900presente-le-discordanze-musicali-di-philippe-manoury
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi
3 ore

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
4 ore

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
8 ore

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
19 ore

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
20 ore

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
20 ore

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
21 ore

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
23 ore

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
23 ore

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
1 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
08.02.2022 - 17:49

900presente, le discordanze musicali di Philippe Manoury

Il settantenne compositore francese protagonista del concerto dell’Ensemble900 di domenica sera

di Enrico Colombo

Il compositore francese Philippe Manoury quest’anno compie settant’anni e il nostro Conservatorio gli ha dedicato un concerto dell’Ensemble900. Mi piace ricordare che nel 2012 il Lucerne Festival per i suoi sessant’anni gli concesse una Residenza e il primo concerto con sue musiche fu affidato all’Ensemble intercontemporain di Parigi, celebre formazione impegnata nella musica contemporanea, che è composta di una trentina di strumentisti come il nostro Ensemble. Nel Luzerner Saal del KKL diresse Pablo Heras-Casado; domenica nell’Auditorio Stelio Molo ha diretto Arturo Tamayo.

Le tre composizioni eseguite domenica coprono un periodo di trent’anni, penso sia lecito, ma poco significativo collocarle nel nostro secolo o cercare ascendenze nel secolo passato. Comunque il loro rigore compositivo è di alta qualità e forse frutto del lavoro di ricerca svolto all’Ircam di Parigi. Philippe Manoury era presente a Lugano, ha collaborato alle prove e ha partecipato sul palco all’esecuzione del primo brano. Per fortuna il concerto è stato registrato, così sono salve tre esecuzioni di sicuro riferimento.

“Istantané II, version Étude”, del 1983, per 6 gruppi di 3 musicisti è una musica senza storia, che non racconta (ci mancherebbe!); una successione di momenti sonori, scritti sulla partitura ma lasciati, quanto a scelte dinamiche, alla discrezione del direttore. Nell’orchestra si annida un “musicista testimone” che ha il compito di fermare la musica e poi farla ripartire, quando vuole. Stavolta il compito è stato svolto addirittura da Manoury, seduto in mezzo ai 18 strumentisti. Anche all’ascoltatore che ha trovato queste interruzioni banalmente simili a incidenti di percorso deve quindi essere passato il messaggio del compositore sulla precarietà dell’esecuzione musicale.

In “Hypothèse du sextuor”, del 2011, per sestetto, precisamente flauto, clarinetto, percussioni, pianoforte, violino, violoncello un racconto c’è, e sembra la cronaca di un disaccordo, come nel teatro di prosa, il pirandelliano “Così è se vi pare”. Sei persone che discutono e non riescono a mettersi d’accordo rendono poi inevitabile la citazione dei “Sei personaggi in cerca d’autore”.

“Instants pluriels”, del 2008, per due gruppi strumentali (e due direttori), ha riportato in scena Francesco Bossaglia, l’altro direttore storico di 900presente. 7 musicisti a sinistra, diretti da Tamayo, 9 a destra, diretti da Bossaglia, hanno saputo creare quello spazio sonoro capace di coinvolgere gli ascoltatori, che era mancato nei due brani precedenti. Tuttavia le emozioni invernali promesse da Manoury, almeno nel testo stampato sul programma di sala, con la citazione “Des pas sur la neige”, il Preludio di Debussy, penso siano rimaste velleità opzionali.

Erano 33 i componenti dell’eccellente Ensemble900, che offrivano un’incredibile varietà di strumenti: gli archi dell’orchestra, una ricca percussione, tanti fiati con le famiglie dei legni quasi complete… una varietà di timbri inafferrabile, ubriacante, da far pensare metaforicamente a un quadro di Jackson Pollock, a quell’impressionismo astratto, lasciato al caso, non guidato da un pensiero costruttore.

Anche la musica di Manoury, nonostante l’acribia della scrittura, sembra lasciata al caso, non guidata da pensiero in grado di coinvolgere l’ascoltatore. Ma forse questa è proprio una peculiarità, oso dire una virtù, della musica del XXI secolo: la volontà di estraniarsi dal mondo, di non coinvolgere a tutti i costi, di non essere musica d’intrattenimento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
900presente musica philippe manoury
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved