cannes-vento-e-sole-per-una-bella-giornata-di-cinema
Il sempre formidabile Bill Murray per Wes Anderson (foto: 20th Century Studios and TFD Productions LLC)
ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
2 ore

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
9 ore

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
10 ore

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
10 ore

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
11 ore

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
11 ore

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
12 ore

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
17 ore

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
21 ore

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
22 ore

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
22 ore

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
22 ore

Matt Elliott a Chiasso, un ritorno

Visto e ascoltato in passato allo Spazio Lampo, mercoledì 1° giugno all’ex bar Mascetti
Spettacoli
1 gior

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Musica
1 gior

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
1 gior

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Cinema
1 gior

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
Culture
1 gior

A Bellinzona l’esempio di vita di Leonardo Sciascia

Mercoledì primo giugno alle 18.30 la presentazione del volume ‘Il tenace concetto. Leonardo Sciascia: la letteratura, la conoscenza, l’impegno civile’
Culture
2 gior

Anche la poesia abita a Soletta

Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
2 gior

Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’

Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Musica
2 gior

‘Frequenze libere’, chiudono Heike Fiedler e Natalie Peters

Interazione tra la parola e la musica per il gran finale di domenica 29 maggio allo Spazio Elle di Locarno
Spettacoli
2 gior

Cannes dalla musica di Bowie ai corpi di Cronenberg

In Concorso sono arrivati gli attesi David Cronenberg e Park Chan-wook, ma il miglior film è ‘Nos Frangins’ (I nostri fratelli) di Rachid Bouchareb
Sulla Croisette
13.07.2021 - 19:34
Aggiornamento : 20:27

Cannes, vento e sole per una bella giornata di cinema

Memorabile l'ultimo e definitivo Jean-Claude Carrière; era il giorno del (fin troppo) perfetto 'French Dispatch' di Wes Anderson e del folle ‘Petrov's Flu’

di Ugo Brusaporco

Lo aveva annunciato senza retorica Thierry Frémaux, direttore di questo festival o, come si dice qui, delegato generale del Festival di Cannes, che aggiunge a questo ruolo anche quello ben importante di direttore dell'Istituto Lumière di Lione, uno dei centri mondiali più quotati per essere memoria e sentinella del Cinema. Ebbene, Frémaux aveva fin dall'inizio detto che questo Festival non può chiudere gli occhi di fronte alle esigenze climatiche e ambientali di questo mondo. Lo ha fatto non solo dedicando una sezione al cinema legato all'ambiente il Festival, ma, come ha spiegato davanti a un pubblico attento, durante la presentazione di ‘La Croisade’ di Louis Garrel, uno dei film selezionati in questo ambito, dando conto agli accreditati tutte e tutti del festival che i 25 euro che erano stati richiesti per partecipare sono finiti in progetti legati all’ecologia, alla salvezza del pianeta, un piccolo gesto che solo fatto insieme può diventare importante.

E il film è memorabile, non per la fresca regia di Garrel, ma perché è l'ultima caustica e provocante sceneggiatura di Jean-Claude Carrière, che ci ha lasciato vedovi l'8 febbraio di quest'anno, lui geniale surrealista capace di accompagnare Luis Buñuel e non solo in un confronto violentemente intellettuale con il mondo in cui viviamo. Ha pianto Frémaux ricordandolo e noi lo abbiamo ritrovato splendido nelle idee più folgoranti del film. Solo la sua capacità di essere lucido, ironico fino al sarcasmo mai volgare, può regalare una simile storia dove due genitori dell'alta borghesia, interpretati dallo stesso regista e da Laetitia Casta, si ritrovano a confrontarsi col tredicenne figlio che insieme a compagni di classe e del mondo intero si è messo in testa di riempire di acqua dolce il deserto del Sahara; per recuperare i soldi necessari, ha prelevato da casa e venduto su internet i preziosi vestiti della mamma, i suoi gioielli e le scarpe, e gli orologi del padre, i libri preziosi e gran parte dei suoi vini leggendari, oltre ad altre cose; lo stesso figlio, scoprono, ha già conosciuto l'amore carnale con una ragazza più grande di lui. Di più: sempre il figlio, con una compagna di scuola con cui andrà ad amoreggiare, annuncia agli esterrefatti genitori il piano di spopolare il pianeta di quattro miliardi di persone scegliendo con una lotteria ed escludendo anziani e vecchi che tanto moriranno presto. Se si aggiunge che la moglie sceglie di stare dalla parte del figlio contro un uomo, il marito, che negli anni ha perso la capacità di sognare, d'illudersi, di provare emozioni, accontentandosi di un banale e noioso quotidiano, abbiamo il quadro completo di un film cui manca solo la regia di Buñuel per essere da applausi. Grazie mille mitico Jean-Claude Carrière.


‘La Croisade’ di Louis Garrel (foto: Shanna Besson / Why Not Productions)

In concorso, intanto, è passato l'attesissimo ‘The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun’ di Wes Anderson. Attesissimo Wes Anderson perché ormai è così familiare che YouTube è ormai stato invaso da imitatori dei suoi modi intelligenti, le voci fuori campo sonore e le composizioni rettilinee dettagliate... Qualcuno è arrivato a dire che il regista sta a Youtube come Elvis a Las Vegas. Ma andiamo con ordine. Non è un film fulminante come altri di Anderson, è un andirivieni elegante e originale di slapstick, tenute insieme dal desiderio, non nascosto, di rendere eccentricamente omaggio alla rivista New Yorker, al suo stile, al suo taglio culturale, ai suoi lettori, gli intellettuali di New York principalmente. Il ‘French Dispatch’ del titolo è il supplemento tipo feuilleton di un giornale immaginario del Kansas dedicato alla vita intellettuale della Francia. Siamo alla fine degli anni '60 nella immaginaria cittadina di provincia francese di Ennui -Sur-Blasé. È qui la redazione del giornale edito e diretto da Arthur Howitzer Jr. (un sempre formidabile Bill Murray); gli amici newyorchesi vedono in questo e in altri personaggi del film proprio la parodia dei redattori e delle figure più note del New Yorker. Tilda Swinton è il critico d'arte JKL Berensen, che racconta la storia dell'assassino artista Moses Rosenthaler (imperdibile Benicio Del Toro) per il quale la guardia carceraria Simone (straordinaria Léa Seydoux) funge da modella nuda e musa. Frances McDormand è Lucinda Krementz, una scrittrice che sulla scena rivoluzionaria studentesca di Ennui-Sur-Blasé finisce per avere una relazione con il suo giovane leader Che-ish Zeffirelli (Timothée Chalamet). C’è l’esperto culinario (un misurato ed efficace Jeffrey Wright). C'è James Baldwin nella parte di un redattore gay di colore mandato a fare difficili interviste. Al giornale si viene licenziati se non si rispettano due regole: non piangere e cerca di far sembrare che tu l'abbia scritto in quel modo apposta. La commedia ha anche una sua parte semi drammatica, con il rapimento del figlio del commissario (il sempre puntuale Mathieu Amalric), e l’azione live diventa un disegno animato. Non manca niente in questo divertente e malinconico film, tutto è perfettamente a posto. Solo, a volte, fa capolino un po’ di noia: già perché tutto è perfetto. Applausi meritatissimi al regista e a un cast clamoroso.


‘The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun’ di Wes Anderson (foto: 20th Century Studios and TFD Productions LLC)

Ancora in Concorso, ‘Petrov's Flu’ di Kirill Serebrennikov, tratto dal popolare libro di Alexei Salnikov, ‘Petrovy v grippe I vokrug nego’ (I Petrov dentro e intorno all'influenza). Un film costruito come un concerto per violino e orchestra, e il violino è il Petrov del titolo (un bravissimo e intenso Semyon Serzin). Siamo in una città, nella Russia post-sovietica, alle prese con un'epidemia d'influenza; Petrov, disegnatore di fumetti, è sconvolto da una persistente tosse, mescola medicine scadute e abbondanti dosi di alcool che lo pongono in una situazione d'incoscienza e allucinazioni, mescolate a rari momenti di coscienza. Nella sua mente, i ricordi suoi e quelli della storia si mescolano: lo vediamo scaraventato giù da un autobus e messo in un plotone di esecuzione dove mitraglia un gruppo di borghesi impauriti, poi di colpo si trova in un carro funebre portato a casa di un falso prete che impreca contro il governo e dio. Si rivede bambino alla festa di Natale, ma forse è quella del 19 maggio giorno dei pionieri e in mente ha un maglione rosso e sua mamma e la febbre e una donna vestita da fiocco di neve, cui chiede se è un vero fiocco di neve e lei, incinta, vuole solo abortire. Petrov si ritrova a casa, ha divorziato dalla moglie, ma ora sono vicini perché il loro bambino ha la febbre troppo alta, e lui sogna di portare il figlio all'ospedale in una notte di bufera, senza riuscirci. Film che scorre, inciampa si rialza; un vortice di follia, un film che regala cinema vero, senza la barriera di voler piacere.


‘Petrov's Flu’ di Kirill Serebrennikov (foto: Hype Film)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cannes french dispatch jean-claude carrière wes anderson
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved