in-manette-per-5-kg-di-hashish-e-derivati
Guardia di Finanza
La merce sequestrata
08.06.2022 - 09:41
Aggiornamento: 17:53

In manette per 5 kg di hashish e derivati

L’uomo, fermato a un controllo di routine nella zona di Bulgarograsso, è stato anche trovato in possesso di quasi 11mila euro in contanti

In manette per detenzione, ai fini di spaccio, di quasi 5 chili di droga (in particolare hashish e suoi derivati). È il bilancio di un’operazione antidroga effettuata, a Como, dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza.

Il fermo risale al 3 giugno, quando le Fiamme Gialle del Gruppo Como, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico finanziario del territorio, hanno sottoposto a controllo, nella zona di Bulgarograsso, un’autovettura, guidata da un italiano, che si aggirava in modo sospetto.

I successivi controlli di polizia, eseguiti dai Baschi Verdi, hanno permesso di rinvenire, all’interno dell’auto, oltre 52 g di hashish (divisi in due panetti) e 10’990 euro in contanti (di diverso taglio), denaro di cui l’uomo non è stato in grado di dimostrare la lecita provenienza.

Le successive perquisizioni nella sua abitazione, eseguite con l’ausilio dell’unità cinofila del Gruppo di Ponte Chiasso, hanno permesso di sequestrare ulteriori 62 grammi di hashish (un panetto), un bilancino di precisione (utilizzato per la commissione del reato) e oltre 4,8 chili di B.H.O. (acronimo di Butane Hash Oil, ovvero un estratto di cannabis che può contenere elevate percentuali di Thc, fino al 90%).

In particolare, quest’ultima sostanza stupefacente viene ottenuta utilizzando, nella fase preparatoria, il butano come solvente per separare le molecole attive dai fiori della cannabis. Il butano viene, poi, eliminato dall’estratto tramite l’applicazione di calore. Come risultato, si ottiene un concentrato potente e vischioso, dalla consistenza variabile a seconda delle modifiche durante il processo di estrazione o post-estrazione. Il B.H.O., inoltre, è molto appiccicoso, ha un caratteristico colore dorato ed è, anche, estremamente potente.

La sostanza stupefacente avrebbe fruttato, sul mercato del minuto spaccio, guadagni per circa 25’000 euro.

Al termine delle operazioni, l’uomo è stato tratto in arresto, in flagranza di reato, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio ed è stato portato alla Casa Circondariale di Como-Bassone, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
como droga guardia di finanza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved