Sampdoria
1
Lazio
3
fine
(0-3)
Juventus
1
Genoa
0
1. tempo
(1-0)
Langenthal
4
Ticino Rockets
1
fine
(0-0 : 4-1 : 0-0)
Visp
2
Kloten
6
fine
(1-2 : 1-3 : 0-1)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
6
fine
(0-3 : 0-3 : 0-0)
biden-gli-usa-via-dall-afghanistan-entro-l-11-settembre
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
2 ore

Germania: strage di Brandeburgo, trovata una lettera d’addio

A rivelare il dettaglio è il quotidiano tedesco Bild. Le indagini procedono con riserbo sui cinque corpi trovati ieri senza vita dalla polizia
Italia
3 ore

In Italia entra in vigore il ‘super green pass’

Domani scattano le nuove regole per bar, ristoranti, palestre, hotel e trasporti pubblici (anche per i pendolari svizzeri)
Confine
3 ore

Brogeda, fermati con 200mila euro in contanti e due revolver

Due autisti serbi erano al volante di un pullman con una dozzina di passeggeri. La giustificazione: ‘Il denaro ci è stato dato da uno svizzero’
Estero
5 ore

Molestie sessuali, sotto accusa anche Chris Cuomo

Dietro la decisione della Cnn di licenziare il giornalista, non solo gli affari processuali legati al fratello, ma anche la denuncia fatta da una collega
Estero
5 ore

Fujimori non può essere giudicato per sterilizzazioni

Si stima che circa 270’000 donne, perlopiù indigene, siano state costrette a sottoporsi alla legatura delle tube tra il 1996 e il 2000
Estero
6 ore

Trump, lancia la ‘sua’ piattaforma social

La mossa arriva dopo essere stato bandito da Twitter, Facebook e YouTube per i suoi messaggi incendiari legati all’assalto del Congresso
Estero
6 ore

‘La variante Omicron è altamente contagiosa ma più lieve’

Ad affermarlo il direttore dell’Istituto di ricerca sudafricano Willem Hanekom alla Bbc
Francia
8 ore

La polizia in allerta per il primo comizio di Zemmour

Secondo le autorità, il discorso – in programma questo pomeriggio al Parc des Expositions – potrebbe creare scontri e disagi per l’ordine pubblico
Estero
13.04.2021 - 19:270
Aggiornamento : 22:23

Biden: gli Usa via dall'Afghanistan entro l'11 settembre

Lo scrive il Washington Post, riferendo che l'annuncio dovrebbe essere dato domani. Prorogata la data dell'1 maggio negoziata da Donald Trump coi Talebani

Joe Biden ha deciso di ritirare le truppe americane dall'Afghanistan entro il prossimo 11 settembre, 20 anni dopo l'attacco di Al Qaeda alle Torri Gemelle che trascinò gli Stati Uniti nella guerra più lunga della loro storia. La mossa, che secondo i media Usa dovrebbe essere annunciata nelle prossime ore, significa che i soldati statunitensi e della coalizione resteranno oltre la data del primo maggio, ossia la scadenza negoziata dall'amministrazione Trump per l'uscita completa delle forze straniere dal Paese.

I talebani hanno minacciato nuovi attacchi contro le truppe Usa e Nato se non sarà rispettato il termine concordato ma resta da vedere ora se attueranno rappresaglie di fronte a un ritiro spalmato solo su qualche mese in più. In Afghanistan al momento ci sono circa 3'000 soldati americani e 7'000 della coalizione, in gran parte truppe di Paesi Nato. La mossa di Biden porrà fine a una guerra costata finora migliaia di miliardi di dollari, oltre 2'300 militari Usa morti e 20 mila feriti, e almeno 100 mila civili afghani uccisi. Il presidente Usa aveva già ammesso che sarebbe stato "difficile" rispettare la scadenza del primo maggio e ha voluto posticiparla di alcuni mesi per far decollare gli sforzi di dialogo tra i talebani e il governo di Kabul, finora falliti. La sua scelta era ardua.

La telefonata con Putin

Con un'opinione pubblica e una significativa fetta bipartisan del Congresso che premono per il ritiro, rimanere ancora a lungo significava potenziali problemi politici a casa e nuovi pericoli di attentati alle forze Usa da parte dei talebani. Ma anche un'uscita affrettata avrebbe potuto minare i pur modesti risultati ottenuti in questi 20 anni. Biden ha optato quindi per un compromesso, non esente da rischi, ma coerente anche con la necessità di puntare l'attenzione su altre priorità e minacce, come la Cina, l'Iran, la Russia. Proprio oggi il presidente ha chiamato Vladimir Putin e lo ha messo in guardia che gli Usa "agiranno fermamente in difesa dei loro interessi nazionali in risposta alle azioni russe, come le intrusioni cybernetiche e le interferenze nelle elezioni", ammonendolo a ridurre le tensioni con l'Ucraina dopo il rafforzamento delle truppe in Crimea e al confine. Ma gli ha anche proposto un incontro nei prossimi mesi in un Paese terzo per discutere l'intera gamma dei problemi comuni.

Il futuro

"L'Afghanistan ora non si eleva più al livello delle altre minacce", ha spiegato una fonte dell'amministrazione al Washington Post. "Eravamo andati in Afghanistan nel 2001 per un obiettivo particolare: fare giustizia contro gli autori dell'attacco dell'11 settembre e annientare i terroristi che cercavano di usare quel Paese come rifugio sicuro. Lo abbiamo raggiunto qualche anno fa", ha ammesso un'altra fonte del governo. Ora gli Usa hanno come ultime leve con i talebani premere per la liberazione di circa 7'000 prigionieri nelle prigioni di Kabul e la revoca delle sanzioni Onu. E sperare nella conferenza di pace sull'Afghanistan tra il governo afghano e i Talebani, che si terrà a Istanbul dal 24 aprile al 4 maggio. Finora sono stati invitati 21 Paesi (tra cui l'Italia), oltre a Ue, Nato e Organizzazione della cooperazione islamica (Oci).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved