STRICKER D. (SUI)
SANDGREN T. (USA)
21:30
 
il-teatro-e-le-forze-del-disordine-secondo-romeo-castellucci
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 min

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
17 min

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 ora

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
2 ore

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
3 ore

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
3 ore

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
3 ore

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
9 ore

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
13 ore

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
15 ore

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
1 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
1 gior

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
1 gior

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
1 gior

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
1 gior

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
2 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
3 gior

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
3 gior

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
 
09.10.2021 - 05:250

Il teatro e le forze del disordine secondo Romeo Castellucci

Il regista teatrale ha incontrato la stampa prima del debutto, sabato 9 e domenica 10, del suo ‘Bros’ coprodotto dal Lac

Seduti in una poltrona, mangiando un gipfel dopo aver bevuto un caffè, attendiamo l’arrivo di Romeo Castellucci: il regista italiano è in ritardo, trattenuto dalla preparazione del suo spettacolo ‘Bros’ – come si dirà, non si può parlare di prove –, ma siamo nel salotto che il Fit, Festival internazionale del teatro e della scena contemporanaea, ha allestito nella Sala 4 del centro culturale, l’atmosfera è quella di un incontro informale più che di una conferenza stampa e l’attesa passa veloce, tra chiacchiere e la lettura di un Indice comportamentale che i partecipanti a questo progetto devono sottoscrivere (ne trovate qualche passaggio nell’immagine).

Quell’Indice è alla base di ‘Bros’. «In scena non ci sono attori: il lavoro è fatto da perfetti sconosciuti selezionati tramite una specie di appello e che hanno firmato questo indice di comportamento» ha spiegato Castellucci rispondendo a una domanda del direttore artistico del Lac Carmelo Rifici. Niente attori, quindi, ma persone comuni che vestite da poliziotti ricevono degli ordini dal regista tramite un auricolare.

Niente attori e anche niente prove: giusto una preparazione sul tipo di azioni che potrebbero essere chiamati a compiere. Il resto sarà una sorpresa per il pubblico, per gli interpreti – il regista avrebbe voluto persone diverse per ogni rappresentazione, ma con il Covid è troppo complicato così «lo stratagemma per preservare questo tracciamento è stato cambiare ogni sera i comandi» – e anche per il regista stesso. «È un lavoro che non è concepito come d’abitudine, con delle prove, una messa in scena che si costruisce un po’ alla vota con l’esperienza degli attori: tutto questo è stato tagliato e sfugge anche a me». E in alcune delle risposte si è percepita un po’ d’ansia per l’incertezza su quel che potrebbe accadere sabato e domenica.

I ‘non attori’

Castellucci è ben attento a non definire attori le persone che sul palco ubbidiranno – si spera, perché come si dirà rimane aperto uno spazio per la disobbedienza – ai suoi comandi. Ma, gli chiediamo, dove è il confine? Dopotutto anche un attore normale segue quanto ordinato dal copione e dal regista. «Certo, c’è anche – a voler usare una parolaccia – una questione di metalinguaggio, perché il tutto è anche una metafora del teatro: gli attori sono comunque dei consegnati che devono rispettare delle funzioni, sono a loro modo macchine, per quanto calde. È la loro offerta, la loro oblazione. In ‘Bros’ questa alienazione – in senso etimologico – è portata alle estreme conseguenze: i protagonisti sono spossessati completamente, non c’è la fase della coscienza, non c’è la fase della scelta, l’azione è schiacciata, non c’è tempo di scegliere, occorre agire. Questo taglia tutta un’idea romantica di attorialità: è una visione dura, brutale dell’attore».

Ordine e violenza

Queste digressioni sull’incertezza e sull’attorialità non devono ingannare: il tema principale di ‘Bros’ è un altro. Questo spettacolo nasce come riflessione sull’ordine, sulla violenza, sulla legge. Il fatto che gli “attori” siano vestiti da poliziotti è quindi un elemento centrale. «Il personaggio di questo lavoro è il corpo di polizia» ha spiegato Castellucci. Ed è alla base della genesi di questa insolita produzione. «È sempre difficile dire perché si fa una cosa: molto spesso siamo scelti da quella cosa, si realizza quella cosa come una risposta a una spinta». Una spinta che Castellucci cerca in un’esperienza vissuta in Francia: «Sono rimasto molto colpito, come cittadino: mi trovavo a Parigi per un mese e mezzo, nel cuore del fuoco delle proteste dei ‘gilets jaunes’ e stavo in una via che era sempre presidiata da centinaia di poliziotti. Dovevo continuamente attraversare questo schieramento di persone in uniforme». Ne è seguita una sensazione «di estrema fragilità di fronte a una forza oscura e arcaica – e questo lo dico al di là dei giudizi sociali e politici».

Su quest’ultimo punto, il giudizio sociale, Castellucci è tornato rispondendo a un’altra domanda: «Non c’è un giudizio, non ho nessuna dichiarazione da fare sulla polizia o contro la polizia. Non è il mio compito dell’arte, non è il compito dell’arte: parlo per me, ci sono opinioni differenti, ma l’arte non ha nulla a che fare con l’attivismo». Il che comunque non significa indifferenza, dal momento che a un certo punto Castellucci accenna all’uccisione di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis «che mi ha turbato moltissimo e ha messo in dubbio tutto il progetto».

Lo spettacolo si è dunque sviluppato intorno a questa «immagine primitiva, arcaica di una specie di gruppo, di clan: ‘Bros’ sta per “fratelli”, per la fratellanza del corpo di polizia, un corpo anonimo e rivestito dalla potenza inaudita dell’uniforme». Uniforme che porta al tema della legge – «uno dei terreni su cui la tragedia attica si è fondata: la necessità della legge ma anche la maledizione della legge» – e soprattutto della violenza: «Solo la polizia è legittimata a usare la violenza, è un potere che apparentemente noi cittadini diamo loro». La violenza è un tema centrale del teatro. «Di tutto il teatro, non parliamo solo di me ma anche ad esempio di Molière: il teatro comico è particolarmente violento. È un fatto complesso che andrebbe certamente analizzato: l’arte ha a che fare con la violenza, la religione ha a che fare con la violenza perché la vita è violenta, secondo la visione tragica l’essere nati è un fatto violento».

Una goccia di disordine

In scena questi “non attori” riceveranno degli ordini. «Esattamente come avviene nel corpo di polizia: il poliziotto è colui che riceve un ordine e, in quanto membro delle forze dell’ordine, è anche colui che deve imporre un ordine». In tutto questo ordine Castellucci vuole inserire una “goccia di disordine”: «Queste persone sono all’oscuro di tutto, gli ordini che ricevono sono soprattutto individuali ma in alcuni momenti collettivi». Rifici chiede se è prevista la disobbedienza. «Più che altro è previsto l’imbarazzo, è prevista l’ambiguità: alcuni comandi sono tendenziosamente poco chiari proprio per metterli alla prova, per vedere come reagiscono. Alcuni comandi saranno quindi fraintesi, spero siano fraintesi e tutto questo compone una massa di gesti che ha a che fare con il caos, con la confusione».

Concludiamo il resoconto dell’incontro con Castellucci dal punto dal quale eravamo partiti: l’Indice comportamentale. Come viene recepito dai partecipanti, ha chiesto Rifici. «Alcuni rifiutano: leggono “sono disposto a diventare un poliziotto” e dicono “grazie, no”. Altri rispondono in modo entusiasta, entrando nello spirito di queste dichiarazioni che a un certo punto deragliano». I continui “anche se non capisco questa frase” rispondono a questa esigenza? «È un modo per metterli alla prova: se passano da questa porta stretta saranno in grado di affrontare il resto, perché è chiaro che è necessaria una complicità filosofica e artistica».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved