nessuna-esecuzione-l-ambasciatore-ucciso-in-una-sparatoria
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Licata, strage in famiglia: due delle vittime hanno 11 e 15 anni

Un uomo, dopo una lite per motivi di interesse in campo agricolo, ha ucciso il fratello, la cognata e due nipoti e si è sparato, morendo in ospedale
Estero
3 ore

L’Austria revoca il lockdown per i non vaccinati

Come dichiarato dal cancelliere Nehammer in una nota, la situazione negli ospedali consente di eliminare il provvedimento restrittivo
Confine
4 ore

Domo-Briga, più posti sui treni per i frontalieri

A seguito delle reiterate lamentele la Bls che gestisce il collegamento sotto il Sempione ha deciso di aggiungere carrozze ai convogli
Estero
5 ore

Papa Francesco, ‘i genitori non condannino i figli gay’

Il Pontefice in udienza generale: ‘i genitori che vedono orientamenti sessuali diversi nei figli non si nascondano in un atteggiamento condannatorio’
Estero
6 ore

Vaccino al posto di un no vax in cambio di una cena: arrestato

Un 30enne di Cagliari si è presentato al centro vaccinale con il documento falsificato di un conoscente. Scoperto, è ai domiciliari in attesa di processo
Estero
16 ore

LGBT, la Francia mette al bando le terapie di conversione

Quarant’anni dopo la depenalizzazione dell’omosessualità, vietate definitivamente le pratiche che pretendono di ‘guarire’ le persone LGBT
stati uniti
17 ore

I giudici di New York bocciano l’obbligo di mascherina a scuola

No della Corte Suprema dello Stato ma il governatore va avanti. Tasso di positività sceso dal 22 al 10%
stati uniti
17 ore

Biden insulta reporter di Fox

A microfono aperto dice: ‘Stupido figlio di p...’ Poi si scusa, ma ormai la sua popolarità è ai minimi termini
italia
17 ore

Quirinale: la sinistra boccia la terna del centrodestra

Seconda, prevedibile, fumata nera. Salvini e Meloni propongono Letizia Moratti, Marcello Pera e Carlo Nordio, ma Letta e Conte vogliono passare oltre
Estero
18 ore

Il Cremlino mette Navalny nella lista dei terroristi

La condanna dell’Europa: ‘Inaccettabile repressione delle voci critiche’
Estero
18 ore

Sale la tensione in Ucraina, manovre russe in Crimea

Usa e Ue delineano sanzioni dirette a Putin e piani sul gas. Venerdì il leader del Cremlino incontra Macron
24.02.2021 - 21:370

Nessuna esecuzione, l'ambasciatore ucciso in una sparatoria

Il diplomatico italiano Luca Attanasio e il carabiniere che lo scortava in Congo hanno perso la vita nello scontro a fuoco

a cura de laRegione

Non è stata un'esecuzione a sangue freddo, nessun colpo sparato a bruciapelo. Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci sono stati colpiti a morte, da due proiettili ciascuno, nello scontro a fuoco tra i loro assalitori e i ranger congolesi, intervenuti in soccorso nella foresta di Virunga. Sono i primi risultati delle autopsie eseguite al Policlinico Gemelli di Roma sui corpi dell'ambasciatore e del carabiniere, uccisi lunedì in un'imboscata nella Repubblica democratica del Congo. Le loro salme sono rientrate martedì sera in Italia, accolte dai familiari, dal premier Mario Draghi e dai ministri Lorenzo Guerini e Luigi Di Maio, in una cerimonia che il capo della Farnesina, in Senato per un'informativa sull'accaduto, ha definito "straziante". Domani si svolgeranno i funerali di Stato nella basilica di Santa Maria degli Angeli, poi i feretri partiranno per i loro comuni di origine: Attanasio a Limbiate, Iacovacci a Sonnino.

I primi risultati autoptici avvalorano dunque l'ipotesi di un tentativo di sequestro finito male - e non di un attacco mirato ad uccidere - mandato all'aria dall'arrivo inatteso dei ranger. Ma non chiariscono ancora da quali armi siano partiti i colpi. In sostanza non è ancora chiaro se i due italiani siano rimasti o meno vittime del fuoco amico. Attanasio è stato ferito all'addome, i colpi hanno trapassato il corpo da sinistra a destra, senza tuttavia lasciare residui bellici: sono stati infatti individuati sia i fori di entrata che quelli di uscita. Il diplomatico, come è ormai noto, è morto un'ora dopo all'ospedale della missione Onu Monusco di Goma. Iacovacci, che invece è morto sul posto, è stato raggiunto prima da uno sparo nella zona del fianco, poi da un secondo colpo che ha toccato prima l'avambraccio, fratturandolo, per poi fermarsi alla base del collo. Ed è qui che è stato individuato un proiettile di AK-47, un Kalashnikov.

Accusati gli hutu del fronte di liberazione

Secondo il governo di Kinshasa - che accusa gli hutu delle Forze democratiche di liberazione del Ruanda (Fdlr) di tentato sequestro "a scopo di estorsione" - i sei assalitori erano armati di "cinque kalashnikov e di un machete". Ma gli stessi fucili automatici sarebbero in dotazione anche alle guardie del parco nazionale dove è avvenuto l'agguato. Per questo i carabinieri del Ros, a Goma da ieri, intendono controllare le armi dei ranger e compararle al proiettile trovato nel corpo di Iacovacci e a quelli rinvenuti sulle auto del convoglio del Programma alimentare mondiale, assaltato nella provincia del Nord Kivu infestata da milizie.

Nell'imboscata è rimasto ucciso anche l'autista congolese, Mustapha Milambo, mentre gli altri 4 membri del Pam, inizialmente portati nella foresta dai rapitori insieme ai due italiani, sono in salvo. Tra loro il vicedirettore Rocco Leone, rimasto al momento in Congo. Ed è proprio al Pam, all'Onu e al segretario generale Antonio Guterres che l'Italia chiede "risposte chiare ed esaustive" sull'accaduto, ha spiegato Di Maio in aula a Palazzo Madama. In particolare, Roma vuole un'inchiesta sul "dispositivo di sicurezza utilizzato" e che chiarisca "a chi fossero in capo le decisioni" in merito al viaggio da Goma e Rutshuru, in una missione cui l'ambasciatore partecipava su invito della stessa agenzia Onu che avrebbe dovuto quindi garantirne l'incolumità, in un Paese che la Farnesina considera "in terza fascia di rischio (su quattro)", e cioè di "livello di minaccia alto". Proprio dopo la tragedia di lunedì il governo di Kinshasa ha stabilito che tutti i diplomatici stranieri presenti sul territorio nazionale congolese siano obbligati d'ora in avanti a segnalare al governo qualsiasi spostamento all'interno del Paese. Le autorità locali, nelle ore seguenti l'attacco, avevano fatto sapere di essere all'oscuro del fatto che Attanasio fosse in quella zona, e quindi di non averlo potuto proteggere. Mentre in mattinata il consigliere diplomatico di Palazzo Chigi Luigi Mattiolo ha ricevuto dalle mani di un inviato congolese una lettera personale del capo di Stato Félix Antoine Tshisekedi indirizzata al premier Draghi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved