due-anni-di-carcere-alle-giornaliste-bielorusse
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Trump supera la prova delle primarie

I verdetti dell’ultima tornata in Pennsylvania, North Carolina, Kentucky, Idaho e Oregon in vista delle elezioni di Midterm a novembre
Confine
4 ore

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
6 ore

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
8 ore

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
8 ore

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
9 ore

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
Estero
11 ore

Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Confine
14 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
LIVE

Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
18.02.2021 - 19:06

Due anni di carcere alle giornaliste bielorusse

Katsyaryna Andreyeva e Darya Chultsova avevano filmato le proteste di Minsk contro Lukashenko. Per lo stato il loro servizio era ‘un disturbo all'ordine civile’

Katsyaryna Andreyeva e Darya Chultsova, le due giornaliste di Belsat (la stazione televisiva satellitare polacca rivolta alla Bielorussia), sono state condannate a due anni di prigione per aver riportato in diretta una manifestazione a Minsk, nel novembre scorso. La sentenza, l'ultima di una lunga scia di repressione da quando è scoppiata la protesta, è stata definita "assurda" dal legale delle reporter dato che le giornaliste "stavano solo facendo il loro mestiere". Sulla vicenda è intervenuta anche la leader dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, ora in esilio. "Basta guardare Darya e Katsiaryna: forti, sorridenti, salutano i loro cari attraverso le sbarre. Lukashenko non può spezzarci", ha scritto su Twitter in sostegno alle reporter. Andreyeva e Chultsova, 27 e 23 anni, nella loro ultima dichiarazione in aula hanno nuovamente respinto le accuse contro di loro, definendole politicamente motivate in quanto la loro unica ragione per essere alla protesta era quella di documentare cosa stava accadendo (live via streaming).

L'attivista massacrato

Evidentemente il loro lavoro non è piaciuto ai piani alti del regime, dato che le forze dell'ordine si sono presentate nell'appartamento da dove stavano trasmettendo - e che aveva una buona visuale sulla piazza dove stava avvenendo la manifestazione in ricordo di Raman Bondarenko, attivista massacrato di botte da frange estremiste vicine alle autorità - e le hanno arrestate. "Andreyeva e Chultsova avevano appena coperto un'azione di protesta", ha ricordato il legale Syarhey Zikratski. "Tutti abbiamo seguito i loro servizi. Le parole che hanno usato erano solo una descrizione di ciò che stava accadendo e sono state erroneamente utilizzate come base per l'accusa contro di loro", ha dichiarato Zikratski sottolineando che il lavoro giornalistico non può essere definito "disturbo dell'ordine civile", come sentenziato dalla corte.

L'asse col Cremlino

Il marito di Andreyeva, Ihar Ilyash, anch'egli un giornalista, si è scagliato contro la sentenza: "Ora tutti noi giornalisti dobbiamo riferire ancora di più cosa sta avvenendo per distruggere completamente questo regime terroristico". Nel mentre il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, visto sempre di più come un paria dalla comunità internazionale, ha annunciato che lunedì prossimo, il 22 febbraio, si incontrerà con Vladimir Putin per "estesi colloqui". Lukashenko ha negato che chiederà a Mosca un altro prestito, questa volta per tre miliardi di dollari, così come sostengono alcune voci. "Ci sono cose più importanti di cui parlare, come il sostegno della Russia alla difesa e alla sicurezza del nostro Paese", ha detto Lukashenko precisando che, oltre a Putin, vedrà il vice segretario del Consiglio di Sicurezza, Dmitry Medvedev. Il Cremlino ha confermato l'incontro precisando che i due leader si concentreranno sui "rapporti bilaterali", benché non si escludono scambi di vedute sui principali argomenti dell'agenda "internazionale". Mosca, non è un segreto, resta interessata al progetto dello Stato dell'Unione in un'ottica di "maggiore integrazione". Chi conosce il dossier sostiene però che si tratterebbe quasi di un'annessione. Lukashenko, per ora, è riuscito a resistere alle mire del Cremlino.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aleksander lukashenko arresto bielorussia giornaliste minsk
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved