la-morte-della-guardia-svizzera-restera-un-mistero-voluto
Ansa
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
14 ore

Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali

Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
16 ore

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
20 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
21 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
21 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
22 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
23 ore

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
1 gior

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
1 gior

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
1 gior

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
1 gior

Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet

Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
13.12.2019 - 20:20

'La morte della guardia svizzera resterà un mistero voluto'

Mentre i familiari di Cedric Tornay chiedono ai magistrati della Città del Vaticano di riaprire le indagini sul caso Estermann

di Ansa/Ats

Riaprire le indagini sul caso Estermann. È quanto chiedono ai magistrati della Città del Vaticano i familiari di Cedric Tornay, il vicecaporale delle Guardie svizzere accusato del duplice omicidio commesso il 4 maggio 1998 che causò la morte del comandante Alois Estermann e della moglie Gladys Meza Romero. Tornay si sarebbe suicidato subito dopo. L'istanza per l'accesso al fascicolo integrale è stata depositata dall'avvocato Laura Sgrò al Tribunale vaticano, rilevando numerose "criticità" nella ricostruzione dei fatti.

"Abbiamo fatto richiesta di accedere al fascicolo integrale, è nel pieno diritto della signora Muguette Baudat, madre di Tornay - spiega all'ANSA l'avv. Sgrò -. È evidente che la richiesta di riapertura delle indagini, che si basa sulla presentazione di nuove prove, non può prescindere da un attento studio degli atti e della comparazione di essi con il nuovo materiale raccolto e con lo studio degli atti anche da parte dei nostri consulenti. Non appena avremo contezza del fascicolo integrale completeremo la nomina dei nostri consulenti".

Il caso è destinato a rimanere "un mistero voluto”

Intanto, il caso Estermann è destinato a rimanere "un mistero voluto". Lo ha detto all'Adnkronos Antonino Arconte, ex agente di Gladio. Per Pietro Orlandi caso legato a quello della scomparsa della sorella Emanuela. "Se volevano scoperchiare la pentola - dice oggi Arconte - le cose sarebbero andare diversamente. Ferdinando Imposimato mi fece vedere l'autopsia. Come può essere che Cedric Tornay si sia sparato in bocca con la sua pistola di ordinanza che era calibro 9 però il foro nella nuca era il foro di una calibro 7? Inoltre Tornay è risultato avere ecchimosi. Chi gliele aveva procurate?"

L'ex giudice Imposimato - che ha condotto una meticolosa inchiesta sul caso - ha sempre sostenuto che il comandante della Guardia Svizzera Alois Estermann fosse una spia della Stasi e che, dopo avere subito un furto di dossier riservati, temesse per la sua vita, tanto da contattare appunto l'agente di Gladio Arconte per ottenere asilo politico negli Usa. "L'ho scritto nel '96 e poi nel '99 che avevo appuntamento con Estermann ad Ajaccio il 6 maggio 1998. Lui è morto due giorni prima, il 4".

Arconte ritiene che il caso Estermann sia destinato a rimanere un mistero. "Ma un mistero voluto. Io non credo apriranno il processo. Forse l'unica strada potrebbe essere quella di aprire un processo in Svizzera. In quel caso forse - dice - ci potrebbe essere la speranza che dicano che è inverosimile che Tornay si sia suicidato dopo avere commesso due omicidi. Non c'è un movente e poi quell'autopsia mostratami subito dopo i fatti da Imposimato mi dà ragione di ciò di cui sono convinto".

La stessa tesi è sposata anche da Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la figlia del commesso del Vaticano di cui si sono perse le tracce trentasei anni fa. "La mamma di Tornay, - racconta all'Adnkronos Pietro Orlandi - come del resto lo sono io, è sempre stata convinta che ci fosse un legame, un filo rosso tra la scomparsa di mia sorella e la vicenda Estermann, pure costellata di tante anomalie".

"Estermann - è convinto Pietro Orlandi - era un collaboratore della Stasi. Voci mai provate raccontano che qualche tempo prima della sua uccisione fu scassinata la cassaforte che aveva in casa e rubati dei documenti. Mi ha poi sempre colpito il fatto che le prime due persone ad entrare nella stanza dove era avvenuto il duplice omicidio (di Estermann e della moglie) furono Raoul Bonarelli, che all'epoca fu indagato per il sequestro di Emanuela e Mirella Gregori, e il cardinale Re, che sono convinto sappia tanto anche di mia sorella".

"Un altro elemento che lega il caso Estrermann con quello di Emanuela Orlandi - dice Pietro - è quello delle analisi e della perizia medica che fecero a Tornay, che non sono mai state viste dai familiari. Furono fatte fare a Giovanni Arcudi, lo stesso perito di Emanuela Orlandi che ha analizzato le ossa ritrovate al cimitero Teutonico. La mamma di Cedric Tornay mi ha sempre detto che le fu fatta avere solo una lettera del figlio nella quale diceva della sua intenzione di farla finita ma che la madre non ha mai riconosciuto. Io sono ottimista e penso che la verità su entrambi i casi verrà fuori".
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved