senza-sconti-conviene-il-pieno-in-ticino-ma-c-e-il-covid
(Ti-Press)
Confine
03.03.2021 - 15:010

Senza sconti conviene il pieno in Ticino. Ma c'è il Covid

Sospesa la carta benzina nella fascia di frontiera. Sin qui a Como i prezzi erano più alti che nel resto del Paese

Con l'addio alla carta sconto benzina, che dopo oltre vent'anni dal primo marzo è finita in un cassetto, gli automobilisti di Como avrebbero convenienza a fare il pieno a Chiasso. Per 'colpa' delle facilitazioni il carburante nel capoluogo è sempre costato molto di più rispetto al resto d'Italia. Un fatto finito al centro di polemiche e proteste che sono valse a nulla come dimostra il fatto che il problema non è stato risolto. Ora, la scorsa settimana la Regione Lombardia ha deciso con un decreto che, sino a nuovo ordine, l'agevolazione tariffaria nelle zone di confine è sospesa. Addio, quindi, allo sconto di 10 centesimi di euro al litro per coloro che risiedono nei Comuni della fascia A (sino a 10 chilometri dal confine) e di 2 centesimi per la fascia B (sino a 20 chilometri). Una decisione presa sulla base della differenza dei prezzi praticati in Italia e in Svizzera.

L'ultima rilevazione, effettuata dalla Ambasciata italiana a Berna, sta a indicare che il prezzo medio della 'verde' in Svizzera era di 1,44 euro al litro per la benzina e 1,47 euro per il gasolio. Lo stesso giorno, cioè il 13 febbraio, la benzina in Italia costava mediamente 1,45 euro e il gasolio 1,325 euro. Come dire che agli svizzeri sarebbe convenuto fare il pieno di gasolio in Italia. Fin qui i prezzi medi praticati in Italia. Quelli reali a Como sono ben differenti. Infatti, il prezzo della benzina va da 1,61 a 1,67 euro. Quanto basta per affermare che agli automobilisti lariani sarebbe utile passare la frontiera. Con un serbatoio di 50 litri il risparmio sarebbe di 10 euro. Ora come ora, però, a causa delle restrizioni Covid questo vantaggio resta sulla carta. Nel frattempo, il Pirellone ha precisato che quello della carta sconto benzina non è un addio definitivo. Sicuramente lo sarà sino a maggio. Poi si vedrà cosa fare sulla base dei prezzi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved