21.02.2021 - 14:59

Cantiere a ridosso della dogana, un mese di disagi

I lavori interessano, fino al 31 marzo, l'ultima tratta prima della frontiera. Nel fine settimana le prime colonne

di Marco Marelli
cantiere-a-ridosso-della-dogana-un-mese-di-disagi
Il cantiere durerà fino al 31 marzo (archivio Ti-Press)

Non come ieri, sabato 20 febbraio, giornata da incubo con code in A9 da Grandate a Brogeda e traffico paralizzato a Como, ma anche oggi i grossi disagi non mancano. E non è finita in quanto in A9 è previsto un nuovo cantiere che andrà avanti sino al 31 marzo. A creare disagi e rallentamenti ieri e oggi è stata la chiusura dell’uscita dell’autostrada A9 Como Lago, per consentire ispezioni propedeutiche a lavori di manutenzione all’interno dell'ultima tratta autostradale prima della dogana. Da qui l'obbligo per le autovetture a Como Centro. Nella giornata di ieri (oggi il traffico pesante è vietato) i camion sono stati obbligati a uscire a Monte Olimpino per riversarsi su via Bellinzona, causando il delirio. Due ore il tempo medio per percorrere due chilometri.

I disagi riprenderanno domani, lunedì 22 febbraio. In un comunicato congiunto, Autostrade e il Comune di Como hanno fatto sapere che il cantiere durerà oltre un mese. Sino al 31 marzo, saranno effettuati lavori di manutenzione strutturale nelle gallerie Terrazze e Villa Maria, entrambe in direzione Milano sulla A9, nel tratto tra Como centro e la Dogana. I lavori verranno effettuati 24 ore su 24, sette giorni su sette, per completare nel minor tempo possibile l’intervento che necessita la chiusura continuativa della galleria in direzione Sud. La tratta resterà tuttavia percorribile anche in direzione Milano, tramite l’installazione di una corsia in deviazione sulla carreggiata opposta.

Si legge nel comunicato: “L’avvio del cantiere – condiviso con la Prefettura di Como, la Polizia stradale, il Comune di Como e la Polizia locale – è stato attentamente pianificato per sfruttare l’attuale periodo, ancora caratterizzato da ridotti flussi per le disposizioni anti Covid, e affinché venga completato prima del possibile incremento di traffico, previsto nel periodo pasquale”.

 

© Regiopress, All rights reserved