Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
il-teatro-e-le-forze-del-disordine-secondo-romeo-castellucci
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
8 ore

Aurelio Galfetti, il ricordo di Nicola Navone

Il vicedirettore dell’Archivio del Moderno ricorda l’architetto ticinese scomparso domenica sera
Spettacoli
10 ore

‘Risvegli’, da Oliver Sacks al Teatro Foce

Finalmente ha debuttato lo spettacolo di Mirko D’Urso tratto dal saggio dello psichiatra e scrittore
Scienze
13 ore

Meteorite di mezzo chilo caduto in Vallese. ‘Non cercatelo’

Grande come un mandarino, si è schiantato il 29 novembre su un ghiacciaio in Val de Bagnes e non è stato trovato. L’esperto: ‘Non fatelo, è pericoloso.’
Culture
1 gior

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento ‘ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte’
Spettacoli
1 gior

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
1 gior

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
1 gior

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
1 gior

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
1 gior

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
1 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
2 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
3 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
3 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
3 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
3 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
3 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
3 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
4 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
4 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
4 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Spettacoli
4 gior

È morto Alvin Lucier, genio dell’avanguardia musicale

Il compositore statunitense che aveva messo i Beatles in una teiera è morto all’età di novant’anni. La svolta sperimentale avvenuta in Europa
Spettacoli
 
09.10.2021 - 05:250

Il teatro e le forze del disordine secondo Romeo Castellucci

Il regista teatrale ha incontrato la stampa prima del debutto, sabato 9 e domenica 10, del suo ‘Bros’ coprodotto dal Lac

Seduti in una poltrona, mangiando un gipfel dopo aver bevuto un caffè, attendiamo l’arrivo di Romeo Castellucci: il regista italiano è in ritardo, trattenuto dalla preparazione del suo spettacolo ‘Bros’ – come si dirà, non si può parlare di prove –, ma siamo nel salotto che il Fit, Festival internazionale del teatro e della scena contemporanaea, ha allestito nella Sala 4 del centro culturale, l’atmosfera è quella di un incontro informale più che di una conferenza stampa e l’attesa passa veloce, tra chiacchiere e la lettura di un Indice comportamentale che i partecipanti a questo progetto devono sottoscrivere (ne trovate qualche passaggio nell’immagine).

Quell’Indice è alla base di ‘Bros’. «In scena non ci sono attori: il lavoro è fatto da perfetti sconosciuti selezionati tramite una specie di appello e che hanno firmato questo indice di comportamento» ha spiegato Castellucci rispondendo a una domanda del direttore artistico del Lac Carmelo Rifici. Niente attori, quindi, ma persone comuni che vestite da poliziotti ricevono degli ordini dal regista tramite un auricolare.

Niente attori e anche niente prove: giusto una preparazione sul tipo di azioni che potrebbero essere chiamati a compiere. Il resto sarà una sorpresa per il pubblico, per gli interpreti – il regista avrebbe voluto persone diverse per ogni rappresentazione, ma con il Covid è troppo complicato così «lo stratagemma per preservare questo tracciamento è stato cambiare ogni sera i comandi» – e anche per il regista stesso. «È un lavoro che non è concepito come d’abitudine, con delle prove, una messa in scena che si costruisce un po’ alla vota con l’esperienza degli attori: tutto questo è stato tagliato e sfugge anche a me». E in alcune delle risposte si è percepita un po’ d’ansia per l’incertezza su quel che potrebbe accadere sabato e domenica.

I ‘non attori’

Castellucci è ben attento a non definire attori le persone che sul palco ubbidiranno – si spera, perché come si dirà rimane aperto uno spazio per la disobbedienza – ai suoi comandi. Ma, gli chiediamo, dove è il confine? Dopotutto anche un attore normale segue quanto ordinato dal copione e dal regista. «Certo, c’è anche – a voler usare una parolaccia – una questione di metalinguaggio, perché il tutto è anche una metafora del teatro: gli attori sono comunque dei consegnati che devono rispettare delle funzioni, sono a loro modo macchine, per quanto calde. È la loro offerta, la loro oblazione. In ‘Bros’ questa alienazione – in senso etimologico – è portata alle estreme conseguenze: i protagonisti sono spossessati completamente, non c’è la fase della coscienza, non c’è la fase della scelta, l’azione è schiacciata, non c’è tempo di scegliere, occorre agire. Questo taglia tutta un’idea romantica di attorialità: è una visione dura, brutale dell’attore».

Ordine e violenza

Queste digressioni sull’incertezza e sull’attorialità non devono ingannare: il tema principale di ‘Bros’ è un altro. Questo spettacolo nasce come riflessione sull’ordine, sulla violenza, sulla legge. Il fatto che gli “attori” siano vestiti da poliziotti è quindi un elemento centrale. «Il personaggio di questo lavoro è il corpo di polizia» ha spiegato Castellucci. Ed è alla base della genesi di questa insolita produzione. «È sempre difficile dire perché si fa una cosa: molto spesso siamo scelti da quella cosa, si realizza quella cosa come una risposta a una spinta». Una spinta che Castellucci cerca in un’esperienza vissuta in Francia: «Sono rimasto molto colpito, come cittadino: mi trovavo a Parigi per un mese e mezzo, nel cuore del fuoco delle proteste dei ‘gilets jaunes’ e stavo in una via che era sempre presidiata da centinaia di poliziotti. Dovevo continuamente attraversare questo schieramento di persone in uniforme». Ne è seguita una sensazione «di estrema fragilità di fronte a una forza oscura e arcaica – e questo lo dico al di là dei giudizi sociali e politici».

Su quest’ultimo punto, il giudizio sociale, Castellucci è tornato rispondendo a un’altra domanda: «Non c’è un giudizio, non ho nessuna dichiarazione da fare sulla polizia o contro la polizia. Non è il mio compito dell’arte, non è il compito dell’arte: parlo per me, ci sono opinioni differenti, ma l’arte non ha nulla a che fare con l’attivismo». Il che comunque non significa indifferenza, dal momento che a un certo punto Castellucci accenna all’uccisione di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis «che mi ha turbato moltissimo e ha messo in dubbio tutto il progetto».

Lo spettacolo si è dunque sviluppato intorno a questa «immagine primitiva, arcaica di una specie di gruppo, di clan: ‘Bros’ sta per “fratelli”, per la fratellanza del corpo di polizia, un corpo anonimo e rivestito dalla potenza inaudita dell’uniforme». Uniforme che porta al tema della legge – «uno dei terreni su cui la tragedia attica si è fondata: la necessità della legge ma anche la maledizione della legge» – e soprattutto della violenza: «Solo la polizia è legittimata a usare la violenza, è un potere che apparentemente noi cittadini diamo loro». La violenza è un tema centrale del teatro. «Di tutto il teatro, non parliamo solo di me ma anche ad esempio di Molière: il teatro comico è particolarmente violento. È un fatto complesso che andrebbe certamente analizzato: l’arte ha a che fare con la violenza, la religione ha a che fare con la violenza perché la vita è violenta, secondo la visione tragica l’essere nati è un fatto violento».

Una goccia di disordine

In scena questi “non attori” riceveranno degli ordini. «Esattamente come avviene nel corpo di polizia: il poliziotto è colui che riceve un ordine e, in quanto membro delle forze dell’ordine, è anche colui che deve imporre un ordine». In tutto questo ordine Castellucci vuole inserire una “goccia di disordine”: «Queste persone sono all’oscuro di tutto, gli ordini che ricevono sono soprattutto individuali ma in alcuni momenti collettivi». Rifici chiede se è prevista la disobbedienza. «Più che altro è previsto l’imbarazzo, è prevista l’ambiguità: alcuni comandi sono tendenziosamente poco chiari proprio per metterli alla prova, per vedere come reagiscono. Alcuni comandi saranno quindi fraintesi, spero siano fraintesi e tutto questo compone una massa di gesti che ha a che fare con il caos, con la confusione».

Concludiamo il resoconto dell’incontro con Castellucci dal punto dal quale eravamo partiti: l’Indice comportamentale. Come viene recepito dai partecipanti, ha chiesto Rifici. «Alcuni rifiutano: leggono “sono disposto a diventare un poliziotto” e dicono “grazie, no”. Altri rispondono in modo entusiasta, entrando nello spirito di queste dichiarazioni che a un certo punto deragliano». I continui “anche se non capisco questa frase” rispondono a questa esigenza? «È un modo per metterli alla prova: se passano da questa porta stretta saranno in grado di affrontare il resto, perché è chiaro che è necessaria una complicità filosofica e artistica».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved