laRegione
Nuovo abbonamento
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
44 min
Sequestrati oltre 31'500 litri di falso disinfettante
Li hanno rinvenuti la Guardia di Finanza di Como, nella sede di una società operante nel milanese e attiva anche nell'e-commerce
Estero
1 ora
Francia, Edouard Philippe rassegna le dimissioni
Il Primo ministro rimette il suo mandato: dimissioni accettate dall'Eliseo. Una mossa attesa da Macron, intento a rimodellare la sua politica
Estero
1 ora
'Tuorlo 3' porta al sequestro di 175 mila uova
Mancanza di tracciabilità: intervengono i Carabinieri dei Reparti Tutela Agroalimentare di Torino, Roma e Messina
Estero
2 ore
Frana in una miniera nel Myanmar, le vittime salgono a 162
Lo smottamento ha provocato un'ondata delle acque reflue che ha travolto con violenza i minatori
Estero
3 ore
Oltre 53mila casi in un giorno: nuovo record negli Usa
Il totale delle persone positive al coronavirus negli Stati Uniti sale a 2'735'339. E in America Latina la curva ha ripreso a salire
Estero
11 ore
Coronavirus, il Brasile sfiora 1,5 milioni di casi e 62mila morti
Nel giro di un giorno, i contagi conclamati sono stati circa 48mila e i decessi 1'252. Numeri preoccupanti anche in Perù, fra i dieci Paesi con più vittime.
Estero
12 ore
Serbia, il presidente Vucic annuncia nuove restrizioni
Dopo la nuova ondata di contagi, chiusura anticipata di ristoranti, locali e limiti per i raduni. Misure che se non dovessero bastare si faranno più severe
Estero
13 ore
Etiopia, 50 persone uccise durante le proteste per Hundessa
Il famoso cantante di etnia Oromo è stato ucciso lunedì notte a colpi d'arma da fuoco
Estero
14 ore
Usa, nuovo record dei casi Covid. Trump: 'tutto sotto controllo'
Il presidente sdrammatizza la situazione affermando, in conferenza stampa, che la gestione della crisi è in atto e che 'il virus sparirà'
Estero
14 ore
Hong Kong, il Congresso Usa vota sanzioni contro la Cina
Anche una 15enne tra gli arrestati per le proteste del primo luglio nell'ex colonia. Il noto attivista Nathn Law è partito all'estero.
Estero
14 ore
L'Fbi acciuffa Ghislaine Maxwell, complice di Epstein
La donna è stata arrestata nella sua casa in New Hampshire. Ha svolto un ruolo chiave nelle malefatte del finanziere pedofilo.
Estero
14 ore
Thyssen Krupp, manager condannato si presenta in carcere
Non si sa quale dei due dirigenti, entrambi devono scontare cinque anni per omicidio colposo, in relazione all'incidente a Torino in cui morirono in sette
Estero
22 ore
Russia: referendum Costituzione, Putin vince col 77,9%
La riforma dà a Vladimir Putin la possibilità di aggirare il limite di due mandati consecutivi e di candidarsi alle elezioni del 2024 e del 2030
Confine
22 ore
Carta benzina, lo sconto al confine non c'è (quasi) più
La Regione Lombardia ha deciso di 'tagliare' il bonus introdotto nel 1999 per dare una mano ai benzinai lombardi
Estero
1 gior
Myanmar: frana in miniera, almeno 110 morti
Lo scoscendimento è stato causato da forti piogge. L'incidente è accaduto in una regione in cui ci sono molti giacimenti di giada, spesso poco sicuri.
Estero
1 gior
Usa, quasi 53mila casi in 24 ore. Trump: "Ma abbiamo fatto bene"
Il presidente statunitense ribadisce: il coronavirus sparirà. In America Latina la pandemia corre in Brasile: colpite oltre 2,6 milioni di persone.
Estero
1 gior
Coronavirus, la California chiude bar e ristoranti
Attività chiuse all'interno e servizio da limitare all'esterno. L'aumento dei contagi preoccupa anche in vista del 4 luglio
Estero
1 gior
Razzismo: sgomberata zona occupata a Seattle, 31 arresti
La zona vicino al Congresso era occupata da settimane da manifestanti che protestavano per l'uccisione di George Floyd
Confine
1 gior
Giovane detenuto si toglie la vita in carcere a Como
Aperta una inchiesta per fare chiarezza. Il Bassone è una delle strutture più sovraffollate in Italia.
Estero
07.06.2019 - 16:470

Mai dire May: 12 Tory in campo per Downing Street

Ecco i pretendenti in lizza nella corsa per subentrare alla leader del Partito conservatore britannico (e poi come premier)

Allineati in campo, potrebbero fare una squadra di calcio, ma il loro obiettivo è sgambettarsi l'un l'altro. Sono undici i pretendenti ad oggi in lizza nella corsa per subentrare a Theresa May come leader del Partito conservatore britannico (e poi come premier) al via ufficialmente da oggi e con le prime votazioni interne al gruppo parlamentare in programma dalla settimana prossima.

Una schiera nella quale si contano tre frontrunner (Boris Johnson, Michael Gove e Jeremy Hunt); quattro outsider (Andrea Leadsom, Dominic Raab, Sajid Javid e Matt Hancock); e quattro comprimari. Quasi tutti (10 su 11) si dichiarano impegnati ad attuare la Brexit senza ripensamenti, ma sono divisi sull'ipotesi più estrema: quella di un divorzio senza accordo (no deal) da Bruxelles. Eccone l'elenco, dai più radicali ai più moderati.

NO DEAL QUI ED ORA (LE DONNE SUPER FALCO)

- ESTHER MCVEY, 51 anni, ministra del Lavoro fino al 2018, è un'euroscettica oltranzista. E' stata la prima a dirsi a favore di "un taglio netto dall'Ue": ossia a un no deal senza altri tentativi negoziali.

- ANDREA LEADSOM, 56 anni, influente ministra dei Rapporti con il Parlamento (Leader of the House) fino al mese scorso, si è in sostanza associata alle posizioni delle McVey, ma con maggior peso politico di lei.

 

PRONTI AL NO DEAL IL 31/10 SE L'ACCORDO CON L'UE NON CAMBIA

- BORIS JOHNSON, 54 anni, ex sindaco di Londra ed ex ministro degli Esteri, è una figura divisiva quanto popolare nella base Tory. Di sicuro il favorito se riuscirà a restare fra i primi due nelle votazioni parlamentari e ad arrivare al ballottaggio finale di fronte agli iscritti. Dice di voler negoziare ancora con l'Ue, ma non oltre la proroga concessa fino al 31 ottobre: poi, avverte, la Brexit ci deve essere, "con o senz'accordo".

- DOMINIC RAAB, 45 anni, avvocato, già ministro per la Brexit, promette una strategia analoga a quella di Johnson, ma con una retorica ancor più da falco. Fino a evocare la possibilità di non convocare il Parlamento a fine ottobre, per realizzare in caso di necessità un divorzio no deal senza ulteriori dibattiti alla Camera dei Comuni.

- SAJID JAVID, 49 anni, ministro economico sotto David Cameron, promosso titolare dell'Interno da Theresa May l'anno scorso, figlio d'immigrati pachistani musulmani, ammiratore sfegatato di Margaret Thatcher, è un pro Remain pentito e un neo brexiteer. Anche per lui il Regno deve uscire dall'Ue il 31 ottobre, deal o no deal.

 

CAUTI SUL NO DEAL

- MICHAEL GOVE, 51 anni, euroscettico da sempre, dottor sottile delle trame di partito, è attualmente ministro dell'Ambiente e capofila dei brexiteer pragmatici. Rispetto all'ex amico e sodale Boris Johnson, è più prudente sull'ipotesi no deal. Non la esclude, come alternativa preferibile al 'no Brexit', ma è fiducioso di poterla evitare e di poter chiudere un accordo migliore con Bruxelles. Anche a costo di un rinvio ulteriore di poche settimane dell'uscita, oltre il 31 ottobre.

- JEREMY HUNT, 52 anni, ministro degli Esteri in carica, ha una piattaforma molto simile a quella di Gove, ma a differenza del titolare dell'Ambiente è un ex pro Remain: che ora dice di volere la Brexit e tuttavia considera il no deal solo come extrema ratio, anzi un potenziale "suicidio per i Tory".

- MARK HARPER, 49 anni, deputato semplice, non si distingue da Gove o Hunt. Destinato a essere assorbito da uno di loro.

* PRO BREXIT, MA CONTRARI AL NO DEAL IN QUALSIASI CASO

- RORY STEWART, 46 anni, ex diplomatico appena asceso alla carica di ministro della Cooperazione Internazionale, promette l'uscita dall'Ue, ma solo un'uscita concordata. Punta probabilmente a farsi conoscere e a preparare il terreno per una sfida più credibile futura da anti-Johnson in tempi migliori.

- MATT HANCOCK, 40 anni, economista e ministro della Sanità, è il più giovane del lotto e contende il ruolo di candidato moderato a Stewart, rispetto al quale appare più sfumato, ma in vantaggio in termini di consensi potenziali già attuali.

 

PRO REMAIN

- SAM GYIMAH, 42 anni, nero, ex sottosegretario all'Università, è il solo sostenitore d'un secondo referendum sulla Brexit su piazza. La sua è una candidatura isolata, di testimonianza: al momento non ha neppure il sostegno minino di 8 deputati necessario per essere ammesso alla prima votazione.
 
 

llineati in campo, potrebbero fare una squadra di calcio, ma il loro obiettivo è sgambettarsi l'un l'altro. Sono undici i pretendenti ad oggi in lizza nella corsa per subentrare a Theresa May come leader del Partito conservatore britannico (e poi come premier) al via ufficialmente da oggi e con le prime votazioni interne al gruppo parlamentare in programma dalla settimana prossima.

Una schiera nella quale si contano tre frontrunner (Boris Johnson, Michael Gove e Jeremy Hunt); quattro outsider (Andrea Leadsom, Dominic Raab, Sajid Javid e Matt Hancock); e quattro comprimari. Quasi tutti (10 su 11) si dichiarano impegnati ad attuare la Brexit senza ripensamenti, ma sono divisi sull'ipotesi più estrema: quella di un divorzio senza accordo (no deal) da Bruxelles. Eccone l'elenco, dai più radicali ai più moderati.

NO DEAL QUI ED ORA (LE DONNE SUPER FALCO)

- ESTHER MCVEY, 51 anni, ministra del Lavoro fino al 2018, è un'euroscettica oltranzista. E' stata la prima a dirsi a favore di "un taglio netto dall'Ue": ossia a un no deal senza altri tentativi negoziali.

- ANDREA LEADSOM, 56 anni, influente ministra dei Rapporti con il Parlamento (Leader of the House) fino al mese scorso, si è in sostanza associata alle posizioni delle McVey, ma con maggior peso politico di lei.

 

PRONTI AL NO DEAL IL 31/10 SE L'ACCORDO CON L'UE NON CAMBIA

- BORIS JOHNSON, 54 anni, ex sindaco di Londra ed ex ministro degli Esteri, è una figura divisiva quanto popolare nella base Tory. Di sicuro il favorito se riuscirà a restare fra i primi due nelle votazioni parlamentari e ad arrivare al ballottaggio finale di fronte agli iscritti. Dice di voler negoziare ancora con l'Ue, ma non oltre la proroga concessa fino al 31 ottobre: poi, avverte, la Brexit ci deve essere, "con o senz'accordo".

- DOMINIC RAAB, 45 anni, avvocato, già ministro per la Brexit, promette una strategia analoga a quella di Johnson, ma con una retorica ancor più da falco. Fino a evocare la possibilità di non convocare il Parlamento a fine ottobre, per realizzare in caso di necessità un divorzio no deal senza ulteriori dibattiti alla Camera dei Comuni.

- SAJID JAVID, 49 anni, ministro economico sotto David Cameron, promosso titolare dell'Interno da Theresa May l'anno scorso, figlio d'immigrati pachistani musulmani, ammiratore sfegatato di Margaret Thatcher, è un pro Remain pentito e un neo brexiteer. Anche per lui il Regno deve uscire dall'Ue il 31 ottobre, deal o no deal. (Ansa)

 

 

 


 

© Regiopress, All rights reserved