ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
17 ore

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
22 ore

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
1 gior

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
1 gior

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
1 gior

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
1 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
1 gior

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Cinema
25.07.2022 - 18:37
Aggiornamento: 21:13

È morto Bob Rafelson, regista e produttore della New Hollywood

Anticonformista, diresse ‘Il postino suona sempre due volte’ e ‘Cinque pezzi facili’, e produsse ‘Easy Rider’

e-morto-bob-rafelson-regista-e-produttore-della-new-hollywood
1933-2022

Hollywood piange il ribelle Bob Rafelson, il cui nome come regista è legato a ‘Il postino suona sempre due volte’ e ‘Cinque pezzi facili’ ma anche, in qualità di produttore, al fenomeno culturale intitolato ‘Easy Rider’. Nato il 21 febbraio 1933 ad Aspen, nel Colorado, Rafelson studia filosofia, poi si arruola nell’esercito (di stanza in Giappone, fu dj e traduttore di film giapponesi). Un impiego come editor di storie nella serie tv ‘Play of the Week’, poi quello come produttore associato in programmi televisivi e film presso Universal Pictures e Screen Gems. Messosi in proprio, insieme al collega produttore Bert Schneider, nel 1965 è la metà della Raybert Productions (più tardi Bbs Productions), il cui primo progetto è una serie televisiva su un gruppo rock ’n’ roll creato a tavolino, The Monkees, che valse ai due produttori l’Emmy Award 1967 come miglior serie comica. E proprio Micky Dolenz, l’ultimo membro sopravvissuto dei Monkees – che nel 2021 avevano perso Michael Nesmith, autore delle hit del gruppo – in queste ore ha ricordato di quella parte che gli cambiò la vita.

Il successivo progetto, che segnò il debutto di Rafelson come regista, fu ‘Sogni perduti’ (1968), un lungometraggio con i Monkees scritto insieme all’amico Jack Nicholson, che diventerà un punto fermo della sua filmografia. Ma tra le grandi produzioni della Raybert Productions c’è il suddetto ‘Easy Rider’, diretto da Dennis Hopper, migliore opera prima a Cannes 1969; primo progetto della Bbs è invece ‘Cinque pezzi facili’ (1970), secondo lungometraggio di Rafelson, quattro candidature agli Oscar: miglior film, miglior attore a Jack Nicholson, miglior attrice non protagonista a Karen Black e miglior sceneggiatura originale. Per un nuovo successo commerciale bisognerà attendere una decina d’anni: del 1981 è ‘Il postino suona sempre due volte’, ulteriore capitolo della fruttuosa collaborazione con Nicholson, che già includeva ‘Il re dei giardini di Marvin’ (1972), e includerà ‘La gatta e la volpe’ (1992) e ‘Blood and Wine - Sangue e vino’ (1996). "Era parte della mia famiglia", scrive Nicholson commemorando l’amico scomparso.

Leggi anche:

È morto Michael Nesmith, cantante e chitarrista dei Monkees

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved