ormai-l-accordo-sulla-brexit-pare-cosa-fatta
Johnson e von der Leyen (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
59 min

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
4 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
5 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
6 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
7 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
LIVE

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
18 ore

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
20 ore

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
21 ore

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
23.12.2020 - 21:14
Aggiornamento : 22:22

Ormai l’accordo sulla Brexit pare cosa fatta

Sbloccata anche la vertenza sulla pesca, una fumata bianca è attesa nelle prossime ore. Decisivo il dialogo di von der Leyen e Johnson

Ansa, a cura de laRegione

Svolta di Natale sulla Brexit. L'Unione europea e la Gran Bretagna sono ormai vicinissime a chiudere l'accordo commerciale che sventa il no deal a una settimana dalla rottura definitiva, con l'annuncio ufficiale che – al netto di clamorose sorprese – dovrebbe essere solo questione di ore. Al termine di estenuanti negoziati durati dieci mesi, e proseguiti anche oggi a livello tecnico e politico, l'ottimismo per l'imminente fumata bianca ha fatto brindare le borse e impennare la sterlina, che ha guadagnato su Euro e dollaro. "Siamo nella fase finale", hanno confermato in serata a Bruxelles, mentre funzionari britannici ed europei hanno parlato di un accordo praticamente già chiuso che aspetta solo di essere ufficializzato dopo la definizione degli ultimi dettagli.

La giornata si era aperta con un altro ultimatum arrivato da Parigi. In contraddizione rispetto a quanto annunciato ieri dal capo negoziatore dell'Ue Michel Barnier, il segretario di Stato francese agli Affari europei Clément Beaune aveva avvertito che i negoziati si sarebbero conclusi, con o senza accordo, entro il 31 dicembre. "Non auspico che si vada oltre la fine dell'anno. Dobbiamo poter finire nei prossimi giorni, questo negoziato doveva terminare all'inizio di novembre", aveva dichiarato Beaune, aggiungendo: "Penso comunque che avremo finito prima del 31 dicembre". A spingere sull'acceleratore sono stati direttamente il premier britannico Boris Johnson e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che hanno preso in mano il dossier investendoci tutte le loro forze e parlandosi più volte al telefono.

Lo scoglio principale degli ultimi giorni di trattative – risolto il nodo del level playing field, le regole comuni a garanzia d'una concorrenza leale – riguardava la pesca e le quote da ripartire lungo un certo numero di anni per i pescatori britannici e quelli dei Paesi costieri europei. "La questione della pesca è divenuta un totem in Gran Bretagna e in altri Stati costieri, compresa la Francia", ha scritto il Financial Times, ricordando tuttavia che si parlava di poche "decine di milioni di euro, una piccola frazione del valore di qualsiasi accordo commerciale".

Una volta che sarà stato annunciato e prima di entrare in vigore il testo dell'accordo dovrà essere sottoposto al Consiglio riunito in sede di  Comitato dei rappresentanti permanentidei 27 Paesi Ue. "Ma il diavolo si nasconde nei dettagli", ha riferito una fonte diplomatica alla Bbc, lasciando intendere che ci vorrà del tempo per tradurre ed esaminare il testo e permettere che si possa avere una sua entrata in vigore provvisoria il primo gennaio, quando cioè il Regno Unito avrà abbandonato definitivamente il mercato unico. Anche il Parlamento europeo è coinvolto in questo processo di ratifica e non si esclude che il testo di circa duemila pagine, una volta arrivato il via libera, possa essere validato a posteriori.

La svolta nei negoziati consentirebbe alle due parti di scampare il pericolo di un no deal, dannoso sia dal punto di vista economico che simbolico; e alla presidenza di turno tedesca, quindi ad Angela Merkel, di consegnare l'intesa sotto l'albero di Natale e concludere il semestre in bellezza. A lungo tuttavia si è temuta la fumata nera, che avrebbe relegato gli scambi tra l'Unione europea e Londra alle sole regole dell'Organizzazione mondiale del commercio, sinonimo di dazi doganali, quote e formalità amministrative che avrebbero portato a enormi problemi con ritardi nella consegna delle merci. Uno scenario assolutamente da evitare in primo luogo per il Regno Unito, già alle corde per la nuova variante di coronavirus che lo sta isolando dal resto del mondo. Le code dei tir ai suoi confini meridionali sono ancora lì a presagire quello che sarebbe successo in caso di no deal.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo brexit johnson von der leyen
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved