ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

La protesta cinese è un foglio bianco

Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
8 ore

Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia

Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
8 ore

A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo

I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Ciad
9 ore

Mega processo con 400 imputati, avvocati in sciopero

Negli scontri tra i manifestanti anti-governativi e la polizia erano morte una cinquantina di persone
Estero
14 ore

Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti

Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
17 ore

In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc

Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
19 ore

C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia

Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior

Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni

Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior

Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’

Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
18.02.2021 - 19:06

Due anni di carcere alle giornaliste bielorusse

Katsyaryna Andreyeva e Darya Chultsova avevano filmato le proteste di Minsk contro Lukashenko. Per lo stato il loro servizio era ‘un disturbo all'ordine civile’

due-anni-di-carcere-alle-giornaliste-bielorusse
(Keystone)

Katsyaryna Andreyeva e Darya Chultsova, le due giornaliste di Belsat (la stazione televisiva satellitare polacca rivolta alla Bielorussia), sono state condannate a due anni di prigione per aver riportato in diretta una manifestazione a Minsk, nel novembre scorso. La sentenza, l'ultima di una lunga scia di repressione da quando è scoppiata la protesta, è stata definita "assurda" dal legale delle reporter dato che le giornaliste "stavano solo facendo il loro mestiere". Sulla vicenda è intervenuta anche la leader dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, ora in esilio. "Basta guardare Darya e Katsiaryna: forti, sorridenti, salutano i loro cari attraverso le sbarre. Lukashenko non può spezzarci", ha scritto su Twitter in sostegno alle reporter. Andreyeva e Chultsova, 27 e 23 anni, nella loro ultima dichiarazione in aula hanno nuovamente respinto le accuse contro di loro, definendole politicamente motivate in quanto la loro unica ragione per essere alla protesta era quella di documentare cosa stava accadendo (live via streaming).

L'attivista massacrato

Evidentemente il loro lavoro non è piaciuto ai piani alti del regime, dato che le forze dell'ordine si sono presentate nell'appartamento da dove stavano trasmettendo - e che aveva una buona visuale sulla piazza dove stava avvenendo la manifestazione in ricordo di Raman Bondarenko, attivista massacrato di botte da frange estremiste vicine alle autorità - e le hanno arrestate. "Andreyeva e Chultsova avevano appena coperto un'azione di protesta", ha ricordato il legale Syarhey Zikratski. "Tutti abbiamo seguito i loro servizi. Le parole che hanno usato erano solo una descrizione di ciò che stava accadendo e sono state erroneamente utilizzate come base per l'accusa contro di loro", ha dichiarato Zikratski sottolineando che il lavoro giornalistico non può essere definito "disturbo dell'ordine civile", come sentenziato dalla corte.

L'asse col Cremlino

Il marito di Andreyeva, Ihar Ilyash, anch'egli un giornalista, si è scagliato contro la sentenza: "Ora tutti noi giornalisti dobbiamo riferire ancora di più cosa sta avvenendo per distruggere completamente questo regime terroristico". Nel mentre il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, visto sempre di più come un paria dalla comunità internazionale, ha annunciato che lunedì prossimo, il 22 febbraio, si incontrerà con Vladimir Putin per "estesi colloqui". Lukashenko ha negato che chiederà a Mosca un altro prestito, questa volta per tre miliardi di dollari, così come sostengono alcune voci. "Ci sono cose più importanti di cui parlare, come il sostegno della Russia alla difesa e alla sicurezza del nostro Paese", ha detto Lukashenko precisando che, oltre a Putin, vedrà il vice segretario del Consiglio di Sicurezza, Dmitry Medvedev. Il Cremlino ha confermato l'incontro precisando che i due leader si concentreranno sui "rapporti bilaterali", benché non si escludono scambi di vedute sui principali argomenti dell'agenda "internazionale". Mosca, non è un segreto, resta interessata al progetto dello Stato dell'Unione in un'ottica di "maggiore integrazione". Chi conosce il dossier sostiene però che si tratterebbe quasi di un'annessione. Lukashenko, per ora, è riuscito a resistere alle mire del Cremlino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved