carmen-bifronte-fra-nozione-operistica-e-nozione-letteraria
Wikimedia
Due facce, un unico volto
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
3 ore

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
6 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
9 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
22 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
22 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
22 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
23 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
1 gior

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Opera
04.07.2022 - 20:02
di Carlo Piccardi

Carmen bifronte, fra nozione operistica e nozione letteraria

L’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo nei suoi successori per essere l’opera realista per antonomasia

Nella storia della musica vi sono opere-manifesto. ‘La serva padrona’ di Pergolesi lo è per l’opera buffa; ‘Carmen’ lo è per l’opera realista. Proprio l’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo a cui hanno fatto riferimento i successori, i veristi italiani soprattutto. Spesso tale aspetto di esemplarità è diventato riduttivo, per non dire fuorviante. Ciò è sicuramente il caso di Carmen, in cui la nozione operistica ha prevalso sull’originale nozione letteraria.

L’origine letteraria, una novella di Mérimée

Infatti è raramente presente alla memoria che il personaggio e la relativa vicenda sono tratti da una novella di Prosper Mérimée. Ora, a parte le differenze di situazione che portano la protagonista a morire in una landa desolata anziché nella piazza antistante all’arena da dove salgono i suoni e i rumori della corrida, il "realismo" dello scrittore francese si esplica nella distanza in cui si pone come autore rispetto al racconto. Ciò che prevale è la rappresentazione di un mondo di miseria, con attenzione ai particolari considerati come qualcosa di distaccato.

Cosa passa di tutto ciò nell’opera? Il particolare certamente, ma piuttosto come elemento accattivante di colore, e l’idea del quadro d’ambiente nelle scene corali. Ciò che però è diventato il connotato dell’opera realistica (la passionalità, la crudezza espressiva, gli effetti brutali), da elemento caratterizzante si trasforma in fattore di coinvolgimento emotivo dell’autore stesso e del pubblico. Il risultato è un accorciamento drastico della distanza della rappresentazione dal fruitore, in cui prevale l’appello al senso di partecipazione alla vicenda, un rapporto viscerale in cui si perde l’oggettività, cioè conseguendo proprio il contrario di ciò che si intende per realismo.

Predilezione per una rappresentazione concreta del reale

In verità l’apparizione dell’opera di Bizet vanta ben altre ragioni oltre a quelle di trapiantare in campo musicale un concetto letterario. Essa è anche una risposta all’eccesso prodotto dal wagnerismo e dall’area estetica del simbolismo. Se una gran parte della società culturale del tempo era stata incantata dallo spiritualismo e dai valori ineffabili di un messaggio al limite dell’esoterico, per reazione la parte più disincantata di questa società venne a prediligere la rappresentazione concreta del reale.

Ciò non avveniva solo per quanto riguarda l’oggetto della rappresentazione, ma anche nel modo diretto, immediato, anti-intellettualistico di darle forma. Di lì la funzione dissacrante dell’uso delle danze popolari in Carmen. In questo senso l’opera di Bizet è una delle prime risposte ai bisogni della nuova società di massa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bizet carmen opera
© Regiopress, All rights reserved