ULTIME NOTIZIE Estero
il reportage
3 ore

Lo slalom tra i confini che chiudono di chi fugge dalla guerra

Non vogliono combattere e scappano all’estero con ogni mezzo. Ma i prezzi dei biglietti e il blocco delle frontiere in Europa rendono tutto complicato
Estero
13 ore

Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria

Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
14 ore

Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania

L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
15 ore

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
16 ore

Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora

Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
16 ore

Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati

Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
18 ore

Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’

Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Estero
18 ore

Dalla Corte Suprema duro colpo alla lobby delle armi negli Usa

I nove saggi hanno respinto il ricorso contro il bando dei potenziatori ai fucili automatici, uno dei rari provvedimenti in tal senso di Donald Trump
18.09.2020 - 09:22
Aggiornamento: 15:41

Quel 'testamento' ritrovato del prete ucciso a Como

Esclusione, emarginazione e allontanamento dei sofferenti nelle riflessioni di don Roberto Malgesini, accoltellato per strada

di Marco Marelli
quel-testamento-ritrovato-del-prete-ucciso-a-como

«Ogni persona lasciata sola, ogni persona che la nostra società emargina» non è una «questione di ordine pubblico o di decoro urbano». È il testo che don Roberto Malgesini, il sacerdote degli ultimi, ucciso martedì mattina in piazza San Rocco a Como da un 53enne tunisino, aveva scritto per le preghiere della via Crucis durante le celebrazioni del Venerdì Santo del 2018 in Valmalenco.

Un testo con un chiaro riferimento - e una critica netta - a certe decisioni amministrative prese dal Comune di Como. Alcuni stralci del testo, uno dei pochi scritti di don Malgesini, è stato anticipato ieri dal quotidiano cattolico l’Avvenire. «A Como - aveva esordito don Roberto per introdurre la preghiera - un gruppo di volontari, soprattutto giovani, specialmente nelle fredde sere d’inverno, dedica del tempo per andare a cercare ai bordi delle strade persone sole, senza fissa dimora, per assicurare loro una parola, una bevanda calda, una coperta. Quest’anno abbiamo chiesto a loro di raccontarci quello che vedono e ascoltano: le testimonianze che ascolterete sono storie di vite fragili, vite di uomini e donne che ogni giorno vivono la strada».

Persone «che non si riconoscono in un mondo che esclude, emargina ed allontana i sofferenti», aveva chiarito don Roberto. Che per la prima stazione aveva scelto la testimonianza di una volontaria: «Ho visto togliere panchine e sanitari in una piccola piazza della mia città (piazza San Rocco, ndr.) dove giovani migranti trovavano un po’ di sollievo durante il giorno (...) Ho visto emettere una ordinanza per scacciare senza tetto che chiedevano un po’ di attenzioni ai turisti e alla gente ricca che festeggiava Natale e il nuovo anno. Ma ho visto anche dei fratelli continuare ad aiutare gli scacciati, passando silenziosi oltre le minacce delle autorità o della maggioranza del popolo».

Una riflessione a cui don Roberto aveva fatto seguire la preghiera: «Ci sono occhi che vedono e passano oltre… e ci sono mani che firmano ingiuste condanne. Ma ci sono Pastori che ci richiamano a vincere le nostre “Paure” per affrontare insieme le fatiche. Ci sono uomini e donne che lavorano per costruire ponti e dialoghi di giustizia. Fa che, sostenuti dalla tua grazia, non scartiamo nessuno». 

Il senso di queste preghiere don Roberto lo spiegava all’inizio, parlando di un popolo di Dio «che crede che l’unica soluzione sia quella di tornare ad ascoltare con il cuore e che l’unico sguardo possibile che possiamo avere è quello di ripartire da chi è ultimo, fosse anche solo del vicino di casa o di chi vive accanto a noi». E di «storie di relazioni, di scambi, di gioie e dolori condivisi che ci ricordano che non esistono separazioni e divisioni. Non esiste il benefattore e il bisognoso di aiuto. Esistono solo fraternità, cura e l’affetto reciproci». Queste preghiere possono essere considerate il testamento di don Roberto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved