mozart-un-ribelle-e-un-fine-conoscitore-dell-animo-umano
Regula Muelehmann (foto Guido Werner)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
9 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
12 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
12 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
17 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
21 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
22 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
22 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
22 ore

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
1 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
1 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
2 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
2 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
2 gior

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Culture
2 gior

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Spettacoli
12.09.2021 - 16:220

‘Mozart? Un ribelle e un fine conoscitore dell’animo umano’

Il grande soprano svizzero Regula Mühlemann si esibisce lunedì 13 settembre alle Settimane Musicali di Ascona accompagnata dall’Osi

Professione: soprano. Status: star internazionale, si esibisce sui più importanti palcoscenici del mondo. Particolarità: una voce che meraviglia per la sua luminosità e brillantezza. Reduce da un trionfo al Festival di Salisburgo, dove ha interpretato Bellezza nel ‘Trionfo della morte e del disinganno’ di Händel, è una delle grandi interpreti contemporanee delle arie di Mozart, repertorio che l’ha portata anche al successo discografico e che lunedì 13 settembre alle 20.30 presenterà nella chiesa di San Francesco a Locarno per le Settimane musicali di Ascona, accompagnata dall’Orchestra della Svizzera italiana diretta da Thomas Søndergård.

È la prima volta che canta alle Settimane Musicali e che collabora con l’Orchestra della Svizzera italiana?
Che rapporto ha col Ticino?

Sì, è la prima volta e ne sono davvero felice. Amo il Ticino per i suoi paesaggi e la sua atmosfera, ma anche per una questione affettiva perché mio marito è cresciuto in Ticino e ogni tanto torniamo a trovare gli zii che abitano nella casa della sua infanzia a Rivera. Al concerto ci saranno anche loro.

Come si è avvicinata alla musica?

Sono cresciuta ad Adligenswil, un villaggio vicino a Lucerna. Lì ho dapprima cominciato a prendere lezioni di piano e solo a 13-14 anni a cantare in un coro per ragazzi, la Luzerner Kantorei. Comunque in casa abbiamo sempre cantato molto e ascoltato musica. Mia mamma possiede una grossa collezione di dischi che include un po’ di tutto, da Bach ai Beatles alla musica popolare.

Quando si è accorta di avere il potenziale per diventare una cantante professionista? Magari il giorno in cui la Sony decise di scommettere su di lei?

La consapevolezza nei propri mezzi è un processo graduale. Un primo momento importante è stato per me il giorno in cui il direttore della Hochschule für Musik di Lucerna mi scelse quale cantante da mandare a una competizione internazionale. Scelse proprio me, la piccola Regula Mühlemann! Lì ho realizzato che sì, forse avevo davvero una voce, un talento. Sono poi seguiti tutta una serie di concerti, all’inizio piccole parti, ma comunque esigenti, e poi ruoli principali. Chiaramente, il contratto discografico con la Sony Classical, quello con la Wiener Staatsoper per ruoli importanti fino alla recente esibizione a Salisburgo nel ruolo di Bellezza nel ‘Trionfo del tempo e del disinganno’ di Händel sono stati ulteriori tappe di un processo di crescita e consapevolezza. Non si finisce mai d’imparare, in realtà.

Immaginiamo occorra una ferrea disciplina per portare avanti una carriera di cantante.

Ci vuole moltissima disciplina, ma amo talmente quello che faccio che la cosa non mi spaventa. La passione fa miracoli, non ho mai l’impressione che il lavoro sia un sacrificio. Per il resto, io sono una che lavora al 200 per cento – quando studio un nuovo ruolo, ad esempio – oppure non fa assolutamente nulla. Fare delle pause per godersi la propria vita, vedere gli amici e cose del genere è fondamentale. E del resto, è fondamentale far riposare anche la propria voce.

C’è qualche soprano che l’ha ispirata particolarmente?

Oggi ci sono molte cantanti che mi ispirano, però quando studiavo avevo i miei idoli. Per la coloritura e i vocalizzi ascoltavo Edita Gruberová, per le belle linee melodiche e il legato Kiri Te Kanawa e per il repertorio liederistico Barbara Bonney. Aggiungerei alla lista anche Edith Mathys, una fantastica cantante di Lucerna.

Una carriera musicale si costruisce negli anni con pazienza. C’è qualcuno che deve ringraziare in particolare?

Sicuramente la mia professoressa alla Hochschule di Lucerna, Barbara Locher, con cui ho studiato sette anni e che ogni tanto vedo e consulto ancora quando affronto un nuovo ruolo. Poi Eberhard Rex, il direttore della Luzerner Kantorei perché è lui che ha scoperto il mio talento e mi ha incitato a studiare. Senza di lui avrei forse fatto del canto il mio hobby e sarei diventata una biologa o una fiorista…

Veniamo al concerto di Ascona, dove canterà delle arie di Mozart. Che cosa la affascina in modo particolare di Mozart?

Penso che Mozart, insieme a Verdi, sia stato il più grande compositore d’opera. Per eccellere in questo genere bisogna certamente conoscere i meccanismi che producono i migliori effetti teatrali, ma bisogna anche avere un’idea chiara della psiche dei personaggi. Mozart deve essere stato un fine conoscitore della natura umana perché quasi nessun altro compositore è stato in grado come lui di tratteggiare personaggi così realistici, portarli in vita attraverso la musica, illustrandone le relazioni in modo così convincente. Credo che sia anche questo il motivo per cui il suo lavoro funzioni così bene nelle produzioni moderne.
In molte opere del passato si portano in scena situazioni che viste oggi sembrano desuete. Non così con Mozart. Certo, i protagonisti sono conti e regine, ma i loro sentimenti, le loro motivazioni li possiamo capire ancora oggi. Mozart era molto moderno e anche molto coraggioso quando scriveva i suoi testi. Attraverso le sue opere, si è ripetutamente ribellato al dominio delle autorità e ha posto domande socialmente critiche. Cameriere amiche di contesse, servi che si difendono dalle autorità, donne autodeterminate e coraggiose. È fantastico. Mozart ha portato in scena ritratti di donne incredibilmente forti. Era un femminista! Per creare i suoi personaggi, a quanto pare immaginava sempre persone della vita reale. Per esempio, si dice che l’aria “die Königin der Nacht” gli sia venuta in mente assistendo a un attacco d’ira della suocera. Amore, odio, lussuria, potere, abuso, inganno, seduzione, solitudine, perdita d’amore, amicizia sono sentimenti profondamente umani. La musica di Mozart è assolutamente senza tempo. Le emozioni sono le stesse allora come oggi. E questo non vale solo per l’opera. Si dice che anche quando scriveva pezzi strumentali Mozart avesse sempre in mente un testo, è come se anche i pezzi strumentali avessero un testo immaginario, ogni melodia era quindi anche una sequela di parole, come una storia che va dritta al cuore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved