ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 min

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
11 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
15 ore

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
16 ore

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
16 ore

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
16 ore

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
17 ore

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
1 gior

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
La recensione
16.08.2022 - 17:52
Aggiornamento: 18:08

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey

di Enrico Colombo
lucerne-festival-in-quell-aura-sanza-tempo-tinta
Keystone
Immagine d’archivio

Il pubblico di un Luzerner Saal completo ha riservato applausi calorosi, di ammirazione e gratitudine, alle parole di benvenuto di Michael Haegliger, artefice della ripartenza senza limitazioni del Festival, e mostrato grande attesa per la prima esecuzione assoluta di due opere fresche d’inchiostro di compositori venuti da lontano: Liza Lim, nata in Australia da genitori cinesi nel 1966, adesso insegnante al Conservatorio di Sydney; Tyshawn Sorey, compositore e strumentista afroamericano, nato nel 1980 a Newark, sobborgo di New York. Si tratta di due composizioni lunghe, troppo lunghe, per quartetto d’archi, dedicate al Jack Quartet, la magnifica formazione di New York, che ho scelto di seguire nelle sue due esibizioni al Lucerne Festival di quest’anno.

Ho affrontato il concerto senza alcuna informazione sui compositori e sulle opere in programma. Non è stato stampato un programma di sala e il pubblico ha ricevuto solo un foglietto con i titoli dei due brani e brevi biografie, che ho riassunto sopra. I due compositori erano presenti in sala, disponibili per ogni informazione… in lingua inglese. Ma mi sembra che anche le presentazioni dei loro brani siano state alquanto lunghe, se è vero che peculiarità della musica è di esprimersi in musica e non a parole.

‘String Creatures’ di Liza Lim dura più di 40 minuti, come l’Eroica di Beethoven. È un quartetto, con il primo violino accordato su un’ottava più bassa, che mostra le peculiarità di una musica a programma. È suddiviso in tre parti, ognuna con un titolo, forse tre citazioni di musiche che non conosco, ma sono sembrate pertinenti a parecchi ascoltatori miei vicini. Questa musica di Lim, che fa un grande uso di flautati, la direi soprattutto intrigante per le sue scelte timbriche. Termina con tre note pizzicate, simili a tre puntini di reticenza, che sono state accolte dal pubblico del Luzerner Saal con un sorriso e poi con un applauso convinto.

‘For Grachan Moncur III’ di Tyshawn Sorey contrappone al quartetto d’archi una ricca percussione in un dialogo sommesso, di esasperante staticità, che dura più di un’ora come la Nona di Beethoven. Ripenso adesso al volto ispirato del compositore-strumentista che percuote tastiere, gong e tamburi e il volto sottomesso dei componenti il quartetto, che sfregano note sulle corde degli archi senza speranze di un tema. Un abbozzo di tema alla fine appare: un crittogramma di quattro note, insistente, angosciante come le voci fioche degli ignavi, che Dante colloca "in quell’aura sanza tempo tinta" del vestibolo dell’inferno. Ma intanto ai rintocchi delle percussioni si è sovrapposto il rumore dei tacchi degli ascoltatori, che per stanchezza hanno lasciato la sala in anticipo.

Sono fra coloro che sono rimasti in sala fino alla fine del concerto, per dovere di cronista, ma anche per il timore che il mio giudizio sia sbagliato. Nell’ambito di questo Lucerne Festival ho programmato un altro ascolto di musiche di Lim e di Sorey e spero di riuscire a riferirne con la massima oggettività che mi è possibile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved