la-chiusura-dei-piccoli-negozi-e-colpa-del-web
Una scena nota (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Ricchezza privata, patrimoni a livello record in Svizzera

Salgono a 5000 miliardi di dollari, grazie in particolare al buon andamento del mercato azionario e di quello immobiliare
Economia
2 gior

L'euforia delle borse preoccupa solo a metà

È quanto emerge da un seminario dell'Associazione bancaria ticinese, utile per capire meglio le ragioni – giuste e sbagliate – dell’ottimismo finanziario
Economia
5 gior

Cala (anche se di poco) la disoccupazione in Svizzera

In maggio il tasso è del 3,1 per cento. Ticino all'undicesimo posto fra i cantoni più toccati
Economia
6 gior

G7, una tassa minima per le grandi aziende. Timori in Svizzera

Equità globale fiscale con un'aliquota minima del 15 per cento. Due economisti temono conseguenze non positive per la Confederazione
Economia
1 sett

I giovani desiderano una casa di proprietà

Il 77% della fascia di età tra i 16 e i 25 anni ha questa ambizione che rischia di rimanere un sogno a causa degli elevati requisiti di finanziamento
Economia
1 sett

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo
Economia
1 sett

Risorse naturali esaurite già a fine luglio

Quest’anno si anticipa di quasi un mese il giorno in cui i consumi dell’anno arrivano a termine
Economia
1 sett

Facebook nel mirino dell’antitrust europea

La Commissione Ue vuol verificare se il social network ha violato la regole sulla concorrenza con il servizio Marketplace
Economia
1 sett

Legge federale sulla protezione dei dati: quale l'impatto?

Il prossimo webinar organizzato dal gruppo di lavoro ‘Cyber sicuro’ sarà dedicato alle aziende e al mondo economico
Economia
1 sett

Patrimoni privati più che raddoppiati in vent'anni

Ogni abitante della Confederazione dispone in media di un tesoro di 460mila franchi. A influire sull'aumento, soprattutto il rincaro degli immobili
Economia
17.03.2020 - 10:490
Aggiornamento : 18:25

La chiusura dei piccoli negozi? 'È colpa del web'

Lo sostiene il 73% dei dettaglianti svizzeri interpellati da un sondaggio. Molti punti vendita non vogliono affidarsi alla vendita online

Il 73% dei dettaglianti svizzeri interpellati nell'ambito di un sondaggio ritiene che il commercio online sia la causa principale della moria dei piccoli negozi. Molti punti vendita non vogliono comunque sbarcare sul web.

Il 59% cento di tutti i negozianti che oggi vendono esclusivamente in negozio escludono del tutto la possibilità di affidarsi, anche in futuro, allo shopping via internet; il 24% non ha ancora un'opinione precisa in merito e soltanto il 17% pensa che proporrà i propri prodotti anche online, emerge da un rilevamento condotto presso 333 commercianti dall'istituto di ricerche di mercato Innofact AG di Zurigo per conto di Localsearch.

Quasi un interrogato su quattro (23%) distribuisce le proprie merci non soltanto presso la sede fisica dell'attività ma anche tramite lo shop online o un portale di e-commerce. La grande maggioranza (69%) continua tuttavia a puntare totalmente sul commercio tradizionale in negozio, mentre il restante 8% vende solo online.

Un parere comune

Con o senza negozi online, i dettaglianti sono concordi nell'affermare che il commercio online abbia una parte di responsabilità nella scomparsa dei piccoli negozi: l'opinione è condivisa da tre interpellati su quattro. Il 68% del campione si dice convinto che in futuro il commercio online porterà a un ulteriore inasprimento della concorrenza e il 45% ritiene che il mercato virtuale sarà dominato da operatori multinazionali, escludendo ogni possibilità per le piccole realtà locali.

Considerato che - stando ai dati dell'Ufficio federale di statistica - i consumatori elvetici sono ai vertici nella classifica dello shopping online in Europa, immediatamente alle spalle del Regno Unito, ci si può chiedere come mai la maggioranza dei negozianti non sfrutti questa dinamica ed escluda il passaggio al commercio via internet.

Perché non punteranno sull'online

I dettaglianti intervistati forniscono tutta una serie di motivazioni per questo atteggiamento: il 65% non crede o perlomeno dubita che i propri clienti desiderino fare acquisti online, il 70% pensa che il rapporto con la clientela sia talmente forte da non avere l'esigenza di un punto vendita virtuale. Il 62% non si avventura nel nuovo campo perché teme di perdere il contatto personale con i propri clienti. Il 59% crede che il proprio prodotto sarebbe difficile da vendere online e quasi uno su due (40%) dichiara che la gestione di uno shop virtuale sarebbe semplicemente troppo impegnativa.

I dettaglianti (20%) che vendono le proprie merci sia in negozio sia via internet forniscono varie motivazioni per questa scelta. Per l’86% dei commercianti interessati preminente è l'orario di apertura illimitato di un negozio online. Il 75% è convinto che i consumatori ricerchino sempre più spesso informazioni sui prodotti tramite Facebook e Instagram: pertanto avere un portale sul web rappresenta quasi una scelta obbligata. Il 69% crede che internet consenta generalmente di raggiungere più clienti rispetto al negozio tradizionale, mentre il 60% desidera semplicemente cavalcare la rapida crescita del commercio online. Ciononostante anche due terzi di questi negozianti (66%) affermano che il tradizionale commercio al dettaglio manterrà la sua rilevanza.

Se si parla dei volumi d'affari dei due canali, la classica distribuzione offline resta ancora dominante. I gestori di un negozio con shop online realizzano al bancone mediamente l’82% del proprio fatturato, mentre le vendite via internet concorrono per il 18%. Solo l'11% dichiara di realizzare almeno la metà dei ricavi sul web.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved