julian-fiorentino-iorio-lugano-s-got-talent
laRegione
Julian Fiorentino Iorio, 9 anni
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
2 ore

Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione

Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
4 ore

Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena

Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
4 ore

Il Cinema canta in Piazza e in Concorso

Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
5 ore

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
15 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
17 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
18 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
18 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
18 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
18 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
19 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
19 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
23 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Musica
27.06.2022 - 08:46
Aggiornamento: 28.06.2022 - 10:57
di Beppe Donadio

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito

Vive a Fregene, sul litorale romano, studia il suo strumento mezz’ora al giorno; per il resto del tempo va a scuola e fa più o meno quello che fanno tutti i bimbi di nove anni: giocare. Ma c’è una cosa che lo rende diverso dai suoi coetanei: suona il jazz come un quarantenne. Classe 2012, dieci anni ancora da compiere, lo scorso sabato Julian Fiorentino Iorio ha incontrato il pubblico della Smum, lui solista di un quartetto che vedeva papà Carmelo al basso elettrico, mamma Kasia al pianoforte e Rocco Lombardi alla batteria in rappresentanza del jazz di casa nostra. È così che Lugano ha visto all’opera per la prima volta il piccolo talento passato rapidamente dallo strumento-giocattolo al sax soprano curvo, sua passione.

Già abituato alle grandi platee televisive (‘Italia’s Got Talent’) e al pubblico delle arene (da ascoltarsi in ‘Listen’ con Il Volo, all’Arena di Verona un anno fa), Julian ama, in ordine di sentimento: «Charlie Parker, Sonny Rollins, John Coltrane, Michael Brecker», lo dice lui dal palco; non bastasse il sax, ha un buon tempo sulla batteria, sa mettere le mani sul pianoforte, sa come si prende in mano una chitarra e ora sta facendo un pensierino al clarinetto. Questo per fugare il dubbio che la musica gli sia stata imposta: «Prima di tutto, con l’imposizione non si suona il jazz, e semmai sono io che devo dirgli di smettere...». Lo dice papà Carmelo quando ‘Ornithology’ di Charlie Parker ha chiuso il mini-concerto del suo pargolo, che ha già ringraziato gli astanti e ora scorrazza per la Smum, perfettamente in linea con la sua età.


laRegione
Con Rocco Lombardi (batteria) e papà Carmelo (basso elettrico)

Figlio d’arte – Kasia Chojnacka, la madre, è pianista e concertista classica; il babbo è sassofonista jazz – Julian «è nato con la musica in casa e continua a viverla, ma per il resto ama la natura, stare nei boschi, giocare con gli amichetti», dice Carmelo. «Da piccolo cantava le linee di Mozart, ripeteva a memoria i soli di Sonny Rollins. Ma rimane un bambino, ti suona un paio di brani e poi vuole divertirsi». A inizio esibizione, prima d’infilarsi in ‘Billie’s Bounce’ dell’amato Bird, Julian aveva specificato che il giorno successivo sarebbe andato a giocare a calcio con gli amici di Bergamo; e dopo ‘Confirmation’ (sempre Parker) aveva chiesto dove si sarebbe cenato, che è uno dei quesiti che gli adulti che fanno musica solitamente si pongono. «Julian ascolta tutto, anche Mina e Celentano», precisa il babbo, in nome di un ascolto universale, non elitario, decisamente ‘cosmico’.

Chi lo ha ascoltato alla Smum lo ha apprezzato, in duo con mamma, nello standard ‘Lover man’ e nella ‘Cantaloupe Island’ di Hancock, che non vedeva l’ora di suonare. Ma di Julian Fiorentino Iorio a Lugano v’è anche testimonianza di una riuscita ‘Blue Bossa’: è sulla pagina facebook di Jacky Marti, che della Smum è stato per un pomeriggio il padrone di casa e che per il suo Estival potrebbe aver trovato un nome nuovo. Per l’Estival del futuro, naturalmente (ma un futuro nemmeno troppo lontano…).


Facebook
Julian con Jacky Marti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bimbo prodigio julian fiorentino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved