikileaks
16 ore

Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Il giornalista avrà un’ultima possibilità. Per ora resta in Gran Bretagna
medio oriente
16 ore

Siria, 850 bambini in trappola nel carcere preso dall’Isis

Unicef e Save The Children lanciano l’allarme, oltre 150 i morti
caso pedofilia
16 ore

Ratzinger si corregge: ‘Partecipai a una riunione’

Il papa emerito ha ritrattato una dichiarazione relativa al dossier sui 4 casi di abusi nella diocesi di Monaco
Burkina Faso
17 ore

Presa di potere con la forza in Burkina Faso

Si chiude con un colpo di Stato una giornata caotica, iniziata con l’arresto del presidente Kaboré
Haiti
17 ore

Terremoto ad Haiti: almeno due le vittime

Il sisma, di magnitudo 5.3, è stato seguito da una decina di scosse minori, fra cui una di assestamento di magnitudo 5.1
06.08.2021 - 21:230
Aggiornamento : 21:59

I Talebani conquistano il primo capoluogo in Afghanistan

volta dell’offensiva: la caduta di Zaranj significa che ormai anche le città sono in pericolo. Ucciso a Kabul il capo della comunicazione del governo.

a cura de laRegione

Roma – L'offensiva dei Talebani per riprendersi l'Afghanistan, fin qui inesorabile, ha segnato un ulteriore successo strategico. I ribelli hanno conquistato il primo capoluogo provinciale, nel sud-ovest, da quanto le truppe Nato si sono ritirate: un segnale che anche le città ora sono in pericolo. Persino Kabul, dove è stato ucciso il capo della comunicazione del governo.

Nelle mani dei ribelli fondamentalisti è finita Zaranj, importante centro commerciale della provincia di Nimruz, al confine con l'Iran. Dopo aver preso i distretti circostanti e aver tentato diverse volte l'ingresso in città, i talebani ci sono riusciti "senza combattere", ha spiegato il vicegovernatore della provincia Roh Gul Khairzad. Mentre altre fonti locali riferivano che le truppe regolari erano in gran parte fuggite "dopo aver perso il morale, togliendosi le uniformi e passando in Iran".

Appelli caduti nel vuoto

I Talebani minacciavano da giorni Zaranj. "Ho supplicato il supporto aereo e il dispiegamento delle forze speciali, ma sfortunatamente nessuno mi ha ascoltato", ha raccontato il parlamentare Gul Ahmad Noorzad. La caduta di un capoluogo di provincia segna una significativa escalation nell'offensiva dei Talebani. Nei primi mesi i combattimenti erano concentrati nelle aree rurali del paese, ma di recente gli insorti avevano iniziato a stringere d'assedio alcune delle più grandi città, come Herat a ovest (dove si concentrava il contingente italiano) e Lashkar Gah a sud. Zaranj in particolare garantirà ai talebani di controllare un altro pezzo di frontiera, dopo aver conquistato tanti valichi ai confini con Pakistan, Iran, Tagikistan, Turkmenistan e Pakistan: una fonte vitale di entrate, ricavate dai dazi.

I Talebani hanno intensificato anche gli attacchi nella capitale Kabul contro alti funzionari del governo, di fatto per logorare il presidente Ashraf Ghani e costringerlo alla resa. L'ultima vittima è stata Dawa Khan Menapal, alla guida del gruppo che supervisionava le operazioni per i media locali e stranieri. Assassinato durante la preghiera del venerdì. Il portavoce dei talebani Zabiullah Mujahid ha rivendicato l'omicidio, così come l'attentato suicida che mercoledì scorso aveva preso di mira la casa del ministro della difesa Bismillah Khan (che però non c'era), uccidendo 8 civili e ferendone 20.

Attacchi aerei senza effetti visibili

Ufficialmente, il tentato omicidio del ministro è stato motivato come una risposta ai raid contro le postazioni talebane effettuati dai governativi con il sostegno degli Stati Uniti. Gli attacchi aerei sono particolarmente intensi nella provincia meridionale di Helmand, dove la capitale Lashkar Gah è sotto assedio e l'esercito sta lottando per mantenerne il controllo. La guerra dal cielo, tuttavia, non sembra stia rallentando i Talebani. Come se non bastasse, gli americani il 31 agosto completeranno il loro ritiro. Ed il generale dei marine Kenneth McKenzie, che sovrintende alle operazioni, si è impegnato a sospendere gli attacchi aerei in quella data. Tra meno di un mese.

Così in questa fase concitata si registra solo un appello dell'inviata Onu in Afghanistan Deborah Lyons ai Talebani perché fermino gli attacchi contro le città. E una richiesta al Consiglio di Sicurezza perché avverta i ribelli che "un governo imposto con la forza non sarà riconosciuto".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved