ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
36 min

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 ore

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ’Matlock

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
4 ore

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
5 ore

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa e Europa
Libri
5 ore

Le ciliege della costa del Mar Nero

Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
7 ore

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
17 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
17 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
18 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
La recensione
28.09.2022 - 17:29
Aggiornamento: 17:49

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente

di Enrico Colombo
wagner-ligeti-e-beethoven-tra-passato-e-presente
Roberto Barra
Ivan Fischer & Co.

Che emozione tornare in San Francesco per un concerto sinfonico, adesso che le chiese si svuotano di fedeli e si riempiono di melomani, ricordare il primo concerto delle Settimane musicali ascoltato più di settant’anni fa, con l’allora Radiorchestra diretta da Carl Schuricht e Yehudi Menuhin solista di violino, costretti a esibirsi in una palestra disadorna; ripensare l’affascinante cultura mitteleuropea di Ascona, che ha avuto gli eccentrici ‘balabiott’ del Monte Verità, ma anche il musicista Vladimir Vogel tra i fondatori delle Settimane musicali.

Lunedì scorso la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer ha offerto un programma eclettico e quasi cameristico: il Natale in famiglia dell’‘Idillio di Sigfrido’ (1870) di Richard Wagner, gli sberleffi dei ‘Misteri del Macabro’ (1992) di György Ligeti, l’‘Eroica’ (1804) di Ludwig van Beethoven.

‘Siegfried-Idyll’ è un omaggio natalizio del compositore sessantasettenne alla giovane moglie Cosima e al figlio Siegfried nato un anno prima. L’Orchestra di Budapest aveva eseguito quest’opera un mese fa al Lucerne Festival, ossia a pochi passi da Tribschen dove fu scritta ed ebbe la prima esecuzione. Forse perché lontana da Tribschen, l’esecuzione dell’altra sera è sembrata priva d’intimità cameristica, una lettura corretta ma con poche emozioni. Ivan Fischer ha portato in prima fila i legni, ma non sempre il loro suono è emerso nitido in quello dell’orchestra.

Al centro del programma i brevi, intriganti ‘Misteri del Macabro’ per soprano e orchestra, con la giovane soprano Anna-Lena Elbert, che è stata una gradita rivelazione. Fischer disponeva di sufficienti strumentisti per evitare doppi servizi alle percussioni, alle tastiere e ai fiati. Pur seduto in un’eccellente posizione centrale non sono riuscito a individuare tutti gli strumenti impiegati, ma ho potuto apprezzare come l’orchestra sia stata duttile ai comandi del direttore e mirabilmente espressiva nel dialogo-disputa con la solista. L’interpretazione di Anna-Lena Elbert ha saputo evitare effetti clowneschi e inserire l’opera nel filone maestro del teatro dell’assurdo.

Quando ascolto dal vivo una Sinfonia di Beethoven, mi chiedo: quanti in sala la stanno ascoltando per la prima volta? Forse lunedì in San Francesco erano parecchi, se alla fine del primo tempo è partito un applauso piuttosto convinto, di quelli che disturbano l’esecutore e danno all’ascoltatore l’etichetta di incompetente. Ivan Fischer, che ha schierato il plenum dell’orchestra con una cinquantina di archi sulla base di sei contrabbassi, ne ha comunque dato una buona interpretazione, con scelte ritmiche assai personali.

Il concerto ha avuto un finale insolito e commovente. Agli applausi calorosi, costellati di ovazioni, ai richiami ripetuti del direttore i musicisti hanno risposto così: hanno lasciato gli strumenti, si sono riuniti al centro del palco e hanno cantato a cappella un canto della sera di Zoltan Kodaly.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved