Musica
12.06.2022 - 20:09

La discografia dice addio a Piero Sugar

Figlio di Ladislao, marito di Caterina Caselli, si è spento a Milano, città nella quale era nato nel 1937.

Ansa, a cura de laRegione
la-discografia-dice-addio-a-piero-sugar

Una famiglia-impresa, tra le poche rimaste in Europa, che ha saputo crescere investendo capitale e tecnologie, entusiasmo e competenze nel mondo della musica, attraversato da cambiamenti epocali: la dinastia Sugar perde Piero, figlio di Ladislao e padre di Filippo, il figlio avuto da Caterina Caselli.

Piero Sugar è morto sabato notte nella sua casa di Milano, città nella quale era nato nel 1937. La passione per la musica l’aveva ereditata da papà Ladislao, fondatore della Melodi e di Messaggerie Musicali, che arrivò a gestire la Cgd dopo averne acquisito una partecipazione al 50% da Teddy Reno e poi il controllo totale, nel 1959: nacque così la Cgd-Sugar. Entrato nell’azienda paterna negli anni Sessanta – quelli della vittoria di Gigliola Cinquetti a Sanremo con ‘Non ho l’età’ (1964) – Piero ne sarebbe diventato in seguito amministratore delegato, guidandola con successo, affiancato dalla moglie Caterina Caselli. I due si erano conosciuti ancora ventenni: era stato Ladislao Sugar a notare la Caselli al Piper di Roma, nel 1965, e a farle incidere l’anno dopo la hit ‘Nessuno mi può giudicare’. Nel giugno 1970 il matrimonio tra Piero a Caterina, l’anno dopo la nascita del figlio Filippo.

Nel 1989 Caterina Caselli, l’ex ‘casco d’oro’ che aveva ormai scelto di dedicarsi alla musica da produttrice e talent scout di grande fiuto, ha fondato la Insieme-Sugar, poi Sugar, che può oggi contare su Andrea Bocelli, Malika Ayane, Negramaro, Raphael Gualazzi, Madame, Motta, Sangiovanni.

© Regiopress, All rights reserved